Vuoto / € 0,00
Il tuo carrello è vuoto

Filtra per

Prezzo

€ 0 / € 500

Sconto

  • Tutti
  • 50%
  • 40%
  • 35%
  • 30%
  • 25%
  • 20%
  • 15%
  • 10%
RESET FILTRI

Diritto di recesso entro 14 giorni
Spedizione gratis per ordini superiori a €25
Servizio Clienti: 340.2256312
Pagamenti sicuri


30 %

MICROCLISMI GLICEROLO AFOM ADULTI

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA: Lassativi, clismi.  PRINCIPI ATTIVI: Soluzione rettale prima infanzia da 2,25 g: ogni contenitore monodose contiene 2,25 g di glicerolo. Soluzione rettale bambini da 4,5 g: ogni contenitore monodose contiene 4,5 g di glicerolo. Soluzione rettale a dulti da 6,75 g: ogni contenitore monodose contiene 6,75 g di glicerol o.  ECCIPIENTI: Camomilla estratto fluido, malva estratto fluido, amido di patata, acq ua depurata.  INDICAZIONI: Trattamento di breve durata della stitichezza occasionale.  CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR: Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipien ti. Dolore addominale acuto o di origine sconosciuta. Nausea o vomito. Ostruzione o stenosi intestinale. Sanguinamento rettale di origine sc onosciuta. Crisi emorroidale acuta con dolore e sanguinamento. Grave s tato di disidratazione.  POSOLOGIA: La dose corretta e' quella minima sufficiente a produrre una facile ev acuazione. E' consigliabile usare inizialmente le dosi minime previste . Adulti e adolescenti (12-18 anni): un contenitore monodose adulti da 6,75 g al bisogno, per un massimo di 1 o 2 somministrazioni al giorno . Bambini di eta' compresa tra 6-11 anni: un contenitore monodose bamb ini da 4,5 g al bisogno, per un massimo di 1 o 2 somministrazioni al g iorno. Bambini di eta' compresa tra 2-6 anni: un contenitore monodose prima infanzia da 2,75 g al bisogno, per un massimo di 1 o 2 somminist razioni al giorno. Istruzioni per l'uso: togliere il cappuccio del con tenitore monodose; puo' essere utile lubrificare la cannula con una go ccia della soluzione stessa, prima di introdurla nel retto e premere i l soffietto. Estrarre la cannula tenendo premuto il soffietto. Ogni co ntenitore deve essere utilizzato per una sola somministrazione; eventu ale medicinale residuo deve essere eliminato. Nei bambini sotto i dodi ci anni il medicinale puo' essere utilizzato solo dopo aver consultato il medico. I lassativi devono essere usati il meno frequentemente pos sibile e per non piu' di sette giorni. Una dieta ricca di liquidi favo risce l'effetto del medicinale.  CONSERVAZIONE: Conservare nella confezione originale per proteggere il medicinale dal l'umidita' e lontano da fonti dirette di calore.  AVVERTENZE: I lassativi devono essere usati il meno frequentemente possibile e per non piu' di sette giorni. L'uso per periodi di tempo maggiori richied e la prescrizione del medico dopo adeguata valutazione del singolo cas o. Il trattamento della stitichezza cronica o ricorrente richiede semp re l'intervento del medico per la diagnosi, la prescrizione dei farmac i e la sorveglianza nel corso della terapia. E' inoltre opportuno che i soggetti anziani o in non buone condizioni di salute consultino il m edico prima di usare il medicinale. L'abuso di lassativi puo' causare diarrea persistente con conseguente perdita di acqua, sali minerali (s pecialmente potassio) ed altri fattori nutritivi essenziali. Nei casi piu' gravi di abuso e' possibile l'insorgenza di disidratazione o ipop otassiemia, la quale puo' determinare disfunzioni cardiache o neuromus colari, specialmente in caso di trattamento contemporaneo di glicosidi cardiaci, diuretici o corticosteroidi. L'abuso di lassativi, specialm ente quelli di contatto (lassativi stimolanti), puo' causare dipendenz a (e, quindi, possibile necessita' di aumentare progressivamente il do saggio), stitichezza cronica e perdita delle normali funzioni intestin ali (atonia intestinale). Negli episodi di stitichezza, si consiglia i nnanzitutto di correggere le abitudini alimentari integrando la dieta quotidiana con un adeguato apporto di fibre ed acqua. Quando si utiliz zano lassativi e' opportuno bere al giorno almeno 6-8 bicchieri di acq ua, o altri liquidi, in modo da favorire l'ammorbidimento delle feci.  INTERAZIONI:Non sono stati effettuati studi specifici di interazione.  EFFETTI INDESIDERATI: Di seguito sono riportati gli effetti indesiderati di glicerolo organi zzati secondo la classificazione sistemica organica MedDRA. Non sono d isponibili dati sufficienti per stabilire la frequenza dei singoli eff etti elencati. Patologie gastrointestinali: dolori crampiformi isolati o coliche addominali e diarrea, con perdita di liquidi ed elettroliti , piu' frequenti nei casi di stitichezza grave, nonche' irritazione a livello rettale.  GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:Non sono stati effettuati studi adeguati e ben controllati sull'uso de l medicinale in gravidanza o nell'allattamento. Anche se non ci sono e videnti controindicazioni dell'uso del medicinale in gravidanza e dura nte l'allattamento, si raccomanda di assumere il medicinale solo in ca so di necessita' e sotto controllo medico.   
Aggiungi al carrello
20 %

PURSENNID 30 COMPRESSE RIVESTITE PER IL TRATTAMENTO DI BREVE DURATA DELLA STITICHEZZA OCCASIONALE

DENOMINAZIONE: PURSENNID 12 MG COMPRESSE RIVESTITE  CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA: Lassativi stimolanti.  PRINCIPI ATTIVI: Una compressa rivestita contiene: sennosidi A + B (come sali di calcio ) 12 mg.  ECCIPIENTI: Lattosio monoidrato; acido stearico; talco; amido di mais; glucosio an idro; saccarosio; gomma arabica; silice colloidale anidra; titanio dio ssido, cetile palmitato.  INDICAZIONI: Trattamento di breve durata della stitichezza occasionale.  CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR: Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipien ti. Controindicato qualora sussistano le seguenti condizioni mediche: malattie infiammatorie dell'apparato digerente (i.e. Morbo di Crohn, r ettocolite ulcerosa, epatopatie, peritoniti e malattie infiammatorie i ntestinali). Irritazione o ostruzione del tratto gastrointestinale (i. e. costipazione spastica, ostruzione dell'ileo/preileo, crampi e dolor i, nausea, vomito e coliche). Sintomi addominali che possono essere do vuti ad una condizione sottostante non diagnosticata, come condizioni acute intestinali che possono richiedere un intervento chirurgico (i.e . diverticolite acuta, appendicite e diarrea massiva). Stati di severa disidratazione, con perdita di acqua ed elettroliti, specialmente ipo potassiemia. Controindicato nei bambini di eta' inferiore a 10 anni.  POSOLOGIA: Adulti e bambini sopra i 12 anni di eta': 2-4 compresse rivestite al g iorno. Bambini tra i 10 e i 12 anni: 1-2 compresse rivestite al giorno . Dopo breve periodo di trattamento senza risultati apprezzabili consu ltare il medico. La dose corretta e' quella minima sufficiente a produ rre una facile evacuazione di feci molli. E' consigliabile usare inizi almente le dosi minime previste. Quando necessario, la dose puo' esser e poi aumentata, ma senza mai superare quella massima indicata. Contro indicato nei bambini di eta' inferiore a 10 anni. Modo di somministraz ione: assumere preferibilmente la sera. L'azione di Pursennid si manif esta dopo 6-12 ore. Somministrato la sera, l'effetto del farmaco compa re il mattino successivo. I lassativi devono essere usati il meno freq uentemente possibile e per non piu' di sette giorni. L'uso per periodi di tempo maggiori richiede la prescrizione del medico dopo adeguata v alutazione del singolo caso. Ingerire insieme ad una adeguata quantita ' di acqua (un bicchiere abbondante). Una dieta ricca di liquidi favor isce l'effetto del medicinale.  CONSERVAZIONE: Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conser vazione.  AVVERTENZE: La dose stabilita non deve essere superata. L'uso indiscriminato prolu ngato dei lassativi puo' portare ad assuefazione e ad un deteriorament o delle funzioni intestinali. Deve essere impiegato il dosaggio effica ce piu' basso per il ristabilirsi della normale funzione intestinale. Se non e' stato raggiunto alcun miglioramento a livello intestinale, i l dosaggio puo' essere aumentato sotto supervisione medica. I prodotti contenenti senna e sennosidi devono essere usati solamente se non puo ' essere ottenuto un effetto terapeutico attraverso un cambiamento del la dieta o la somministrazione di agenti formanti massa. L'uso di ques ti farmaci richiede la supervisione medica: se non si sortiscono effet ti positivi a seguito del trattamento; se l'uso si prolunga oltre una settimana di trattamento; se i sintomi persistono o peggiorano; dopo u na laparotomia o chirurgia addominale; se sono presenti rash cutanei, nausea e vomito; in bambini tra i 10 e i 12 anni; durante la gravidanz a e l'allattamento. Lattosio: i pazienti affetti da rari problemi ered itari di intolleranza al galattosio, da deficit di lattasi, o da malas sorbimento di glucosio-galattosio, non devono assumere questo medicina le. Glucosio: i pazienti affetti da rari problemi di malassorbimento d i glucosio-galattosio, non devono assumere questo medicinale. Saccaros io: i pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al f ruttosio, da malassorbimento di glucosio-galattosio, o da insufficienz a di sucrasi isomaltasi, non devono assumere questo medicinale.  INTERAZIONI: L'uso concomitante di altri farmaci che inducono ipopotassiemia (i.e. diuretici, adrenocorticosteroidi e liquirizia) puo' aumentare lo sbila nciamento elettrolitico. L'ipopotassiemia (derivante da abuso di lassa tivi assunti per lungo tempo) potenzia l'azione dei glicosidi cardiaci e interferisce con i farmaci antiaritmici, con altri farmaci che indu cono il ritorno al ritmo sinusale (chinidina) e con farmaci che induco no l'allungamento dell'intervallo Q-T.  EFFETTI INDESIDERATI: Questo medicinale puo' causare lieve malessere addominale come dolore addominale, crampi, irritazione della mucosa colica e gastrica. Sono s tati anche riportati altri effetti quali disidratazione, ipotensione, fatica, miopatie, dolore di stomaco, iponatremia, disordini renali, ip eraldosteronismo secondario, ipocalcemia e ipomagnesemia. Queste reazi oni avverse sono solitamente reversibili una volta interrotta l'assunz ione del lassativo. L'uso prolungato o il sovradosaggio di questo farm aco possono causare nausea, diarrea con eccessiva perdita di elettroli ti, specialmente potassio (ipopotassiemia). C'e' anche la possibilita' di sviluppare megacolon. Durante il trattamento puo' manifestarsi una colorazione giallo- brunastra (pH-dipendente) delle urine dovuta ai m etaboliti, che non ha alcun significato clinico. E' stata riportata as suefazione dopo trattamento prolungato. Le frequenze sono definite com e: molto comune (>= 1/10), comune (>= 1/100, < 1/10); non comune (>= 1 /1.000, < 1/100); raro (>= 1/10.000; < 1/1.000); molto raro (< 1/10.00 0), o non nota. Effetti indesiderati nell'esperienza post-commercializ zazione. Patologie gastrointestinali. Non nota: megacolon, dolore addo minale, diarrea, nausea, malessere addominale. Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione. non nota: fatica, t olleranza al farmaco. Patologie del sistema muscoloscheletrico e del t essuto connettivo. Non nota: miopatia. Patologi renali e urinarie. Non nota: problemi renali; non nota: cromaturia. Disturbi del metabolismo e della nutrizione. Non nota: iperaldosteronismo, ipocalcemia, ipomag nesemia, disidratazione, ipopotassiermia, iponatremia, diminuzione deg li elettroliti ematici. Patologie vascolari. Non nota: ipotensione. Gl i eventi avversi elencati sopra sono basati su segnalazioni spontanee post- commercializzazione e rappresentano una stima meno precisa dell' incidenza che si otterrebbe negli studi clinici. Popolazione pediatric a: sono previsti la stessa frequenza, tipo e severita' degli eventi av versi nei bambini e negli adulti. Segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione.  GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO: Non ci sono segnalazioni di effetti indesiderati o di danni durante la gravidanza e sul feto al regime di dosaggio raccomandato. Tuttavia, a seguito di dati sperimentali riguardanti il rischio genotossico di di versi antrachinoni, emodina e aloe-emodina, l'uso durante la gravidanz a non e' raccomandato. L'uso durante l'allattamento non e' raccomandat o poiche' non vi sono dati sufficienti sull'escrezione dei metaboliti nel latte materno. Piccole quantita' di metaboliti (reina) sono escret i nel latte materno. Non e' stato riportato alcun effetto lassativo su i neonati allattati al seno. Studi preclinici con sennosidi non indica no rischi particolari per la fertilita' alle dosi terapeuticamente ril evanti. 
Aggiungi al carrello
20 %

ENTEROGERMINA SOSPENSIONE ORALE 4 MILIARDI DI SPORE DI BACILLUS CLAUSII POLIANTIBIOTICO RESISTENTE

DENOMINAZIONE: ENTEROGERMINA 4 MILIARDI/5 ML SOSPENSIONE ORALE  CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA: Microorganismi antidiarroici.  PRINCIPI ATTIVI: Un flaconcino contiene: spore di Bacillus clausii poliantibiotico resi stente 4 miliardi.  ECCIPIENTI: Acqua depurata.  INDICAZIONI: Cura e profilassi del dismicrobismo intestinale e conseguenti disvitam inosi endogene. Terapia coadiuvante il ripristino della flora microbic a intestinale, alterata nel corso di trattamenti antibiotici o chemiot erapici. Turbe acute e croniche gastro-enteriche dei lattanti, imputab ili ad intossicazioni o a dismicrobismi intestinali e a disvitaminosi.  CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR: Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipien ti.  POSOLOGIA: Adulti: 1 flaconcino al giorno. Lattanti e bambini: 1 flaconcino al gi orno. Assumere il contenuto del flaconcino tal quale o diluendo in acq ua o altre bevande (ad es. latte, the, aranciata). Questo medicinale e ' per esclusivo uso orale. Non iniettare ne' somministrare in nessun a ltro modo.  CONSERVAZIONE: Conservare a temperatura inferiore a 30 gradi C.  AVVERTENZE: L'eventuale presenza di corpuscoli visibili nei flaconcini del farmaco e' dovuta ad aggregati di spore di Bacillus clausii; non e' pertanto indice di prodotto alterato. Agitare il flaconcino prima dell'uso. Que sto medicinale e' solo per uso orale. Non iniettare o somministrare pe r altre vie. Un uso non corretto del medicinale ha provocato reazioni anafilattiche gravi come shock anafilattico. Nel corso di terapia anti biotica si consiglia di somministrare il preparato nell'intervallo fra l'una e l'altra somministrazione di antibiotico.  INTERAZIONI: Non sono stati effettuati studi di interazione.  EFFETTI INDESIDERATI: Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo. Non noti: reazioni di ipersensibilita', compresi rash, orticaria e angioedema. Segnalare qu alsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segn alazione.  GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO: Non esistono preclusioni all'uso del preparato in gravidanza o durante l'allattamento. 
Aggiungi al carrello
20 %

ENTEROGERMINA SOSPENSIONE ORALE 2 MILIARDI DI SPORE DI BACILLUS CLAUSII POLIANTIBIOTICO RESISTENTE

DENOMINAZIONE: ENTEROGERMINA 2 MILIARDI/5 ML SOSPENSIONE ORALE  CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA: Microorganismi antidiarroici.  PRINCIPI ATTIVI: Un flaconcino contiene: spore di Bacillus clausii poliantibiotico resi stente 2 miliardi. Una capsula rigida contiene: spore di Bacillus clau sii poliantibiotico resistente 2 miliardi.  ECCIPIENTI: Flaconcini: acqua depurata. Capsule: caolino pesante, cellulosa microc ristallina, magnesio stearato, gelatina, titanio diossido (E171), acqu a depurata.  INDICAZIONI: Cura e profilassi del dismicrobismo intestinale e conseguenti disvitam inosi endogene. Terapia coadiuvante il ripristino della flora microbic a intestinale, alterata nel corso di trattamenti antibiotici o chemiot erapici. Turbe acute e croniche gastro-enteriche dei lattanti, imputab ili ad intossicazioni o a dismicrobismi intestinali e a disvitaminosi.  CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR: Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipien ti.  POSOLOGIA: Adulti: 2-3 flaconcini al giorno o 2-3 capsule al giorno. Bambini: 1-2 flaconcini al giorno o 1-2 capsule al giorno. Lattanti: 1-2 flaconcin i al giorno. Flaconcini: somministrazione ad intervalli regolari. Assu mere il contenuto del flaconcino tal quale o diluendo in acqua o altre bevande (ad es. latte, the, aranciata). Capsule: deglutire con un sor so d'acqua o di altre bevande. Specialmente nei bambini piu' piccoli, in caso di difficolta' a deglutire le capsule rigide, e' opportuno imp iegare la sospensione orale. Questo medicinale e' per esclusivo uso or ale. Non iniettare ne' somministrare in nessun altro modo.  CONSERVAZIONE: Conservare a temperatura inferiore a 30 gradi C.  AVVERTENZE: L'eventuale presenza di corpuscoli visibili nei flaconcini e' dovuta a d aggregati di spore di Bacillus clausii; non e' pertanto indice di pr odotto alterato. Agitare il flaconcino prima dell'uso. Questo medicina le e' solo per uso orale. Non iniettare o somministrare per altre vie. Un uso non corretto del medicinale ha provocato reazioni anafilattich e gravi come shock anafilattico. Nel corso di terapia antibiotica si c onsiglia di somministrare il preparato nell'intervallo fra l'una e l'a ltra somministrazione di antibiotico.  INTERAZIONI: Non sono stati effettuati studi di interazione.  EFFETTI INDESIDERATI: Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo. Non noti: reazioni di ipersensibilita', compresi rash, orticaria e angioedema. Segnalare qu alsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segn alazione.  GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO: Non esistono preclusioni all'uso del preparato in gravidanza o durante l'allattamento. 
Aggiungi al carrello
25 %

GLICEROLO ADULTI SOLUZIONE RETTALE CARLO ERBA PER IL TRATTAMENTO DI BREVE DURATA DELLA STITICHEZZA OCCASIONALE

DENOMINAZIONE: GLICEROLO CARLO ERBA  CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA: Farmaci per la costipazione.  PRINCIPI ATTIVI: Glicerolo.  ECCIPIENTI: Supposte: sodio stearato; sodio carbonato. Soluzione rettale: camomill a estratto fluido; malva estratto fluido; amido di frumento; acqua dep urata.  INDICAZIONI: Trattamento di breve durata della stitichezza occasionale.  CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR: Ipersensibilita al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipient i; dolore addominale acuto o di origine sconosciuta; nausea o vomito; ostruzione o stenosi intestinale; sanguinamento rettale di origine sco nosciuta; crisi emorroidale acuta con dolore e sanguinamento; grave st ato di disidratazione.  POSOLOGIA: La dose corretta e' quella minima sufficiente a produrre una facile ev acuazione. E' consigliabile usare inizialmente le dosi minime previste . >>Supposte. Adulti e adolescenti (12-18 anni): 1 supposta adulti al bisogno, per un massimo di 1 o 2 somministrazioni al giorno. Bambini d i eta' compresa tra 2-11 anni: 1 supposta al bisogno, per un massimo d i 1 o 2 somministrazioni al giorno. Bambini di eta' compresa tra 1 mes e e 2 anni: 1 supposta prima infanzia al bisogno, per un massimo di 1 o 2 somministrazioni al giorno. >>Soluzione rettale. Adulti e adolesce nti (12-18 anni): un contenitore monodose adulti al bisogno, per un ma ssimo di 1 o 2 somministrazioni al giorno. Bambini di eta' compresa tr a 6-11 anni: 1 o 2 contenitori monodose bambini al bisogno, per un mas simo di una o due somministrazioni al giorno. Bambini di eta' compresa tra i 2 - 6 anni: 1 contenitore monodose bambini al bisogno per un ma ssimo di 1 o 2 somministrazioni al giorno. >>Istruzioni per l'uso. Sup poste: togliere la supposta dal suo contenitore e poi, se necessario, inumidirla per facilitarne l'introduzione rettale. Qualora le supposte apparissero rammollite immergere i contenitori, prima di aprirli, in acqua fredda. Soluzione rettale: per togliere il copricannula di sicur ezza del contenitore monodose, appoggiare indice e pollice sulla ghier a rotonda posta sopra il soffietto e, con l'altra mano, piegare il cop ricannula fino a provocarne il distacco del corpo del contenitore. Dur ante l'operazione, non afferrare mai il soffietto, altrimenti si verif icherebbe la fuoriuscita del medicinale prima dell'utilizzo. Puo' esse re utile lubrificare la cannula con una goccia della soluzione stessa, prima di introdurla nel retto e premere il soffietto. Estrarre la can nula tenendo premuto il soffietto. Ogni contenitore deve essere utiliz zato per una sola somministrazione; eventuale medicinale residuo deve essere eliminato. Nei bambini sotto i dodici anni il medicinale puo' e ssere utilizzato solo un consulto medico. I lassativi devono essere us ati il meno frequentemente possibile e per non piu' di sette giorni. U na dieta ricca di liquidi favorisce l'effetto del medicinale.  CONSERVAZIONE: Conservare nella confezione originale per proteggere il medicinale dal l'umidita' e lontano da fonti dirette di calore.  AVVERTENZE: I lassativi devono essere usati il meno frequentemente possibile e per non piu' di sette giorni. Il trattamento della stitichezza cronica o ricorrente, richiede sempre l'intervento del medico per la diagnosi, l a prescrizione dei farmaci e la sorveglianza nel corso della terapia. E' inoltre opportuno prestare attenzione nei soggetti anziani o in non buone condizioni di salute prima di usare il medicinale. L'abuso di l assativi puo' causare diarrea persistente con conseguente perdita di a cqua, sali minerali (specialmente potassio) ed altri fattori nutritivi essenziali. Nei casi piu gravi di abuso e' possibile l'insorgenza di disidratazione o ipopotassiemia, la quale puo' determinare disfunzioni cardiache oneuromuscolari, specialmente in caso di trattamento contem poraneo di glicosidi cardiaci, diureticio corticosteroidi. L'abuso di lassativi, specialmente quelli di contatto (lassativi stimolanti), puo ' causare dipendenza (e, quindi, possibile necessita' di aumentare pro gressivamente il dosaggio), stitichezza cronica eperdita delle normali funzioni intestinali (atonia intestinale). Negli episodi di stitichez za, si consiglia innanzitutto di correggere le abitudini alimentari in tegrandola dieta quotidiana con un adeguato apporto di fibre ed acqua. Quando si utilizzano lassativi e' opportuno bere al giorno almeno 6-8 bicchieri di acqua, o altri liquidi, in modo da favorire l'ammorbidim ento delle feci.  INTERAZIONI: Non sono stati effettuati studi specifici di interazione.  EFFETTI INDESIDERATI: Di seguito sono riportati gli effetti indesiderati di glicerolo organi zzati secondo la classificazione sistemica organica MeDRA. Non sono di sponibili dati sufficienti per stabilire la frequenza dei singoli effe tti elencati. Patologie gastrointestinali: dolori crampiformi isolati o coliche addominali e diarrea,con perdita di liquidi ed elettroliti, piu' frequenti nei casi di stitichezza grave, nonche' irritazione a li vello rettale.  GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO: Non sono stati effettuati studi adeguati e ben controllati sull'uso de l medicinale in gravidanza onell'allattamento. Anche se non ci sono ev identi controindicazioni dell'uso del medicinale in gravidanza e duran te l'allattamento, si raccomanda di assumere il medicinale solo in cas o di necessita'. 
Aggiungi al carrello
25 %

GLICEROLO ADULTI SUPPOSTE CARLO ERBA PER IL TRATTAMENTO DI BREVE DURATA DELLA STITICHEZZA OCCASIONALE

DENOMINAZIONE: GLICEROLO CARLO ERBA  CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA: Farmaci per la costipazione.  PRINCIPI ATTIVI: Glicerolo.  ECCIPIENTI: Supposte: sodio stearato; sodio carbonato. Soluzione rettale: camomill a estratto fluido; malva estratto fluido; amido di frumento; acqua dep urata.  INDICAZIONI: Trattamento di breve durata della stitichezza occasionale.  CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR: Ipersensibilita al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipient i; dolore addominale acuto o di origine sconosciuta; nausea o vomito; ostruzione o stenosi intestinale; sanguinamento rettale di origine sco nosciuta; crisi emorroidale acuta con dolore e sanguinamento; grave st ato di disidratazione.  POSOLOGIA: La dose corretta e' quella minima sufficiente a produrre una facile ev acuazione. E' consigliabile usare inizialmente le dosi minime previste . >>Supposte. Adulti e adolescenti (12-18 anni): 1 supposta adulti al bisogno, per un massimo di 1 o 2 somministrazioni al giorno. Bambini d i eta' compresa tra 2-11 anni: 1 supposta al bisogno, per un massimo d i 1 o 2 somministrazioni al giorno. Bambini di eta' compresa tra 1 mes e e 2 anni: 1 supposta prima infanzia al bisogno, per un massimo di 1 o 2 somministrazioni al giorno. >>Soluzione rettale. Adulti e adolesce nti (12-18 anni): un contenitore monodose adulti al bisogno, per un ma ssimo di 1 o 2 somministrazioni al giorno. Bambini di eta' compresa tr a 6-11 anni: 1 o 2 contenitori monodose bambini al bisogno, per un mas simo di una o due somministrazioni al giorno. Bambini di eta' compresa tra i 2 - 6 anni: 1 contenitore monodose bambini al bisogno per un ma ssimo di 1 o 2 somministrazioni al giorno. >>Istruzioni per l'uso. Sup poste: togliere la supposta dal suo contenitore e poi, se necessario, inumidirla per facilitarne l'introduzione rettale. Qualora le supposte apparissero rammollite immergere i contenitori, prima di aprirli, in acqua fredda. Soluzione rettale: per togliere il copricannula di sicur ezza del contenitore monodose, appoggiare indice e pollice sulla ghier a rotonda posta sopra il soffietto e, con l'altra mano, piegare il cop ricannula fino a provocarne il distacco del corpo del contenitore. Dur ante l'operazione, non afferrare mai il soffietto, altrimenti si verif icherebbe la fuoriuscita del medicinale prima dell'utilizzo. Puo' esse re utile lubrificare la cannula con una goccia della soluzione stessa, prima di introdurla nel retto e premere il soffietto. Estrarre la can nula tenendo premuto il soffietto. Ogni contenitore deve essere utiliz zato per una sola somministrazione; eventuale medicinale residuo deve essere eliminato. Nei bambini sotto i dodici anni il medicinale puo' e ssere utilizzato solo un consulto medico. I lassativi devono essere us ati il meno frequentemente possibile e per non piu' di sette giorni. U na dieta ricca di liquidi favorisce l'effetto del medicinale.  CONSERVAZIONE: Conservare nella confezione originale per proteggere il medicinale dal l'umidita' e lontano da fonti dirette di calore.  AVVERTENZE: I lassativi devono essere usati il meno frequentemente possibile e per non piu' di sette giorni. Il trattamento della stitichezza cronica o ricorrente, richiede sempre l'intervento del medico per la diagnosi, l a prescrizione dei farmaci e la sorveglianza nel corso della terapia. E' inoltre opportuno prestare attenzione nei soggetti anziani o in non buone condizioni di salute prima di usare il medicinale. L'abuso di l assativi puo' causare diarrea persistente con conseguente perdita di a cqua, sali minerali (specialmente potassio) ed altri fattori nutritivi essenziali. Nei casi piu gravi di abuso e' possibile l'insorgenza di disidratazione o ipopotassiemia, la quale puo' determinare disfunzioni cardiache oneuromuscolari, specialmente in caso di trattamento contem poraneo di glicosidi cardiaci, diureticio corticosteroidi. L'abuso di lassativi, specialmente quelli di contatto (lassativi stimolanti), puo ' causare dipendenza (e, quindi, possibile necessita' di aumentare pro gressivamente il dosaggio), stitichezza cronica eperdita delle normali funzioni intestinali (atonia intestinale). Negli episodi di stitichez za, si consiglia innanzitutto di correggere le abitudini alimentari in tegrandola dieta quotidiana con un adeguato apporto di fibre ed acqua. Quando si utilizzano lassativi e' opportuno bere al giorno almeno 6-8 bicchieri di acqua, o altri liquidi, in modo da favorire l'ammorbidim ento delle feci.  INTERAZIONI: Non sono stati effettuati studi specifici di interazione.  EFFETTI INDESIDERATI: Di seguito sono riportati gli effetti indesiderati di glicerolo organi zzati secondo la classificazione sistemica organica MeDRA. Non sono di sponibili dati sufficienti per stabilire la frequenza dei singoli effe tti elencati. Patologie gastrointestinali: dolori crampiformi isolati o coliche addominali e diarrea,con perdita di liquidi ed elettroliti, piu' frequenti nei casi di stitichezza grave, nonche' irritazione a li vello rettale.  GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO: Non sono stati effettuati studi adeguati e ben controllati sull'uso de l medicinale in gravidanza onell'allattamento. Anche se non ci sono ev identi controindicazioni dell'uso del medicinale in gravidanza e duran te l'allattamento, si raccomanda di assumere il medicinale solo in cas o di necessita'. 
Aggiungi al carrello
20 %

GAVISCON 24 BUSTINE A BASE DI SODIO ALGINATO E SODIO BICARBONATO COME ANTIULCERA PEPTICA E MALATTIA DA REFLUSSO GASTROESOFAGEO

DENOMINAZIONE: GAVISCON  CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA: Antiuclera peptica e malattia da reflusso gastroesofageo (GORD).  PRINCIPI ATTIVI: Sodio alginato; sodio bicarbonato.  ECCIPIENTI: Compresse masticabili gusto menta: mannitolo (E421), calcio carbonato, magnesio stearato, copovidone, aspartame (E951), acesulfame potassico , macrogol 20.000, aroma menta. Compresse masticabili gusto fragola: x ylitolo, mannitolo (E421), calcio carbonato, macrogol 20.000, aroma fr agola, aspartame (E951), magnesio stearato, ossido di ferro rosso. Sos pensione orale: calcio carbonato, carbomeri, metile paraidrossibenzoat o (E218), propile paraidrossibenzoato (E216), saccarina sodica, aroma finocchio, sodio idrossido, eritrosina, acqua depurata. Sospensione or ale aroma menta: calcio carbonato, carbomeri, metile paraidrossibenzoa to (E218), propile paraidrossibenzoato (E216), saccarina sodica, aroma menta, sodio idrossido, acqua depurata. Polvere orale: calcio carbona to, silicone diossido, acido citrico anidro granulare, aroma menta, as partame (E951), macrogol 20000, macrogol 400, aroma frutto della passi one, acesulfame potassico (E950), xilitolo.  INDICAZIONI: Trattamento sintomatico del bruciore dello stomaco occasionale.  CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR: Ipersensibilita' ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipient i elencati, come metile paraidrossibenzoato (E218) e propile paraidros sibenzoato (E216) (parabeni).  POSOLOGIA: >>Compresse masticabili (gusto fragola e gusto menta). Adulti e adoles centi (12-18 anni): 1-2 compresse da 500 mg + 267 mg dopo i pasti e al momento di coricarsi. 2-4 compresse da 250 mg + 133.5 mg dopo i pasti e al momento di coricarsi. Modo di somministrazione: per somministraz ione orale. Le compresse devono essere ben masticate (possono essere s pezzate e masticate un po' alla volta). Successivamente si puo' bere u n po' d'acqua. >>Sospensione orale. Adulti e adolescenti (12-18 anni): 10-20 ml (seconda-quarta tacca del misurino o 2-4 cucchiai dosatore o 1- 2 bustine monodose) dopo i pasti e al momento di coricarsi. Modo d i somministrazione: per somministrazione orale. Agitare la sospensione prima dell'uso. >>Polvere orale. Adulti e adolescenti (12-18 anni): 1 -2 bustine monodose dopo i pasti e al momento di coricarsi. Modo di so mministrazione: assumere il farmaco per via orale senza acqua. Anziani : non e' necessario modificare le dosi per questa fascia d'eta'. Pazie nti con insufficienza renale: la ridotta capacita' di eliminare con l' urina il supplemento salino esogeno fornito dagli antiacidi puo' condi zionare squilibri elettrolitici potenzialmente severi.  CONSERVAZIONE: Sospensione orale e sospensione orale aroma menta: non conservare a te mperatura superiore ai 30 gradi C; conservare nella confezione origina le; non refrigerare. Sospensione orale aroma menta in bustine: non con servare a temperatura superiore ai 25 gradi C; conservare nella confez ione originale; non refrigerare. Compresse masticabili gusto menta: no n conservare a temperatura superiore ai 30 gradi C; conservare nella c onfezione originale. Compresse masticabili gusto fragola: non conserva re a temperatura superiore ai 25 gradi C; conservare nella confezione originale. Polvere orale: non conservare a temperatura superiore a 25 gradi C; conservare nella confezione originale.  AVVERTENZE: Non usare per trattamenti prolungati. Negli adolescenti (12-18 anni) u sare solo in caso di effettiva necessita'. Insufficienza renale: in ca so di insufficienza renale, il medicinale deve essere utilizzato con c autela poiche' il supplemento salino esogeno fornito dagli antiacidi p uo' causare squilibri elettrolitici potenzialmente gravi. Ogni compres sa da 500 mg + 267 mg contiene 123 mg (5,3 mmol) di sodio. Ogni compre ssa da 250 mg +133,5 mg contiene 61,5 mg (2,65 mmol) di sodio. Ogni do se da 10 ml di sospensione contiene 141 mg (6,2 mmol) di sodio. Ogni b ustina monodose di polvere orale da 500 mg + 267 mg contiene 123 mg (5 ,3 mmol) di sodio. Cio' deve essere tenuto in considerazione nei casi in cui sia raccomandata una dieta particolarmente povera di sale, ad e sempio in alcuni casi di insufficienza cardiaca congestizia e compromi ssione renale. Ogni compressa da 500 mg + 267 mg contiene 160 mg (1,6 mmol) di calcio carbonato. Ogni compressa da 250 mg +133,5 mg contiene 80 mg (0,8 mmol) di calcio carbonato. Ogni dose da 10 ml di sospensio ne contiene 160 mg (1,6 mmol) di calcio carbonato. Ogni bustina monodo se di polvere orale da 500 mg + 267 mg contiene 160 mg (1,6 mmol) di c alcio carbonato. Si deve prestare attenzione nel trattare pazienti aff etti da ipercalcemia, nefrocalcinosi e calcoli renali recidivi contene nti calcio. Le compresse e la polvere orale contengono aspartame, una fonte di fenilalanina: non deve pertanto essere assunto da pazienti af fetti da fenilchetonuria. La sospensione contiene metile paraidrossibe nzoato e propile paraidrossibenzoato che possono provocare reazioni al lergiche. Generalmente si verificano reazioni di tipo ritardato (derma titi da contatto), raramente reazioni immediate con orticaria e bronco spasmo. Durata del trattamento: se i sintomi non migliorano dopo sette giorni, il quadro clinico deve essere rivalutato.  INTERAZIONI: E' consigliabile interporre un intervallo di almeno due ore tra l'assu nzione del medicinale e quella di altri farmaci, specialmente tetracic line, fluorochinoloni, sali di ferro, ormoni tiroidei, clorochina, bif osfonati ed estramustina.  EFFETTI INDESIDERATI: Di seguito sono riportati gli effetti indesiderati del prodotto, organ izzati secondo la classificazione sistemica organica MedDRA. Essi sono suddivisi per frequenza (molto comune (>= 1/10), comune (>= 1/100 a < = 1/10), non comune (>= 1/1.000 a <= 1/100), raro (>= 1/10.000 a 1/1.0 00), molto raro (<= 1/10.000)). Disturbi del sistema immunitario. Molt o raro: reazioni anafilattiche o anafilattoidi. Reazioni di ipersensib ilita' (come orticaria). Patologie respiratorie, toraciche e mediastin iche. Molto raro: sintomi respiratori come broncospasmo. Patologie gas trointestinali. Molto raro: flatulenza, nausea. Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione. Molto raro: edema. La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dop o l'autorizzazione del medicinale e' importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale.  GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO: Usare in caso di effettiva necessita'. 
Aggiungi al carrello
20 %

DULCOLAX 24 COMPRESSE A BASE DI BISACODILE IN CASO DI STITICHEZZA OCCASIONALE

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA: Lassativi.  PRINCIPI ATTIVI: Una compressa rivestita contiene: bisacodile 5 mg. Una supposta contie ne: bisacodile 10 mg. Una supposta per bambini contiene: bisacodile 5 mg.  ECCIPIENTI: Compresse rivestite: lattosio monoidrato, amido di mais, amido solubil e, glicerolo, magnesio stearato, saccarosio, talco, gomma arabica, tit anio diossido (E171), poliacrilati anionici, olio di ricino, macrogol 6000, ferro ossido (E172), cera bianca, cera carnauba, gomma lacca. Su pposte: trigliceridi degli acidi grassi saturi.  INDICAZIONI: Trattamento di breve durata della stitichezza occasionale.  CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR: Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno degli eccipienti. Contro indicato nei pazienti con ileo paralitico, condizioni addominali acute , come appendicite, e gravi dolori addominali associati a nausea e vom ito che possono essere segni indicativi di gravi condizioni patologich e, nell'ostruzione o stenosi intestinale, infiammazione acuta del trat to gastrointestinale, sanguinamento rettale di origine sconosciuta, gr ave stato di disidratazione. Gravidanza e allattamento. Controindicato in caso di rare condizioni ereditarie che possono essere incompatibil i con l'assunzione di uno degli eccipienti. Controindicato nei bambini di eta' inferiore ai 2 anni. Le supposte sono controindicate nei casi di ragadi ed ulcere anali (puo' verificarsi dolore e sanguinamento pe rianale).  POSOLOGIA: >>Compresse rivestite. Adulti e bambini oltre i 10 anni: 1-2 compresse rivestite al giorno. Bambini di eta' compresa fra 2 e 10 anni: 1 comp ressa rivestita al giorno. Assumere le compresse rivestite preferibilm ente la sera per determinare un'evacuazione la mattina seguente (dopo circa 10 ore). Con la somministrazione al mattino, a digiuno, l'effett o si ottiene dopo cinque ore circa. Le compresse rivestite non devono essere somministrate insieme a prodotti che riducono l'acidita' del tr atto gastrointestinale superiore, quali latte, antiacidi o inibitori d ella pompa protonica. Le compresse rivestite vanno deglutite intere. I ngerire insieme ad una adeguata quantita' di acqua (un bicchiere abbon dante). Una dieta ricca di liquidi favorisce l'effetto del medicinale. >>Supposte. Adulti e bambini oltre i 10 anni: 1 supposta adulti (10 m g). Bambini di eta' compresa fra 2 e 10 anni: 1 supposta bambini (5 mg ). L'effetto delle supposte si manifesta di solito in circa 20 minuti (range: 10 - 30 minuti). Non superare le dosi consigliate. I lassativi devono essere usati il meno frequentemente possibile e per non piu' d i sette giorni. L'uso per periodi di tempo maggiori richiede la prescr izione medica dopo adeguata valutazione del singolo caso. I bambini di eta' pari o inferiore ai 10 anni con stitichezza cronica o persistent e devono assumere il medicinale sotto la supervisione medica. Il medic inale non deve essere somministrato nei bambini di eta' inferiore ai d ue anni.  CONSERVAZIONE: Compresse rivestite: questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione. Supposte: conservare a temperature non s uperiori ai 30 gradi C.  AVVERTENZE: In caso di diabete mellito, ipertensione o cardiopatia usare solo dopo consultazione medica. L'abuso di lassativi puo' causare diarrea persi stente con conseguente perdita di acqua, sali minerali e altri fattori nutritivi essenziali. Nei casi piu' gravi e' possibile l'insorgenza d i disidratazione o ipopotassiemia la quale puo' determinare disfunzion i cardiache o neuromuscolari, specialmente in caso di contemporaneo tr attamento con glicosidi cardiaci, diuretici o corticosteroidi. La perd ita intestinale di liquidi puo' provocare disidratazione. I sintomi po ssono essere sete e oliguria. Nei pazienti, per i quali la disidratazi one puo' essere pericolosa (pazienti con insufficienza renale, pazient i anziani), il trattamento deve essere interrotto e ripreso solo sotto la supervisione medica. Nei pazienti puo' verificarsi ematochezia, ch e e' generalmente lieve e scompare da sola. L'abuso di lassativi, spec ialmente quelli di contatto, puo' causare dipendenza (e, quindi, possi bile necessita' di aumentare progressivamente il dosaggio), stitichezz a cronica e perdita delle normali funzioni intestinali (atonia intesti nale). Sono stati riportati casi di vertigini e/o sincope dopo assunzi one del farmaco. I dati relativi a questi casi suggeriscono che gli ev enti, piu' che un fenomeno correlato all'assunzione del medicinale, po trebbero essere interpretati come manifestazione di "sincope da defeca zione" (attribuibile allo sforzo dell'atto della defecazione), oppure come una risposta vasovagale al dolore addominale correlato alla costi pazione stessa. L'uso delle supposte puo' portare a sensazioni doloros e e irritazione locale, in particolare, in presenza di ragadi e procti te ulcerativa. Le compresse contengono 33,2 mg di lattosio pari a 66,4 2 mg in caso di assunzione della dose massima giornaliera, per il trat tamento della costipazione negli adulti e negli adolescenti di eta' su periore ai 10 anni. Le compresse contengono 23,4 mg di saccarosio pari a 46,8 mg, inoltre le compresse possono causare disturbi gastrici e d iarrea. Nei bambini di eta' compresa fra 2 anni e 10 anni il medicinal e puo' essere usato solo dopo consultazione medica. Non deve essere pr eso giornalmente o per periodi prolungati senza aver prima valutato la causa della stitichezza. Il trattamento della stitichezza cronica o r icorrente richiede sempre l'intervento medico per la diagnosi, la pres crizione dei farmaci e la sorveglianza nel corso della terapia. Consul tare il medico quando la necessita' del lassativo deriva da un improvv iso cambiamento delle precedenti abitudini intestinali (frequenza e ca ratteristiche delle evacuazioni) che duri da piu' di due settimane o q uando l'uso del lassativo non riesce a produrre effetti. E' inoltre op portuno che i soggetti anziani o in non buone condizioni di salute con sultino il medico prima di usare il medicinale.  INTERAZIONI: La somministrazione concomitante di diuretici o adrenocorticosteroidi e di dosi eccessive del farmaco puo' comportare un aumento del rischio di squilibrio elettrolitico. Tale squilibrio, a sua volta, puo' compo rtare un aumento della sensibilita' ai glicosidi cardioattivi. I lassa tivi possono ridurre il tempo di permanenza nell'intestino, e quindi l 'assorbimento, di altri farmaci somministrati contemporaneamente per v ia orale. Evitare quindi di ingerire contemporaneamente lassativi ed a ltri farmaci: dopo aver preso un medicinale lasciare trascorrere un in tervallo di almeno due ore prima di prendere il lassativo. Il latte o gli antiacidi possono modificare l'effetto del medicinale; lasciare tr ascorrere un intervallo di almeno un'ora prima di prendere il lassativ o.  EFFETTI INDESIDERATI: Gli effetti indesiderati piu' comunemente riportati sono il dolore add ominale e la diarrea. Disturbi del sistema immunitario: reazioni anafi lattiche, edema angioneurotico cosi' come altre reazioni di ipersensib ilita'. Disturbi del sistema nervoso: vertigini, sincope. I fenomeni d i vertigini e sincope che si verificano dopo l'assunzione di bisacodil e sembrano essere ascrivibili ad una risposta vasovagale (conseguente, per esempio, al dolore addominale, o all'evacuazione delle feci). Dis turbi del metabolismo e della nutrizione: disidratazione. Patologie ga strointestinali: colite, crampi addominali, dolori addominali, diarrea , vomito, nausea, ematochezia (sangue nelle feci), malessere addominal e, fastidio anorettale.  GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO: Non sono stati condotti studi volti ad indagare gli effetti sulla fert ilita' umana. Non esistono studi adeguati e ben controllati sull'uso d el medicinale in gravidanza. Pertanto, pur non essendo mai stati segna lati effetti tossici durante la gravidanza, il medicinale deve essere usato solo in caso di necessita', sotto il diretto controllo medico, d opo aver valutato il beneficio atteso per la madre in rapporto al poss ibile rischio per il feto. Dati clinici dimostrano che ne' la forma at tiva del bisacodile BHPM, bis-(p-idrossifenil)-piridil-2-metano (BHPM) , ne' i suoi derivati glucuronici sono escreti nel latte materno, tutt avia il medicinale deve essere usato solo in caso di necessita', sotto il diretto controllo medico, dopo aver valutato il beneficio atteso p er la madre in rapporto al possibile rischio per il lattante. 
Aggiungi al carrello