Spedizione gratis per ordini superiori a €50 (anzichè 5€)
Carrello 0
IT EN ES
0
CARRELLO
PROFILO

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

 POLASE 60 CPR SENZA ZUCCHERO - INTEGRATORE DI SALI MINERALI POTASSIO E MAGNESIO -20%

PFIZER ITALIA

POLASE 60 CPR SENZA ZUCCHERO - INTEGRATORE DI SALI MINERALI POTASSIO E MAGNESIO

€ 16,30 € 13,00

Indicato in tutti gli stati di carenza di potassio e magnesio e di aumentato fabbisogno. Inoltre può essere usato in gravidanza e allattamento. Ingredienti Agente di carica: cellulosa microcristallina, potassio citrato, magnesio citrato, antiagglomeranti: polivinilpolipirrolidone, sodio croscarmellose, beenato di glicerolo, polivinilipirrolidon, magnesio stearato vegetale, biossido di silicio. Modalità d'uso: Si consiglia l'assunzione di due compresse deglutibili dopo i due pasti principali. Si raccomanda di continuare la somministrazione di Polase per almeno due settimane. Si consiglia di non superare la dose di 6 compresse al giorno. Polase in compresse non contiene saccarosio o altri tipi di dolcificanti ed è indicato in soggetti con un regime dietetico che prevede assenza di zucchero. Avvertenze: Tenere il prodotto fuori dalla portata e dalla vista dei bambini sotto i 3 anni. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano. Non superare la dose giornaliera consigliata. In caso di sovradosaggio, uso prolungato o in soggetti con insufficienza renale si consiglia di contattare il medico. Conservazione: Conservare a temperatura non superiore a 25 C nella confezione originale. La data di scadenza si riferisce al prodotto, in confezionamento integro, correttamente conservato. Caratteristiche nutrizionali: Formato: ​​​​​​​60 compresse senza zucchero.  

TACHIPIRINA 30 CPR 500 MG - FARMACO ANTIPIRETICO -20%

ANGELINI

TACHIPIRINA 30 CPR 500 MG - FARMACO ANTIPIRETICO

€ 5,35 € 4,30

​​​​​​​Foglio illustrativo: informazioni per l’utilizzatore TACHIPIRINA 500 mg compresse Paracetamolo Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché contiene importanti informazioni per lei. Usi questo medicinale sempre come esattamente descritto in questo foglio o come il medico o farmacista le ha detto di fare. - Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo. - Se desidera maggiori informazioni o consigli, si rivolga al farmacista. - Se si manifesta uno qualsiasi degli effetti indesiderati, tra cui effetti non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4. - Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo 3 giorni di trattamento. Contenuto di questo foglio: 1. Che cos’è Tachipirina e a cosa serve 2. Cosa deve sapere prima di usare Tachipirina 3. Come usare Tachipirina 4. Possibili effetti indesiderati 5. Come conservare Tachipirina 6. Contenuto della confezione e altre informazioni 1. Che cos’è Tachipirina e a cosa serve Tachipirina contiene il principio attivo paracetamolo che agisce riducendo la febbre (antipiretico) e alleviando il dolore (analgesico). Tachipirina è utilizzato negli adulti, adolescenti e bambini per: - il trattamento sintomatico degli stati febbrili quali l’influenza, le malattie esantematiche (malattie infettive tipiche dei bambini e degli adolescenti), le malattie acute del tratto respiratorio, ecc. - dolori di varia origine e natura (mal di testa, nevralgie, dolori muscolari ed altre manifestazioni dolorose di media entità). Si rivolga al medico se lei/il bambino non si sente meglio o se si sente peggio dopo 3 giorni di trattamento. 2. Cosa deve sapere prima di usare Tachipirina Non usi Tachipirina - se chi deve assumere il medicinale è allergico a paracetamolo o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6). Avvertenze e precauzioni Si rivolga al medico o al farmacista prima di usare Tachipirina. Nei seguenti casi usi Tachipirina con cautela se chi deve assumere il medicinale: - fa uso di alcol in modo cronico o ne fa un uso eccessivo (3 o più bevande alcoliche al giorno) - soffre di anoressia (disturbo del comportamento alimentare caratterizzato dalla mancanza o riduzione dell'appetito) - soffre di bulimia (disturbo del comportamento alimentare per cui una persona ingurgita una quantità di cibo eccessiva per poi ricorrere a diversi metodi per eliminarlo) - soffre di cachessia (stato caratterizzato da estrema magrezza, riduzione delle masse muscolari e assottigliamento della pelle a causa di malattie croniche) - segue da lungo tempo una alimentazione non corretta (malnutrizione cronica) - soffre di disidratazione (grave perdita di acqua/liquidi dall’organismo)- soffre di ipovolemia (ridotto volume di sangue in circolo) - soffre di malattie del fegato che ne riducono la funzionalità (insufficienza epatica, epatite, sindrome di Gilbert) - è in trattamento concomitante con medicinali che alterano la funzionalità del fegato (vedere “Altri medicinali e Tachipirina”) - soffre di carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi (sostanza normalmente presente nel corpo umano, la cui carenza può causare una malattia del sangue) - soffre di anemia emolitica (distruzione dei globuli rossi del sangue). Uso di dosi elevate e/o per periodi prolungati L’uso di dosi elevate e/o prolungate di questo medicinale può provocare alterazioni anche gravi a carico del rene e del sangue. In questi casi, il medico controllerà nel tempo, attraverso opportuni esami, la funzionalità del fegato, dei reni e la composizione del sangue. Prima di prendere questo medicinale, informi il medico se chi deve assumere il medicinale soffre di una malattia dei reni o del fegato. Bambini e adolescenti Tachipirina può essere dato ai bambini e agli adolescenti (vedere paragrafo 3 “Come usare Tachipirina”). Altri medicinali e Tachipirina Informi il medico o il farmacista se sta assumendo o ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro medicinale. In particolare, informi il medico se chi deve assumere il medicinale sta prendendo: - medicinali che contengono paracetamolo. Durante il trattamento con paracetamolo prima di prendere o dare al bambino qualsiasi altro medicinale controlli che non contenga paracetamolo, poiché se il paracetamolo è assunto in dosi elevate si possono verificare gravi effetti indesiderati; - medicinali che rallentano lo svuotamento dello stomaco (ad es. anticolinergici, oppioidi), in quanto questi medicinali ritardano l'effetto di Tachipirina; - medicinali che accelerano lo svuotamento dello stomaco (ad es. procinetici), in quanto questi medicinali accelerano l'effetto di Tachipirina; - colestiramina (medicinale usato per ridurre i livelli di colesterolo nel sangue), in quanto riduce l’effetto del paracetamolo; - cloramfenicolo (un antibiotico), in quanto può aumentare il rischio di effetti indesiderati; - anticoagulanti (medicinali utilizzati per rendere il sangue più fluido). Nel caso di trattamenti ad alte dosi con paracetamolo (4 g al giorno per almeno 4 giorni), prenda o dia al bambino Tachipirina solo sotto stretto controllo medico; - rifampicina (un antibiotico); - cimetidina (un medicinale usato nel trattamento dell’ulcera dello stomaco); - antiepilettici (medicinali usati per trattare l’epilessia), ad esempio glutetimide, fenobarbital, carbamazepina; - zidovudina (medicinale per il trattamento dell’HIV). L’uso di questi medicinali con Tachipirina richiede uno stretto controllo medico. Interferenze con esami del sangue Se chi assume il medicinale deve effettuare esami del sangue tenga conto che la somministrazione di paracetamolo può interferire con la determinazione della uricemia e della glicemia. Tachipirina con alcol Prenda Tachipirina con cautela se fa uso di alcol in modo cronico o ne fa un uso eccessivo (3 o più bevande alcoliche al giorno), in quanto esiste il rischio di intossicazione (vedere paragrafi “Avvertenze e precauzioni” e “Se usa più Tachipirina di quanto deve”). Gravidanza e allattamento Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere questo medicinale.Nonostante studi effettuati durante la gravidanza e l’allattamento non abbiano evidenziato particolari controindicazioni all'uso del paracetamolo né provocato effetti indesiderati a carico della madre o del bambino si consiglia di prendere questo medicinale solo in casi di effettiva necessità e sotto il diretto controllo del medico. Guida di veicoli e utilizzo di macchinari Tachipirina non altera la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari. 3. Come usare Tachipirina Usi questo medicinale seguendo sempre esattamente quanto riportato in questo foglio o le istruzioni del medico o del farmacista. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista. Adulti La dose raccomandata è di 1 compressa alla volta, da ripetere se necessario dopo 4 ore, senza superare le 6 somministrazioni al giorno. Nel caso di forti dolori o febbre alta, 2 compresse da 500 mg da ripetere se necessario dopo non meno di 4 ore. Negli adulti, la dose massima per via orale è di 3000 mg di paracetamolo al giorno (vedere “Se usa più Tachipirina di quanto deve”). Uso nei bambini e adolescenti Per i bambini è indispensabile rispettare la dose definita in funzione del loro peso corporeo, il medico le indicherà la formulazione più adatta in base al peso corporeo del bambino. Le età approssimate in funzione del peso corporeo sono indicate a titolo d’informazione. La compressa può essere divisa in due dosi uguali. PESO 21-25 kg  ETÀ 6,5 – inferiore a 8 anni approssimativamente  DOSE ½ compressa alla volta  QUANTE VOLTE AL GIORNO? Da ripetere, se necessario, dopo 4 ore. Non superare le 6 somministrazioni nelle 24 ore.  DOSE MASSIMA GIORNALIERA (NELLE 24 ORE) 3 compresse: PESO 26-40 kg  ETÀ 8-11 anni approssimativamente  DOSE 1 compressa alla volta  QUANTE VOLTE AL GIORNO? Da ripetere, se necessario, dopo 6 ore. Non superare le 4 somministrazioni nelle 24 ore  DOSE MASSIMA GIORNALIERA (NELLE 24 ORE) 4 compresse; PESO 41-50 kg  ETÀ 12-15 anni approssimativamente  DOSE 1 compressa alla volta  QUANTE VOLTE AL GIORNO? Da ripetere, se necessario, dopo 4 ore. Non superare le 6 somministrazioni nelle 24 ore.  DOSE MASSIMA GIORNALIERA (NELLE 24 ORE) 6 compresse: PESO Peso superiore a 50 kg ETÀ Sopra 15 anni approssimativamente  DOSE 1 compressa alla volta  QUANTE VOLTE AL GIORNO? Da ripetere, se necessario, dopo 4 ore. Non superare le 6 somministrazioni nelle 24 ore.   DOSE MASSIMA GIORNALIERA (NELLE 24 ORE) 6 compresse. ​​​​​​​Per bambini di peso inferiore ai 21 kg esistono in commercio altre formulazioni specifiche di Tachipirina. Chieda consiglio al medico o al farmacista.Se lei/il bambino soffre di grave insufficienza renale (grave riduzione della funzionalità dei reni) Se il medico ha diagnosticato una grave insufficienza renale, l’intervallo tra le somministrazioni deve essere di almeno 8 ore. Durata del trattamento Non usi Tachipirina per più di 3 giorni consecutivi senza consultare il medico. Il medico deve valutare la necessità di trattamenti per oltre 3 giorni consecutivi. Se usa più Tachipirina di quanto deve In caso di ingestione/assunzione accidentale di una dose eccessiva di Tachipirina avverta immediatamente il medico o si rivolga al più vicino ospedale. Sintomi In caso di assunzione accidentale di dosi molto elevate di paracetamolo, i sintomi che generalmente lei/il bambino potrebbe manifestare entro le prime 12-48 ore comprendono: - anoressia (mancanza o riduzione dell'appetito), nausea e vomito seguiti da un profondo decadimento delle condizioni generali - alterazioni dei valori di laboratorio del sangue (aumento della bilirubina nel sangue, della latticodeidrogenasi, dei livelli di transaminasi epatiche, riduzione dei livelli di protrombina nel sangue) - danni epatici che possono portare al coma e alla morte. L’assunzione di una dose eccessiva di paracetamolo aumenta il rischio di intossicazione e può portare a morte, specialmente nei seguenti casi: • se chi assume il medicinale soffre di malattie al fegato • alcolismo cronico • se chi assume il medicinale segue da lungo tempo una alimentazione non corretta (malnutrizione cronica) • se chi assume il medicinale sta assumendo altri medicinali o sostanze che aumentano la funzionalità del fegato. Trattamento Il medico in base alla natura ed alla gravità dei sintomi effettuerà la terapia idonea di supporto. Se dimentica di usare Tachipirina Non usi una dose doppia per compensare la dimenticanza della dose. Se interrompe il trattamento con Tachipirina Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista. 4. Possibili effetti indesiderati Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino. Se lei/il bambino manifesta i seguenti effetti indesiderati INTERROMPA il trattamento con questo medicinale e contatti immediatamente il medico: • reazioni allergiche con: - arrossamenti della pelle accompagnati da prurito (orticaria) - gonfiore della gola (edema della laringe) - gonfiore di mani, piedi, caviglie, viso, labbra, lingua e/o gola (angioedema) - grave reazione allergica (shock anafilattico). Inoltre, chi assume il medicinale potrebbe manifestare i seguenti effetti indesiderati, per i quali non sono disponibili dati sufficienti per stabilire la frequenza.• riduzione del numero di piastrine nel sangue (trombocitopenia) • riduzione del numero di globuli bianchi nel sangue (leucopenia/agranulocitosi) • riduzione dell’emoglobina nel sangue, sostanza che trasporta l’ossigeno nel sangue (anemia) • vertigini • disturbi allo stomaco e all’intestino • funzionalità anomala del fegato • infiammazione del fegato (epatite) • macchie rosse, lesioni bollose con aree di distacco della pelle, vesciche, eruzioni della pelle (eritema multiforme, sindrome di Stevens Johnson, necrolisi epidermica tossica) • riduzione della funzionalità dei reni (insufficienza renale acuta) • infiammazione dei reni (nefrite interstiziale) • sangue nelle urine (ematuria) • cessazione o riduzione della produzione di urine (anuria). Sono stati segnalati casi molto rari di reazioni cutanee gravi. Segnalazione degli effetti indesiderati Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/content/come-segnalare-una-sospetta- reazione-avversa. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale. 5. Come conservare Tachipirina Conservi questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini. Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla scatola dopo Scad. La data di scadenza si riferisce all’ultimo giorno di quel mese. La mezza compressa può essere conservata per 24 ore nella confezione originale. Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione. Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente. 6. Contenuto della confezione e altre informazioni Cosa contiene Tachipirina - il principio attivo è: paracetamolo (ogni compressa contiene 500 mg di paracetamolo) - gli altri componenti sono: cellulosa microcristallina, povidone, amido pregelatinizzato, acido stearico, croscarmellosa sodica. Descrizione dell’aspetto di Tachipirina e contenuto della confezione Si presenta in compresse bianche, rotonde, biconvesse, con linea di frattura centrale su un lato. Le compresse sono confezionate in blister bianco in astuccio da 10 o 20 o 30 compresse divisibili da 500 mg. È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate. Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio Aziende Chimiche Riunite Angelini Francesco - A.C.R.A.F. S.p.A.- Viale Amelia, 70 – 00181 Roma. Produttore A.C.R.A.F. S.p.A. - Via Vecchia del Pinocchio, 22 - 60131 Ancona. ISTITUTO DE ANGELI S.r.l. - Località Prulli 103/C, 50066 Reggello (FI).

MAALOX PLUS 30 CPR MASTICABILE UTILE IN CASO DI BRUCIORE DI STOMACO ASSOCIATO A GONFIORE E METEORISMO -20%

SANOFI SPA

MAALOX PLUS 30 CPR MASTICABILE UTILE IN CASO DI BRUCIORE DI STOMACO ASSOCIATO A GONFIORE E METEORISMO

€ 8,90 € 7,10

​​​​​​​Foglio illustrativo: informazioni per il paziente MAALOX PLUS 200 mg + 200 mg + 25 mg compresse masticabili Magnesio idrossido + Alluminio ossido, idrato + Dimeticone Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene importanti informazioni per lei. Prenda questo medicinale sempre come esattamente descritto in questo foglio o come il medico o farmacista le hanno detto di fare. - Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo. - Se desidera maggiori informazioni o consigli, si rivolga al farmacista. - Se si manifesta uno qualsiasi degli effetti indesiderati, tra cui effetti non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4. - Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi. Contenuto di questo foglio: 1. Che cos’è MAALOX PLUS e a cosa serve 2. Cosa deve sapere prima di prendere MAALOX PLUS 3. Come prendere MAALOX PLUS 4. Possibili effetti indesiderati 5. Come conservare MAALOX PLUS 6. Contenuto della confezione e altre informazioni 1. Che cos’è MAALOX PLUS e a cosa serve Questo medicinale contiene i seguenti principi attivi: magnesio idrossido e alluminio idrossido, che diminuiscono la quantità di acido nello stomaco, e dimeticone, che assorbe i gas intestinali. Maalox plus è un medicinale che si utilizza per il trattamento di: • sintomi da eccesso di acidità di stomaco (iperacidità) come bruciore e dolore anche in caso di infiammazione dell’esofago (esofagite) e dell’iperacidità quando è accompagnata da disturbi della digestione associati (dispepsia) • sintomi da eccesso di aria nello stomaco e nell’intestino quando associato ad iperacidità. Si rivolga al medico se non si sente meglio o se si sente peggio. 2. Cosa deve sapere prima di prendere MAALOX PLUS Non usi MAALOX PLUS - se è allergico ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6); i segni di una reazione allergica sono eruzioni cutanee, gonfiore delle labbra, della lingua, del volto e della gola, problemi di respirazione; - se soffre di porfiria (un raro disturbo ereditario del metabolismo del sangue); - se ha gravi problemi ai reni; - se il suo organismo è gravemente deperito (cachessia);- nei bambini e negli adolescenti al di sotto dei 18 anni di età. Avvertenze e precauzioni Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere MAALOX PLUS: − se ha problemi intestinali o di stitichezza, se ha problemi non gravi ai reni o se è anziano perché questo medicinale potrebbe peggiorare i problemi intestinali; − se sta seguendo una dieta povera di fosforo, se ha bassi livelli di fosfati nel sangue (ipofosfatemia) o in caso di trattamento a lungo termine. Questo medicinale riduce i livelli di fosfato nel sangue e può causare problemi alle ossa. Se sta assumendo questo medicinale ad un dosaggio elevato o se è soggetto a diarrea, faccia attenzione perché questo medicinale può causare diarrea (vedere paragrafo 4 “Possibili effetti indesiderati”). Bambini Questo medicinale non deve essere usato nei bambini e negli adolescenti al di sotto dei 18 anni di età. Altri medicinali e MAALOX PLUS Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro medicinale. Questo medicinale può interagire con altri medicinali. Se sta assumendo altri medicinali, deve aspettare almeno 2 ore prima di assumere MAALOX PLUS e almeno 4 ore in caso di assunzione di alcuni antibiotici (fluorochinoloni). Questo medicinale può interferire con l’azione di: − medicinali contro l’acidità di stomaco (H2 antagonisti); − farmaci per il cuore e la pressione del sangue (atenololo, digossina, metoprololo e propranololo); − medicinali antiinfettivi (cefdinir, cefpodoxima, tetracicline, etambutolo, fluorochinoloni, isoniazide, lincosamidi, penicillamine, ketoconazolo); − medicinali contro la malaria (clorochina); − medicinali antinfiammatori (diflunisal, glucocorticoidi, indometacina); − medicinali per le malattie delle ossa (bisfosfonati); − medicinali per la tiroide (levotiroxina); − medicinali contro la schizofrenia (neurolettici fenotiazinici); − medicinali per ridurre il colesterolo (rosuvastatina); − medicinali contenenti ferro o fluoruro di sodio. Inoltre è necessario consultare il medico se sta assumendo: − medicinali contenenti polistirene sulfonato (Kayexalate), per il rischio di problemi metabolici e intestinali; − medicinali contenenti idrossido di alluminio e citrati, per il rischio di aumento dell’alluminio nel sangue; − chinidina (medicinale per il cuore) per il rischio di aumento dei livelli di chinidina. Gravidanza e allattamento Questo medicinale può essere preso solo se il medico lo ha ritenuto necessario e sotto il suo controllo. Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere questo medicinale.Guida di veicoli e utilizzo di macchinari Questo medicinale non altera la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari. MAALOX PLUS contiene sorbitolo, saccarosio e glucosio: se il medico le ha diagnosticato una intolleranza ad alcuni zuccheri, lo contatti prima di prendere questo medicinale. Questo medicinale contiene 0,5 g di glucosio per dose. Da tenere in considerazione in persone affette da diabete mellito. 3. Come prendere MAALOX PLUS Prenda questo medicinale seguendo sempre esattamente quanto riportato in questo foglio o le istruzioni del medico o del farmacista. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista. Non superi le dosi indicate a meno che non glielo abbia consigliato il medico. La dose raccomandata negli adulti e negli adolescenti sopra i 18 anni d’età è: 2-4 compresse 4 volte al giorno, da assumere 20-60 minuti dopo i pasti e prima di coricarsi. Modo d’uso: masticare o succhiare bene le compresse. In seguito all’assunzione di questo medicinale può ingerire acqua o latte. Se prende più MAALOX PLUS di quanto deve In caso di ingestione/assunzione accidentale di una dose eccessiva di questo medicinale, consulti immediatamente il medico o si rivolga all’ospedale più vicino. Se assume alte dosi di questo medicinale può manifestare: − diarrea (vedere paragrafo 2 “Avvertenze e precauzioni”), dolore addominale e vomito; − peggioramento di problemi intestinali se soffre di stitichezza, ha problemi non gravi ai reni o è anziano. Se dimentica di prendere MAALOX Non prenda una dose doppia per compensare la dimenticanza della dose. Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista. 4. Possibili effetti indesiderati Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino. Smetta di prendere MAALOX PLUS e si rivolga immediatamente al medico o all’ospedale più vicino se manifesta: difficoltà a respirare o a deglutire, gonfiore del viso, delle mani e dei piedi, degli occhi, delle labbra e/o della lingua, eruzioni cutanee, prurito, orticaria e capogiri, in quanto questi possono essere sintomi di gravi reazioni allergiche (angioedema e reazione anafilattica). Con l’uso di questo medicinale possono manifestarsi i seguenti effetti indesiderati: Non comune (possono interessare fino a 1 persona su 100):− stitichezza (stipsi) o diarrea (vedere paragrafo 2 “Avvertenze e precauzioni”). Frequenza non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili): − eccessiva reazione dell’organismo a sostanze estranee (reazione di ipersensibilità, anche gravi), eruzione cutanea più o meno pruriginosa caratterizzata dalla comparsa di rigonfiamenti sulla pelle (orticaria), prurito; − alterazione dei livelli di magnesio, alluminio e fosfato nel sangue che possono causare problemi alle ossa (vedere paragrafo 2 “Avvertenze e precauzioni”). Segnalazione degli effetti indesiderati Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo: http://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale. 5. Come conservare MAALOX PLUS Conservi questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini. Conservare a temperatura inferiore a 25°C. Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla scatola dopo “Scad.”. La data di scadenza si riferisce all’ultimo giorno di quel mese. Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente. 6. Contenuto della confezione e altre informazioni Cosa contiene MAALOX PLUS - I principi attivi sono: magnesio idrossido, alluminio ossido, idrato e dimeticone. Ciascuna compressa contiene 200 mg di magnesio idrossido, 200 mg di alluminio ossido, idrato e 25 mg di dimeticone. - Gli altri componenti sono: amido di mais, acido citrico, amido pregelatinizzato, glucosio, mannitolo, saccarosio, sorbitolo, sorbitolo liquido non cristallizabile, talco, magnesio stearato, saccarina sodica, aroma di limone, aroma di crema svizzera, E 172. Descrizione dell’aspetto di MAALOX PLUS e contenuto della confezione MAALOX PLUS 200 mg + 200 mg + 25 mg compresse masticabili si presenta in una scatola contenente 30, 50 o 60 compresse masticabili. Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio Sanofi S.p.A. Viale L. Bodio, 37/B - 20158 Milano - ItaliaProduttore Sanofi S.p.A. Viale Europa, 11 - 21040 Origgio (VA) – Italia Sanofi S.p.A. S.S.17 Km 22 IT-67019 Scoppito (AQ)

SERANS INTEGRATORE A BASE DI BIANCOSPINO, VALERIANA, PASSIFLORA, MELISSA PER FAVORIRE UNA NATURALE AZIONE RILASSANTE E DISTENSIVA -20%

ANSERIS PHARMA

SERANS INTEGRATORE A BASE DI BIANCOSPINO, VALERIANA, PASSIFLORA, MELISSA PER FAVORIRE UNA NATURALE AZIONE RILASSANTE E DISTENSIVA

€ 17,00 € 13,60

Caratteristiche: Integratore a base di estratti secchi titolati e standardizzati di valeriana, biancospino, passiflora e melissa. I principi vegetali contenuti svolgono una naturale azione distenziva e rilassante utile a favorire il controllo dei disturbi neurovegetativi da somatizzazione di adulti e adolescenti. Posologia e Modalità d'uso: 2-3 compresse al giorno. Le compresse vanno sciolte in bocca o masticate. ​​​​​​​ Conservazione: Conservare in luogo fresco e asciutto. Avvertenze: Non superare la dose giornaliera raccomandata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni di età. Gli integratori non vanno intesi come sostituto di una dieta variata. Contiene edulcoranti. Un consumo ecessivo può avere effetti lassativi. Componenti:  edulcoranti: sorbitolo, mannitolo, aspartame, sucralosio, acesulfame K; saccarosio, valeriana (Valeriana Officinalis L. radici, maltodestrine, biossido di silicio) e.s. tit. 0,8% sesquiterpeni totali come cc. Valerenico (11,7%); aroma, biancospino (Crataegus spp. foglie e fiori, maltodestrina, biossido di silicio) e.s. tit. 1,8% vitexina-2-ramnoside (7,1%); passifiora (Passifiora Incarnata L. fiori ed erba, maltodestrine, biossido di silicio) e.s. tit. 4% fiavonoidi totali come vitexina (7,1%); melissa (Melissa Officinalis L. foglie, maltodestrine, biossido di silicio) e.s. tit. 4% acido rosmarinico (7,196); antiagglomeranti. mono-di e trigliceridi degli acidi grassi, biossido di silicio; mentolo. Formato: 20 compresse masticabili

ACTIFED 12 CPR 2,5MG + 60MG DECONGESTIONANTE DELLA MUCOSA NASALE -20%

JOHNSON & JOHNSON

ACTIFED 12 CPR 2,5MG + 60MG DECONGESTIONANTE DELLA MUCOSA NASALE

€ 10,97 € 8,80

​​​​​​​Foglio illustrativo: informazioni per il paziente ACTIFED 2,5 mg +60 mg compresse ACTIFED 2,5 mg/10 ml + 60 mg/10 ml sciroppo Triprolidina cloridrato; Pseudoefedrina cloridrato Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene importanti informazioni per lei. Prenda questo medicinale sempre come esattamente descritto in questo foglio o come il medico o il farmacista le ha detto di fare. - Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo. - Se desidera maggiori informazioni o consigli, si rivolga al farmacista. - Se si manifesta uno qualsiasi degli effetti indesiderati, tra cui effetti non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista o all’infermiere. Vedere paragrafo 4. - Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo 7 giorni di trattamento. Contenuto di questo foglio: 1. Che cos’è ACTIFED e a cosa serve 2. Cosa deve sapere prima di prendere ACTIFED 3. Come prendere ACTIFED 4. Possibili effetti indesiderati 5. Come conservare ACTIFED 6. Contenuto della confezione e altre informazioni 1. Che cos’è ACTIFED e a cosa serve ACTIFED contiene pseudoefedrina cloridrato, un decongestionante della mucosa nasale e triprolidina cloridrato, un antistaminico che riduce le secrezioni del naso. ACTIFED è un medicinale utilizzato per il sollievo dai sintomi della congestione nasale, dovuti al raffreddore. Si rivolga al medico se non si sente meglio o se si sente peggio dopo 7 giorni di trattamento. 2. Cosa deve sapere prima di prendere ACTIFED Non usi ACTIFED:  se è allergico ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6);  se ha avuto una reazione allergica ad altri antistaminici;  se sta assumendo o se ha assunto nelle ultime 2 settimane inibitori delle monoaminossidasi (IMAO) farmaci per la depressione, perché l’uso di questi farmaci con ACTIFED può causare un aumento della pressione del sangue;  se sta assumendo farmaci utilizzati per problemi respiratori, ad esempio farmaci per trattare l’asma , perché l’uso di questi farmaci con ACTIFED può causare un aumento della pressione del sangue;  se ha problemi al cuore;  se soffre di pressione alta del sangue (ipertensione);  se è in gravidanza o sta allattando con latte materno;  se soffre di glaucoma (aumento della pressione dell’occhio con possibile peggioramento della vista);  se ha un restringimento (stenosi) dello stomaco o dell’intestino, della vescica, dell’uretra o degli ureteri;  se la sua tiroide funziona di più (ipertiroidismo); se ha una prostata con volume aumentato (ipertrofia prostatica, che causa problemi quali difficoltà ad urinare o bisogno di urinare spesso);  se soffre di epilessia;  se ha il diabete;  se ha meno di 12 anni di età. Avvertenze e precauzioni Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere ACTIFED se:  ha problemi respiratori enfisema o bronchite cronica o asma bronchiale acuta o cronica ;  ha gravi problemi al fegato;  ha ridotta funzionalità renale;  è anziano, poiché ha una maggiore probabilità di sviluppare eventi avversi a questo medicinale;  ha un’intolleranza ad alcuni zuccheri (vedere “Eccipienti con effetti indesiderati noti”). Contatti il medico se l’uso di ACTIFED non migliora i suoi sintomi, se i suoi sintomi peggiorano o se compaiono nuovi sintomi, se compare febbre alta o nota altri effetti indesiderati. Altri medicinali e ACTIFED Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro medicinale Non usi ACTIFED se sta assumendo:  farmaci per la depressione inibitori delle monoaminossidasi (IMAO) o li ha assunti nelle ultime 2 settimane, poiché può causare un aumento, anche brusco, della pressione del sangue;  farmaci utilizzati per problemi respiratori, ad esempio per trattare l’asma poiché può causare un aumento, anche brusco, della pressione del sangue.  farmaci anticolinergici, usati ad esempio per l’incontinenza urinaria, per il Parkinson o per i disturbi dello stomaco o dell’intestino;  farmaci che ritardano la coagulazione del sangue (anticoagulanti) ;  farmaci usati per ridurre la pressione alta del sangue (antiipertensivi), come ad esempio metildopa, alfa e beta bloccanti, debrisochina, guanetidina, betanidina e bretilio;  farmaci contro la depressione chiamati antidepressivi triciclici;  farmaci ipnotici, sedativi o tranquillanti;  altri farmaci che riducono la congestione del naso;  farmaci che causano una diminuzione dell’appetito ed un abbassamento del peso del corpo (anoressizzanti ed amfetaminosimili);  antibiotici che causano problemi all’orecchio;  furazolidone, un antibiotico. ACTIFED e alcol Non beva alcol se sta usando ACTIFED poiché ciò potrebbe interferire con il suo trattamento e/o aumentare il rischio di effetti indesiderati, come ad esempio la sonnolenza. Gravidanza e allattamento Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere questo medicinale. Non usi ACTIFED se è in gravidanza o se sta allattando con latte materno. Guida di veicoli e utilizzo di macchinari ACTIFED può causare sonnolenza. Si assicuri di non soffrire di questo effetto indesiderato, prima di mettersi alla guida di veicoli o di usare macchinari. ACTIFED sciroppo contiene:  saccarosio. Se il medico le ha diagnosticato una intolleranza ad alcuni zuccheri, lo contatti prima di prendere questo medicinale;  metil para-idrossibenzoato. Può causare reazioni allergiche (anche ritardate); giallo tramonto (E110). Può causare reazioni allergiche. ACTIFED compresse contiene:  lattosio. Se il medico le ha diagnosticato una intolleranza ad alcuni zuccheri, lo contatti prima di prendere questo medicinale. Per chi svolge attività sportiva: l’uso del farmaco senza necessità terapeutica costituisce doping e può determinare comunque positività ai test anti-doping. 3. Come prendere ACTIFED Prenda questo medicinale seguendo sempre esattamente quanto riportato in questo foglio o le istruzioni del medico o del farmacista. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista.  Non superi le dosi consigliate.  Assuma ACTIFED compresse con un po’ d’acqua.  Assuma ACTIFED sciroppo utilizzando il misurino dosatore con tacche a 5 e 10 ml. Bambini con meno di 12 anni di età ACTIFED non deve essere utilizzato nei bambini con meno di 12 anni di età. Adulti e bambini con più di 12 anni di età una compressa o una dose da 10 ml di sciroppo 2 - 3 volte al giorno. Se prende più ACTIFED di quanto deve, può notare:  sonnolenza, sonno profondo (letargia), depressione respiratoria, pressione alta (ipertensione), aumento della temperatura corporea (ipertermia), dilatazione delle pupille (midriasi), rossore, febbre, bocca secca, ritenzione urinaria, ridotta motilità intestinale (borborigmi ridotti), aumento della frequenza del battito cardiaco (tachicardia), pressione bassa (ipotensione), nausea, vomito, agitazione, stato confusionale, allucinazioni, psicosi, convulsioni, disturbi del battito cardiaco (aritmie);  I pazienti che soffrono di agitazione prolungata, coma, o crisi epilettiche possono raramente manifestare grave sofferenza muscolare (rabdomiolisi) ed ridotta funzionalità renale (insufficienza renale);  insonnia, irritabilità, ansia, percezione del battito cardiaco (palpitazioni), riduzione della frequenza del batttito cardiaco (bradicardia);  emorragia intracerebrale, infarto del miocardio, riduzione dei livelli di calcio nel sangue (ipocaliemia), infarto intestinale.  Nei bambini possono insorgere tremori, insonnia, iperattività e convulsioni e sonnolenza. Se prende una dose elevata di ACTIFED avverta immediatamente il medico o si rivolga al più vicino ospedale. Conservi questo medicinale fuori dalla portata dei bambini. In caso di sovradosaggio, chieda aiuto al medico o contatti subito un centro antiveleni. Se dimentica di prendere ACTIFED Non prenda una dose doppia per compensare la dimenticanza della dose. Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista. 4. Possibili effetti indesiderati Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino.Effetti indesiderati comuni (possono interessare fino a 1 persona su 10)  bocca secca, nausea;  capogiri, difficoltà ad addormentarsi (insonnia) e nervosismo. Effetti indesiderati molto rari (possono interessare fino a 1 persona su 10.000)  ansia, umore euforico, allucinazione anche visiva, irrequietezza;  mal di testa, alterazioni della sensibilità (parestesia), iperattività psicomotoria, sonnolenza, tremori ai muscoli;  alterazioni del ritmo del cuore (aritmia, extrasistoli), percezione del battito del cuore (palpitazioni), aumento dei battiti del cuore (tachicardia);  sensazione di nervosismo, debolezza (astenia);  sanguinamento dal naso (epistassi);  vomito, disturbi dello stomaco e dell’intestino;  prurito, eruzione cutanea, orticaria;  grave eruzione della pelle caratterizzata dalla formazione di pustole (pustolosi esantematica acuta generalizzata);  gonfiore del viso, degli occhi, delle labbra e della gola con possibili difficoltà a respirare (angioedema);  difficoltà nell’emissione delle urine (disuria), ritenzione delle urine  aumento della pressione del sangue;  reazioni allergiche (ipersensibilità). Altri effetti indesiderati (la frequenza non può essere stimata dai dati disponibili)  reazioni della pelle dopo esposizione alla luce (fotosensibilità);  addensamento delle secrezioni dei bronchi;  diarrea;  alterazione di alcuni valori nel sangue;  abbassamento della pressione del sangue (specialmente negli anziani). Effetti indesiderati nei bambini e negli adolescenti  iperattività psicomotoria che si manifesta con eccessiva attività motoria come camminare avanti e indietro, non riuscire a stare fermi da seduti, essere irrequieti, torcersi le mani, manipolare incessantemente vestiti o altri oggetti. Tale effetto indesiderato si verifica molto raramente. Segnalazione degli effetti indesiderati Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo “www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili”. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale. 5. Come conservare ACTIFED Tenere questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini. Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla confezione. La data di scadenza si riferisce all’ultimo giorno di quel mese. ACTIFED sciroppo: conservare questo medicinale al riparo della luce. ACTIFED compresse: conservare a temperatura non superiore a 25°C ed in luogo asciutto. Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente.6. Contenuto della confezione e altre informazioni Cosa contiene ACTIFED compresse I principi attivi sono: triprolidina cloridrato e pseudoefedrina cloridrato. Gli altri componenti sono: lattosio, amido di mais, povidone, magnesio stearato. Cosa contiene ACTIFED sciroppo I principi attivi sono: triprolidina cloridrato e pseudoefedrina cloridrato. Gli altri componenti sono: glicerolo, saccarosio, metile para-idrossibenzoato, sodio benzoato, giallo chinolina (E104), giallo tramonto (E110), acqua depurata. Descrizione dell’aspetto di ACTIFED e contenuto della confezione ACTIFED compresse è disponibile in confezioni da 12 compresse. ACTIFED sciroppo è disponibile in flacone da 100 ml, con misurino dosatore con tacche a 5 e 10 ml. Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio Johnson & Johnson S.p.A., Via Ardeatina km 23,500 - 00071Santa Palomba - Pomezia (Roma) Produttore ACTIFED compresse Janssen-Cilag, Domaine de Maigremont F27100 Val de Reuil, Francia ACTIFED sciroppo Famar Orléans – 5, Avenue de Concyr – 45071 Orlèans Cedex 2 (Francia) ​​​​​​​Informazioni dettagliate ed aggiornate su questo medicinale sono disponibili scansionando il Codice QR presente sulla confezione esterna con uno smartphone. Le informazioni sono inoltre disponibili sulla Banca Dati Farmaci dell’Agenzia Italiana del Farmaco (https://farmaci.agenziafarmaco.gov.it/bancadatifarmaci/).

MAGNESIUM 300+ INTEGRATORE ALIMENTARE BOIRON DI MAGNESIO -25%

LABORATOIRES BOIRON

MAGNESIUM 300+ INTEGRATORE ALIMENTARE BOIRON DI MAGNESIO

€ 23,50 € 17,60

300 mg + Boiron è più di magnesio, fornisce 300 mg di magnesio al giorno, pari al 100% della razione giornaliera raccomandata (RDA). Contiene anche vitamine 1, B2, B5, B6, B8, B9, B12 e PP. Queste vitamine lavorano in sinergia per combattere contro la stanchezza e lo stress. ​​​​​​​Per aiutare a meglio resistere alla fatica, lo stress e superlavoro della vita quotidiana, e per preservare la serenità e allegria. Indicazioni: ansia, disturbi del sonno, stanchezza e difficoltà di concentrazione sono alcuni segni di stress. Magnesium 300+ è un integratore alimentare studiato per facilitare l'adattamento allo stress fisico e psicologico. Aiuta a sopportare meglio lo stress della vita moderna, la tensione e aiuta a mantenere la serenità e allegria. Contiene anche vitamine B1, B2, B5, B6, B8, B9, B12 e PP, queste vitamine lavorano in sinergia per combattere contro la stanchezza e lo stress. Posologia: Adulti: da 11 anni 2 compresse alla fine della prima colazione e 2 alla fine della cena. Bambini:6 a10 anni 1 compressa tarda colazione e 2 alla fine della cena. Ripetere il trattamento se necessario. Componenti: Per una compressa da 500 mg: Carbonato di magnesio - Magnesio glicerofosfato - destrosio (Wheat) - Agente: Cellulosa - Antiagglomeranti: magnesio stearato - alfa tocoferolo acetato (vitamina E) Polvere - Corn Maltodestrine - stabilizzatore: sodio ottenilsuccinato amido succinato - antiagglomerante: biossido di silicio - di selenio arricchito di lievito - Vitamina PP - Vitamina B5/pantothénate calcio - Silica - Vitamina B6 - Vitamina B2 - Vitamina B1 - Vitamina B9/acide folico - Vitamina B8 - Vitamina B12 - acidità: citrato acido citrico trisodico. Formato: ​​​​​​​confezione da 160 Cpr

EFFERDENT 90 COMPRESSE EFFERVESCENTI PER LA PULIZIA PROFONDA E L'IGIENE DELLA DENTIERA -20%

VALEDO SRL

EFFERDENT 90 COMPRESSE EFFERVESCENTI PER LA PULIZIA PROFONDA E L'IGIENE DELLA DENTIERA

€ 9,90 € 7,90

Descrizione: La pulizia profonda quotidiana e l’igiene della protesi dentale sono molto importanti: per rimuovere i residui alimentare e per prevenire la formazione della placca batterica, responsabile di gengiviti, irritazioni, alito pesante; contro le macchie più tenaci per proteggere la qualità della protesi. Efferdent compresse effervescenti esercita un'azione pulente e igienizzante eliminando i batteri responsabili del cattivo odore.  Modalità d’uso: Mettere una compressa di Efferdent in un bicchiere d'acqua tiepida o leggermente calda. Immergere completamente la protesi. I 5 componenti attivi cominciano subito ad agire e l'acqua si colora di blu. Dopo pochi minuti l'acqua torna al suo colore naturale. Efferdent ha completato la sua azione pulente e antibatterica. La protesi può essere lasciata nella soluzione. Rimuovere la protesi dal bicchiere e sciacquare con cura. Gettare la soluzione dopo il suo utilizzo. Composizione: Potassio Monopersolfato, Sodio Bicarbonato, Sodio Perborato Monoidrato, Edta Tetrasodico, Sodio Carbonato Annidro, Sodio Tripolifosfato Anidro, Polietilenglicole 6000, Sodio Solfato Anidro, Spearmint Flavour, Sodio Lauril Sulfoacetato, Polifluorotetraetilene, Saccarina Sodica, Colore Blu E132, Lacca Blu E132.  Avvertenze: Non bere la soluzione e non usarla per sciacquare il cavo orale. Non utilizzare il prodotto dopo la data di scadenza. Non utilizzare il prodotto in caso di confezione aperta o danneggiata. Conservare la confezione per informazioni complete sul prodotto. Formato: ​​​​​​​Confezione da 90 compresse effervescenti. 

DULCOLAX 40 COMPRESSE A BASE DI BISACODILE -20%

SANOFI SPA

DULCOLAX 40 COMPRESSE A BASE DI BISACODILE

€ 9,45 € 7,56

​​​​​​​Foglio illustrativo: informazioni per l’utilizzatore DULCOLAX 5 mg compresse rivestite DULCOLAX adulti 10 mg supposte Bisacodile Legga attentamente questo foglio prima di prendere/dare al suo bambino questo medicinale perché contiene importanti informazioni per lei. Prenda/dia al suo bambino questo medicinale sempre come esattamente descritto in questo foglio o come il medico o farmacista le ha detto di fare. - Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo. - Se desidera maggiori informazioni o consigli, si rivolga al farmacista. - Se si manifesta uno qualsiasi degli effetti indesiderati, tra cui effetti non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4. - Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo 7 giorni. Contenuto di questo foglio: 1. Che cos’è Dulcolax e a cosa serve 2. Cosa deve sapere prima di prendere/dare al suo bambino Dulcolax 3. Come prendere/dare al suo bambino Dulcolax 4. Possibili effetti indesiderati 5. Come conservare Dulcolax 6. Contenuto della confezione e altre informazioni 1. Che cos’è Dulcolax e a cosa serve Dulcolax contiene bisacodile. Appartiene ad un gruppo di medicinali chiamati lassativi di contatto. Dulcolax agisce stimolando i movimenti dell’intestino, accelerando il passaggio del contenuto dell’intestino. Dulcolax si usa negli adulti, nei bambini e negli adolescenti di età compresa tra 2 e 18 anni per il trattamento di breve durata della stitichezza occasionale. Si rivolga al medico se non si sente meglio o se si sente peggio dopo 7 giorni. 2. Cosa deve sapere prima di prendere/dare al suo bambino Dulcolax Non prenda/non dia al suo bambino Dulcolax - se lei e/o il suo bambino siete allergici al bisacodile o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6); - se lei e/o il suo bambino soffrite di un arresto della progressione del contenuto intestinale dovuto ad un blocco della muscolatura dell’intestino (ileo paralitico); - se lei e/o il suo bambino soffrite di condizioni addominali acute, come infiammazione dell’appendice, una parte dell’intestino (appendicite), e gravi dolori alla pancia associati a nausea e vomito che possono essere segni indicativi di gravi malattie; - se lei e/o il suo bambino soffrite di ostruzione o restringimento dell’intestino (stenosi intestinale); - se lei e/o il suo bambino soffrite di infiammazione acuta dello stomaco e dell’intestino; - se lei e/o il suo bambino soffrite di sanguinamento dal retto di origine sconosciuta; - se lei e/o il suo bambino soffrite di grave perdita di acqua dall’organismo (stato di disidratazione); - se lei e/o il suo bambino soffrite di una malattia ereditaria che può essere incompatibile con l’assunzione di uno degli eccipienti (vedere paragrafo 2. "Dulcolax contiene lattosio”); - se il suo bambino ha un’età inferiore ai 2 anni; - se lei e/o il suo bambino soffrite di ragadi e ulcere anali non prenda/non dia al suo bambino le supposte (può verificarsi dolore e sanguinamento perianale). Se è in gravidanza o sta allattando al seno, vedere paragrafo “Gravidanza e allattamento”.Avvertenze e precauzioni Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere/dare al suo bambino Dulcolax. Sono stati riportati casi di vertigini e/o svenimento (sincope) dopo assunzione di Dulcolax. I dati relativi a questi casi suggeriscono che gli eventi, più che un fenomeno correlato all'assunzione di Dulcolax, potrebbero essere interpretati come manifestazione di "svenimento (sincope) da defecazione" (attribuibile allo sforzo dell'atto della defecazione), oppure come una risposta riflessa al dolore alla pancia correlato alla stitichezza stessa. L'uso delle supposte può portare a sensazioni dolorose e irritazione locale, in particolare, in presenza di ragadi e di malattia infiammatoria dell’intestino retto (proctite ulcerativa) (vedere paragrafo 2 “Non prenda/non dia al suo bambino Dulcolax”). Come tutti i lassativi non prenda/non dia al suo bambino Dulcolax giornalmente o per periodi prolungati senza che il medico abbia prima valutato la causa della stitichezza. Il trattamento della stitichezza cronica o ricorrente richiede sempre l’intervento del medico per la diagnosi, la prescrizione dei farmaci e la sorveglianza nel corso della terapia. In particolare, consulti il medico: • quando la necessità del lassativo deriva da un improvviso cambiamento delle precedenti abitudini intestinali (frequenza e caratteristiche delle evacuazioni) che duri da più di due settimane o quando l’uso del lassativo non riesce a produrre effetti; • se è anziano o in condizioni di salute non buone; • se lei/il suo bambino soffrite di diabete mellito, pressione sanguigna alta (ipertensione) o malattia del cuore (cardiopatia). Abuso di lassativi L’abuso di lassativi (uso frequente o prolungato o con dosi eccessive) può causare diarrea persistente con conseguente perdita di liquidi (disidratazione) o diminuzione dei livelli di potassio nel sangue (ipopotassiemia). Nei casi più gravi la diminuzione di potassio può causare disturbi del cuore o dei muscoli specialmente nel caso in cui sia sottoposto a trattamento contemporaneo con alcuni farmaci per il cuore (glicosidi cardiaci), con farmaci che aumentano la produzione di urina (diuretici) o con quelli che si usano per curare l’infiammazione (corticosteroidi). I sintomi da perdita intestinale di liquidi (disidratazione) possono essere sete e riduzione dell’eliminazione della quantità di urine (oliguria). La perdita di liquidi (disidratazione) può essere pericolosa se lei/il suo bambino soffrite di una ridotta funzionalità renale (insufficienza renale) o se lei è anziano; interrompa quindi il trattamento con Dulcolax e consulti il medico. Può verificarsi anche la presenza di sangue nelle feci (ematochezia), che è generalmente lieve e scompare da sola. Eviti un uso frequente o prolungato del medicinale poiché può provocare assuefazione e dipendenza (cioè necessità di aumentare progressivamente il dosaggio e non riuscire a fare a meno del medicinale), oltre che stitichezza cronica e perdita delle normali funzioni intestinali (atonia intestinale). I lassativi stimolanti incluso Dulcolax non contribuiscono alla perdita di peso. Bambini Nei bambini di età compresa fra 2 e 10 anni il medicinale può essere usato solo dopo aver consultato il medico. Dulcolax non deve essere usato nei bambini di età inferiore a due anni. Altri medicinali e Dulcolax Informi il medico o il farmacista se lei/il suo bambino sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro medicinale. Informi il medico se sta assumendo: • diuretici (medicinali che aumentano l’escrezione urinaria) o adrenocorticosteroidi (medicinali per il trattamento dell’infiammazione). Se usa questi medicinali e dosi eccessive di Dulcolax puòaumentare il rischio di uno squilibrio degli elementi contenuti nel sangue (elettroliti). Tale squilibrio, a sua volta, può comportare un aumento della sensibilità ai glicosidi cardioattivi (medicinali per il trattamento dei disturbi cardiaci); • antiacidi (medicinali per il trattamento del bruciore di stomaco). Possono modificare l’effetto del medicinale; lasci trascorrere un intervallo di almeno un’ora prima di prendere il lassativo. I lassativi possono ridurre il tempo di permanenza nell’intestino, e quindi l’assorbimento di altri farmaci somministrati contemporaneamente per via orale. Eviti quindi di prendere/dare al suo bambino contemporaneamente lassativi ed altri farmaci: dopo aver preso/dato al suo bambino un medicinale lasci trascorrere un intervallo di almeno due ore prima di prendere il lassativo. L’uso concomitante di altri lassativi può potenziare gli effetti secondari gastrointestinali di Dulcolax. Dulcolax con bevande Il latte può modificare l’effetto del medicinale; lasci trascorrere un intervallo di almeno un’ora prima di prendere/dare al suo bambino il lassativo. Gravidanza, allattamento e fertilità Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere questo medicinale. Gravidanza Non esistono studi adeguati e ben controllati sull’uso del medicinale in gravidanza. Pertanto, pur non essendo mai stati segnalati effetti indesiderati o tossici durante la gravidanza, come per tutti i medicinali, se è in gravidanza, usi Dulcolax, solo in caso di necessità, sotto il diretto controllo del medico, dopo che il medico avrà valutato il beneficio atteso per lei in rapporto al possibile rischio per il feto. Allattamento Dati clinici dimostrano che la forma attiva del bisacodile e i suoi derivati glucuronici non passano nel latte materno, tuttavia usi il medicinale solo in caso di necessità, sotto il diretto controllo del medico, dopo che il medico avrà valutato il beneficio atteso per lei in rapporto al possibile rischio per il lattante. Fertilità Non sono stati condotti studi volti ad indagare gli effetti sulla fertilità umana. Guida di veicoli e utilizzo di macchinari Non sono stati effettuati studi sugli effetti sulla capacità di guidare e sull'uso di macchinari. A causa della risposta riflessa al dolore alla pancia dovuto alla stitichezza stessa, per es., allo spasmo addominale, possono verificarsi vertigini e/o svenimento (sincope). Se lei/il suo bambino avvertite dolori alla pancia (spasmo addominale) dovete evitare attività potenzialmente pericolose come guidare veicoli o usare macchinari. Dulcolax compresse contiene lattosio, saccarosio e olio di ricino Dulcolax compresse contiene lattosio: se il medico ha diagnosticato a lei/al suo bambino una intolleranza ad alcuni zuccheri, lo contatti prima di prendere questo medicinale. Dulcolax compresse contiene saccarosio: se il medico ha diagnosticato a lei/al suo bambino una intolleranza ad alcuni zuccheri, lo contatti prima di prendere questo medicinale. Dulcolax compresse contiene olio di ricino: lei/il suo bambino può manifestare disturbi gastrici e diarrea. 3. Come prendere/dare al suo bambino Dulcolax Prenda/dia al suo bambino questo medicinale seguendo sempre esattamente quanto riportato in questo foglio o le istruzioni del medico o del farmacista. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista. La dose raccomandata è la seguente: Compresse rivestite Adulti 1-2 compresse rivestite al giorno.Uso nei bambini e negli adolescenti Bambini oltre i 10 anni : 1-2 compresse rivestite al giorno. Bambini di età compresa fra 2 e 10 anni: 1 compressa rivestita al giorno. I bambini di età pari o inferiore ai 10 anni con stitichezza cronica o persistente devono prendere Dulcolax solo dopo aver consultato il medico. Dulcolax non deve essere usato nei bambini di età inferiore ai due anni. È consigliabile iniziare con la dose minima prevista. La dose può essere poi aumentata, fino alla dose massima raccomandata, per una regolare evacuazione delle feci. La dose massima giornaliera non deve essere mai superata. Prenda/dia al suo bambino le compresse rivestite preferibilmente la sera per determinare un’evacuazione la mattina seguente (dopo circa 10 ore). Con la somministrazione al mattino, a digiuno, l’effetto si ottiene dopo cinque ore circa. Non prenda/non dia al suo bambino le compresse rivestite insieme al latte, bicarbonato o a medicinali per il trattamento dei bruciori di stomaco (antiacidi). Le compresse rivestite vanno inghiottite intere, insieme ad una adeguata quantità di acqua (un bicchiere abbondante). Una dieta ricca di liquidi favorisce l’effetto del medicinale. La dose raccomandata è la seguente: Supposte Adulti 1 supposta adulti (10 mg) al giorno. Uso nei bambini e negli adolescenti Bambini oltre i 10 anni : 1 supposta adulti (10 mg) al giorno. I bambini di età pari o inferiore ai 10 anni con stitichezza cronica o persistente devono prendere Dulcolax solo dopo aver consultato il medico. Dulcolax non deve essere usato nei bambini di età inferiore ai due anni. La dose massima giornaliera non deve essere mai superata. Le supposte devono essere private dell’involucro esterno ed inserite nel retto dalla parte della punta. L’effetto delle supposte si manifesta di solito in circa 20 minuti (l'insorgenza dell’effetto può comunque variare nei diversi soggetti, e manifestarsi tra i 10 e i 30 minuti). Durata del trattamento Usi i lassativi il meno frequentemente possibile e per non più di 7 giorni. L’uso per periodi di tempo maggiori richiede la prescrizione del medico dopo adeguata valutazione del singolo caso. Consulti il medico se il disturbo si presenta ripetutamente o se nota un qualsiasi cambiamento recente delle sue caratteristiche. Come lassativo che agisce sull’intestino (colon), il bisacodile stimola il naturale processo di evacuazione. Pertanto, il bisacodile non modifica la digestione o l'assorbimento di calorie o di nutrienti essenziali nell’intestino. Se prende/dà al suo bambino più Dulcolax di quanto deve In caso di ingestione/assunzione accidentale di una dose eccessiva di Dulcolax avverta immediatamente il medico o si rivolga al più vicino ospedale. Sintomi Se prende/dà al suo bambino dosi eccessive di Dulcolax può manifestare dolori alla pancia e diarrea, e significative perdite di sostanze contenute nel sangue (potassio e altri elettroliti). Se lei/il suo bambino fa abuso cronico di Dulcolax, come di altri lassativi, può manifestare diarrea cronica, dolore alla pancia, diminuzione dei livelli di potassio nel sangue (ipopotassiemia), aumento della produzione di un ormone (aldosterone) da parte del surrene, che può portare ad una diminuzione dei livelli di potassio nel sangue (iperaldosteronismo secondario) e formazione di sassolini nel rene (calcoli renali). Inoltre potrebbe manifestare lesioni del rene, riduzione dell’acidità nel sangue (alcalosi metabolica) e debolezza muscolare provocata da bassi livelli di potassio nel sangue (ipopotassiemia). Vedere inoltre quanto riportato nel paragrafo “Avvertenze e precauzioni” circa l’abuso di lassativi. Trattamento Se si interviene entro breve tempo dall’ingestione delle compresse di Dulcolax, l’assorbimento può essere ridotto o evitato mediante l’induzione del vomito o la lavanda gastrica (svuotamento del contenuto dello stomaco da effettuarsi in ospedale). Il medico rimpiazzerà le perdite di liquidi e di elementi contenute nel sangue (elettroliti). Ciò è particolarmente importante nei pazienti anziani o nei bambini. Inoltre il medico può somministrare a lei/al suo bambino medicinali per calmare le contrazioni muscolari dell’intestino (spasmolitici). Se dimentica di prendere/dare al suo bambino Dulcolax Non prenda/non dia al suo bambino una dose doppia per compensare la dimenticanza della compressa o della supposta. Se interrompe il trattamento con Dulcolax Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista. 4. Possibili effetti indesiderati Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino. I seguenti effetti indesiderati sono elencati secondo frequenza: comuni (possono interessare fino a 1 paziente su 10) • crampi addominali, dolore addominale, diarrea, nausea non comuni (possono interessare fino a 1 paziente su 100) • capogiri (vertigini), • sangue nelle feci (ematochezia), vomito, fastidio alla pancia, fastidio anorettale rari (possono interessare fino a 1 paziente su 1.000) • reazioni anafilattiche, gonfiore della pelle e delle mucose del viso, delle labbra e della gola (angioedema), ipersensibilità, • perdita di liquidi (disidratazione), • svenimento (sincope), • infiammazione dell’intestino (colite, compresa colite ischemica). Segnalazione degli effetti indesiderati Se lei e/o il suo bambino manifestate un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione al sito web dell’Agenzia Italiana del Farmaco: www.agenziafarmaco.gov.it/content/come-segnalare-una-sospetta-reazione-avversa. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale. 5. Come conservare DulcolaxTenere il medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini. Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla scatola dopo Scad. La data di scadenza si riferisce all’ultimo giorno di quel mese. Compresse: questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione. Supposte: non conservare a temperatura superiore a 30°C. Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chiedere al farmacista come eliminare i medicinali che non si utilizzano più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente. 6. Contenuto della confezione e altre informazioni Cosa contiene Dulcolax Compresse rivestite - Il principio attivo è bisacodile 5 mg. - Gli altri componenti sono: lattosio monoidrato, saccarosio, olio di ricino (vedere paragrafo 2. “Dulcolax contiene lattosio, saccarosio e olio di ricino”), amido di mais, amido modificato, glicerolo, magnesio stearato, talco, gomma arabica, titanio diossido (E171), acido metacrilico/metile metacrilato copolimero (1:1), acido metacrilico/metile metacrilato copolimero (1:2), macrogol 6000, ferro ossido (E172), cera bianca, cera carnauba, gomma lacca. Supposte - Il principio attivo è bisacodile 10 mg. - Gli altri componenti sono trigliceridi di acidi grassi saturi. Descrizione dell’aspetto di Dulcolax e contenuto della confezione Compresse rivestite Dulcolax 5 mg compresse rivestite si presenta in forma di compresse rivestite. Il contenuto della confezione è di 40, 30, 24 o 20 compresse rivestite. Supposte Dulcolax adulti 10 mg supposte si presenta in forma di supposte. Il contenuto della confezione è di 6 supposte. È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate. Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio Sanofi S.p.A. Viale L. Bodio, 37/B 20158 Milano (Italia) Produttore Compresse rivestite: Delpharm Reims S.A.S. – 10 rue Colonel Charbonneaux – 51100 Reims (Francia) oppure Istituto De Angeli S.r.l. – Loc. Prulli n. 103/c – 50066 Reggello (FI) Supposte adulti: Istituto De Angeli S.r.l. – Loc. Prulli n. 103/c – 50066 Reggello (FI) ​​​​​​​Note di educazione sanitaria Prima di tutto deve essere tenuto presente che, nella maggior parte dei casi, una dieta bilanciata e ricca di acqua e fibre (crusca, verdure e frutta) può risolvere durevolmente il problema della stitichezza. Molte persone pensano di soffrire di stitichezza se non riescono ad evacuare ogni giorno. Questa è una convinzione errata poiché questa situazione è del tutto normale per un gran numero di individui. Si consideri, invece, che la stitichezza occorre quando le evacuazioni sono ridotte rispetto alle proprie personali abitudini e sono associate all’emissione di feci dure. Se gli episodi di stitichezza si presentano ripetutamente deve essere consultato il medico.

DAFLON COMPRESSE A BASE DI DIOSMINA/ESPERIDINA 500 MG -20%

SERVIER ITALIA

DAFLON COMPRESSE A BASE DI DIOSMINA/ESPERIDINA 500 MG

€ 14,28 € 11,40

​​​​​​​FOGLIO ILLUSTRATIVO DAFLON 500 mg compresse rivestite con film Frazione flavonoica purificata micronizzata Categoria farmacoterapeutica Vasoprotettori Indicazioni terapeutiche Sintomi attribuibili a insufficienza venosa; stati di fragilità capillare. Controindicazioni Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Precauzioni per l’uso Nessuna. Interazioni Non sono stati effettuati studi di interazione. Informare il medico o il farmacista se si è recentemente assunto qualsiasi altro medicinale, anche quelli senza prescrizione medica. Avvertenze speciali Gravidanza Chiedere consiglio al medico o al farmacista prima di prendere qualsiasi medicinale. La sicurezza del farmaco in gravidanza non è stata determinata, pertanto è opportuno non somministrare il prodotto durante la gravidanza. Allattamento In assenza di dati sull’escrezione nel latte, il trattamento deve essere evitato durante l’allattamento, Effetti sulla capacità di guidare veicoli e di utilizzare macchinari Non sono stati condotti studi per valutare l’effetto della frazione flavonoica sulla capacità di guidare veicoli o di usare macchinari. Dose, modo e tempo di somministrazione 2 compresse rivestite con film al giorno (1 a mezzogiorno e 1 alla sera) al momento dei pasti, anche nell’insufficienza venosa del plesso emorroidario. Sovradosaggio Non sono segnalati casi di sovradosaggio. In caso di assunzione accidentale di una dosa eccessiva di DAFLON avvertire immediatamente il medico o rivolgersi al più vicino ospedale. SE SI HA QUALSIASI DUBBIO SULL’USO DI QUESTO MEDICINALE, RIVOLGERSI AL MEDICO O AL FARMACISTA. Effetti indesiderati Come tutti i medicinali, DAFLON può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino. La frequenza delle possibili reazioni avverse elencate di seguito è descritta usando la seguente convenzione: - molto comune (si verificano in più di 1 paziente su 10) - comune (si verificano da 1 a 10 pazienti su 100) - non comune (si verificano da 1 a 10 pazienti su 1.000)- raro (si verificano da 1 a 10 pazienti su 10.000) - molto raro (si verificano in meno di 1 paziente su 10.000) - non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili). Gli effetti indesiderati includono: Patologie del sistema nervoso Raro: vertigini, cefalea, malessere Patologie gastrointestinali Comune: diarrea, dispepsia, nausea, vomito. Non comune: colite Non nota: dolore addominale Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Raro: rash, prurito, orticaria. Non nota: edema al volto, alle labbra, alla palpebra (gonfiore); edema di Quincke (rapido ingrossamento del volto, delle labbra, della bocca, della lingua o della gola che può portare a difficoltà nel respirare). Patologie del sistema emolinfopoietico Non nota: trombocitopenia. Il rispetto delle istruzioni contenute nel foglio illustrativo riduce il rischio di effetti indesiderati. Segnalazione degli effetti indesiderati Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico, al farmacista o all’infermiere. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili. segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale. Scadenza e conservazione Scadenza: vedere la data di scadenza indicata sulla confezione. Attenzione: non utilizzare il medicinale dopo la data di scadenza indicata sulla confezione. La data di scadenza indicata si riferisce al prodotto in confezionamento integro, correttamente conservato. I medicinali non devono essere gettati nell'acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chiedere al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l'ambiente. TENERE QUESTO MEDICINALE FUORI DALLA VISTA E DALLA PORTATA DEI BAMBINI. Composizione Ogni compressa contiene: principio attivo: Frazione flavonoica purificata micronizzata 500 mg - costituita da diosmina 450 mg, flavonoidi espressi in esperidina 50 mg - eccipienti: carbossimetilamido sodico; cellulosa microcristallina; gelatina; glicerina; ipromellosa; sodio laurilsolfato; ossido di ferro giallo E 172; ossido di ferro rosso E 172; titanio diossido; macrogol 6000; magnesio stearato; talco. Forma farmaceutica e contenuto 15 compresse rivestite con film 30 compresse rivestite con film 60 compresse rivestite con film Via orale. E’ possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate. Titolare dell'autorizzazione all'immissione in commercio Les Laboratoires Servier 50, rue Carnot 92284 Suresnes cedex - FranciaRappresentante per l'Italia Servier Italia S.p.A. Via Luca Passi, 85 00166 Roma Produttore Les Laboratoires Servier Industrie 905 route de Saran 45520 Gidy - Francia

MOMENT COMPRESSE: FARMACO A BASE DI IBUPROFENE -20%

ANGELINI

MOMENT COMPRESSE: FARMACO A BASE DI IBUPROFENE

€ 4,20 € 3,36

​​​​​​​PRIMA DELL’USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente riconoscibili e risolvibili senza ricorrere all’aiuto del medico. Può essere quindi acquistato senza ricetta ma va usato correttamente per assicurarne l’efficacia e ridurre gli effetti indesiderati. Per maggiori informazioni e consigli rivolgersi al farmacista. Consultare il medico se il disturbo non si risolve dopo un breve periodo di trattamento. MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene CHE COSA È Moment appartiene alla classe degli analgesici-antinfiammatori, medicinali cioè che combattono il dolore e l’infiammazione. PERCHÉ SI USA Dolori di varia origine e natura (mal di testa, mal di denti, nevralgie, dolori osteo-articolari e muscolari, dolori mestruali). Coadiuvante nel trattamento sintomatico degli stati febbrili ed influenzali. QUANDO NON DEVE ESSERE USATO • Ipersensibilità al principio attivo (ibuprofene), all’acido acetilsalicilico, ad altri analgesici, antipiretici, antinfiammatori non steroidei (FANS) o ad uno qualsiasi degli eccipienti del prodotto elencati al paragrafo 6.1.. • Bambini di età inferiore a 12 anni • Terzo trimestre di gravidanza e allattamento (vedere “Cosa fare durante la gravidanza e allattamento”) • Ulcera gastroduodenale attiva o grave o altre gastropatie. • Storia di emorragia gastrointestinale o perforazione relativa a precedenti trattamenti attivi o storia di emorragia/ulcera peptica ricorrente (due o più episodi distinti di dimostrata ulcerazione o sanguinamento). • Severa insufficienza cardiaca. • Insufficienza epatica o renale grave. • Severa disidratazione (causata da vomito, diarrea o insufficiente apporto di liquidi). PRECAUZIONI PER L’USO • Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l'uso della dose minima efficace per la durata di trattamento più breve possibile che occorre per controllare i sintomi. • Anziani: i pazienti anziani hanno un aumento della frequenza di reazioni avverse ai FANS, specialmente emorragie e perforazioni gastrointestinali, che possono essere fatali (vedere “Come usare questo medicinale”). • In pazienti asmatici il prodotto deve essere utilizzato con cautela, dopo aver consultato il medico. • Emorragia gastrointestinale, ulcerazione e perforazione L'uso di Moment deve essere evitato in concomitanza di FANS, inclusi gli inibitori selettivi della COX-2 a causa di un incremento del rischio di ulcerazione o sanguinamento (vedere “Quali medicinali o alimenti possono modificare l’effetto del medicinale”). • Durante il trattamento con tutti i FANS, in qualsiasi momento, con o senza sintomi di preavviso o precedente storia di gravi eventi gastrointestinali, sono state riportate emorragia gastrointestinale, ulcerazione e perforazione, che possono essere fatali. Negli anziani e in pazienti con storia di ulcera, soprattutto se complicata da emorragia o perforazione (vedere “Quando non deve essere usato”), il rischio di emorragia gastrointestinale, ulcerazione o perforazione è più alto con dosi aumentate di FANS. Questi pazienti devono iniziare il trattamento con la più bassa dose disponibile. L'uso concomitantedi agenti protettori (misoprostolo o inibitori di pompa protonica) deve essere considerato per questi pazienti e anche per pazienti che assumono basse dosi di aspirina o altri farmaci che possono aumentare il rischio di eventi gastrointestinali (vedere sotto e “Quali medicinali o alimenti possono modificare l’effetto del medicinale”). Pazienti con storia di tossicità gastrointestinale, in particolare anziani, devono riferire qualsiasi sintomo gastrointestinale inusuale (soprattutto emorragia gastrointestinale) in particolare nelle fasi iniziali del trattamento. I FANS devono essere somministrati con cautela nei pazienti con una storia di malattia gastrointestinale (colite ulcerosa, morbo di Crohn) poiché tali condizioni possono essere esacerbate (vedere “Effetti indesiderati”).Quando si verifica emorragia o ulcerazione gastrointestinale in pazienti che assumono Moment il trattamento deve essere sospeso. Cautela deve essere prestata ai pazienti che assumono farmaci concomitanti che potrebbero aumentare il rischio di ulcerazione o emorragia, come corticosteroidi orali, anticoagulanti come warfarin, inibitori selettivi del reuptake della serotonina o agenti antiaggreganti come l'aspirina (vedere “Quali medicinali o alimenti possono modificare l’effetto del medicinale”). • Effetti cardiovascolari e cerebrovascolari Cautela è richiesta prima di iniziare il trattamento nei pazienti con anamnesi positiva per ipertensione e/o insufficienza cardiaca poiché in associazione al trattamento con i FANS sono stati riscontrati ritenzione di liquidi, ipertensione ed edema. I FANS possono ridurre l’effetto dei diuretici, e di altri farmaci antiipertensivi (vedere “Quali medicinali o alimenti possono modificare l’effetto del medicinale”). I farmaci antinfiammatori/antidolorifici come ibuprofene possono essere associati a un modesto aumento del rischio di attacco cardiaco o ictus, specialmente se somministrati in dosi elevate. Non superare la dose raccomandata o la durata del trattamento raccomandata (3 giorni). Deve discutere la terapia con il medico o farmacista prima di prendere Moment se ha: - problemi cardiaci inclusi attacco cardiaco, angina (dolore al petto) o se ha precedenti di attacco cardiaco, intervento di bypass coronarico, malattia arteriosa periferica (scarsa circolazione alle gambe o ai piedi dovuta a restringimento oppure ostruzione delle arterie) oppure qualunque tipo di ictus (incluso ‘mini-ictus’ o “TIA”, attacco ischemico transitorio); - pressione alta, diabete, colesterolo alto, storia familiare di malattia cardiaca o ictus, oppure se è un fumatore. • Effetti dermatologici Gravi reazioni cutanee alcune delle quali fatali, includenti dermatite esfoliativa, sindrome di Stevens-Johnson e necrolisi tossica epidermica, sono state riportate molto raramente in associazione con l'uso dei FANS (vedere paragrafo “Effetti indesiderati”). Nelle prime fasi della terapia i pazienti sembrano essere a più alto rischio: l'insorgenza della reazione si verifica nella maggior parte dei casi entro il primo mese di trattamento. Moment deve essere interrotto alla prima comparsa di rash cutaneo, lesioni della mucosa o qualsiasi altro segno di ipersensibilità nonché se si manifestano disturbi visivi o segni persistenti di disfunzione epatica. • Effetti renali Quando si inizia un trattamento con ibuprofene deve essere prestata cautela ai pazienti con una disidratazione considerevole. L’utilizzo a lungo termine di ibuprofene, come con altri FANS, ha portato alterazioni patologiche renali. In generale, l’uso abituale di analgesici, soprattutto delle associazioni di diversi principi attivi analgesici, può portare a lesioni renali permanenti, con rischio di insorgenza di insufficienza renale (nefropatia da analgesici). È stata riscontrata tossicità renale, fino allo scompenso renale, in pazienti nei quali le prostaglandine renali hanno un ruolo compensatorio nel mantenimento della perfusione renale. Negli adolescenti disidratati esiste il rischio di alterazione della funzionalità renale. In caso di impiego prolungato sorvegliare la funzionalità renale particolarmente se in presenza di lupus eritematoso diffuso. • Disturbi respiratori L’ibuprofene deve essere assunto con cautela in pazienti con asma bronchiale, rinite cronica, polipi nasali, sinusite o malattie allergiche in atto o pregresse perché potrebbe insorgere broncospasmo orticaria e angioedema. Lo stesso dicasi per quei soggetti che hanno manifestato broncospasmo dopo l’impiego di acido acetilsalicilico o altri FANS. • Reazioni di ipersensibilitàGli analgesici, antipiretici, FANS, possono causare reazioni di ipersensibilità, potenzialmente gravi (reazioni anafilattoidi), anche in soggetti non precedentemente esposti a questo tipo di farmaci. Il rischio di reazioni di ipersensibilità dopo assunzione di ibuprofene è maggiore nei soggetti che abbiano presentato tali reazioni dopo l’uso di altri analgesici, antipiretici, FANS e nei soggetti con iperreattività bronchiale (asma), febbre da fieno, poliposi nasale o malattie respiratorie croniche ostruttive o precedenti episodi di angioedema (vedere “Quando non deve essere usato” e “Effetti indesiderati”). Le reazioni di ipersensibilità possono presentarsi sotto forma di attacchi d’asma (il cosìddetto asma analgesico), edema di Quincke o orticaria. Reazioni di ipersensibilità gravi (ad esempio shock anafilattico) sono state osservate raramente. Ai primi segni di reazione di ipersensibilità dopo somministrazione di ibuprofene il trattamento deve essere interrotto. • Funzionalità cardiaca, renale ed epatica ridotta Particolare cautela deve essere adottata nel trattamento di pazienti con funzionalità cardiaca, epatica o renale ridotta poichè l’utilizzo di FANS può determinare un deterioramento della funzionalità renale. L’abituale utilizzo concomitante di diversi antidolorifici può ulteriormente aumentare tale rischio. • Effetti ematologici Ibuprofene, come altri FANS, può inibire l’aggregazione piastrinica e ha dato evidenza di prolungare il tempo di sanguinamento in soggetti sani. Pertanto, i pazienti con difetti della coagulazione o in terapia anticoagulante devono essere osservati attentamente. • Meningite asettica In rare occasioni in pazienti in trattamento con ibuprofene sono stati osservati sintomi di meningite asettica. Sebbene sia più probabile che questa si verifichi in pazienti con lupus eritematoso sistemico e patologie del tessuto connettivo collegate, è stata osservata anche in pazienti i quali non manifestavano patologie croniche concomitanti (vedere “Effetti indesiderati”). • Essendosi rilevate alterazioni oculari nel corso di studi su animali con i FANS, si raccomanda, in caso di trattamenti prolungati, di effettuare periodici controlli oftalmologici. • Il consumo di alcol deve essere evitato in quanto può intensificare gli effetti collaterali dei FANS, soprattutto quelli che interessano il tratto gastrointestinale o il sistema nervoso centrale. • L'ibuprofene può mascherare i segni o sintomi di infezione (febbre, dolore e gonfiore). • L’uso di Moment, come di qualsiasi farmaco inibitore della sintesi delle prostaglandine e della cicloossigenasi è sconsigliato nelle donne che intendano iniziare una gravidanza (vedere anche “Cosa fare durante la gravidanza e l’allattamento). • La somministrazione di Moment dovrebbe essere sospesa nelle donne che hanno problemi di fertilità o che sono sottoposte a indagini sulla fertilità. • Bambini e adolescenti: Moment non deve essere usato nei bambini di età inferiore ai 12 anni. QUALI MEDICINALI O ALIMENTI POSSONO MODIFICARE L’EFFETTO DEL MEDICINALE Informare il medico o il farmacista se si è recentemente assunto qualsiasi altro medicinale, anche quelli senza prescrizione medica. Moment può influenzare o essere influenzato da altri medicinali. Ad esempio: • Acido acetilsalicilico, inibitori della COX-2 e altri FANS: queste sostanze possono far aumentare il rischio di reazioni avverse a carico del tratto gastrointestinale (vedere “Precauzioni per l’uso”). • Corticosteroidi: aumento del rischio di ulcerazione o emorragia gastrointestinale (vedere “Precauzioni per l’uso”). • Medicinali che hanno un effetto anticoagulante (vale a dire sostanze che fluidificano il sangue impedendo la formazione di coaguli, es. aspirina/acido acetilsalicilico, warfarin, ticlopidina, l’eparina, dicumarolo): i FANS possono aumentare gli effetti degli anticoagulanti, (vedere “Precauzioni per l’uso”). In caso di trattamento concomitante, si raccomanda il monitoraggio dello stato della coagulazione. • Agenti antiaggreganti e inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRIs): aumento del rischio di emorragia gastrointestinale (vedere “Precauzioni per l’uso”). • Diuretici, medicinali che riducono la pressione alta (ACE inibitori come captopril, betabloccanti come atenololo, e antagonisti dei recettori dell’angiotensina II come losartan): iFANS possono ridurre l’effetto dei diuretici e di altri farmaci antiipertensivi. In alcuni pazienti con funzione renale compromessa (per esempio pazienti disidratati o pazienti anziani con funzione renale compromessa) la co-somministrazione di un ACE inibitore o di un antagonista dell’angiotensina II e di agenti che inibiscono il sistema della cicloossigenasi può portare a un ulteriore deterioramento della funzione renale, che comprende una possibile insufficienza renale acuta, generalmente reversibile. Queste interazioni devono essere considerate in pazienti che assumono Moment in concomitanza con ACE inibitori o antagonisti dell’angiotensina II. Quindi, la combinazione deve essere somministrata con cautela, specialmente nei pazienti anziani. I pazienti devono essere adeguatamente idratati e deve essere preso in considerazione il monitoraggio della funzione renale dopo l’inizio della terapia concomitante e nei periodi successivi. • Fenitoina e litio: la somministrazione concomitante di ibuprofene e fenitoina o preparazioni di litio può determinare una ridotta eliminazione di questi medicinali con conseguente aumento dei loro livelli plasmatici con possibilità di raggiungimento della soglia tossica. • Metotrexato: i FANS possono inibire la secrezione tubulare del metotrexato e alcune interazioni metaboliche possono verificarsi con conseguente riduzione della clearance del metotrexato e aumento del rischio di tossicità. • Moclobemide: aumenta l'effetto di ibuprofene. • Aminoglicosidi: i FANS possono diminuire l’escrezione degli aminoglicosidi aumentandone la tossicità. • Glicosidi cardiaci: i FANS possono esacerbare lo scompenso cardiaco, ridurre il tasso della filtrazione glomerulare e aumentare i livelli plasmatici dei glicosidi cardiaci. Si raccomanda il monitoraggio dei livelli di glicosidi sierici; • Colestiramina: riduzione dell’assorbimento dell’ibuprofene a livello del tratto gastrointestinale. • Ciclosporine: aumentato rischio di danno renale. • Estratti vegetali: Ginkgo Biloba può aumentare il rischio di sanguinamento in associazione a FANS. • Mifepristone: riduzione dell’effetto del mifepristone. • Antibiotici chinolonici: aumentato rischio di sviluppare convulsioni • Sulfaniluree: i FANS possono aumentare l’effetto ipoglicemico delle sulfaniluree. • Tacrolimus: la co-somministrazione di FANS e tacrolimus può determinare un aumento del rischio di nefrotossicità. • Zidovudina: ci sono evidenze di un aumentato rischio di emartrosi e di ematoma • Ritonavir: può determinare un aumento delle concentrazioni plasmatiche dei FANS. • Probenecid: rallenta l’escrezione di ibuprofene, con possibile aumento delle sue concentrazioni plasmatiche. • Inibitori del CYP2C9: la somministrazione concomitante di ibuprofene e inibitori del CYP2C9 può rallentare l’eliminazione dell’ibuprofene (substrato del CYP2C9) determinando un aumento dell’esposizione all’ibuprofene. • Alcol, bifosfonati e oxpentifillina (pentoxyflline): possono potenziare gli effetti collaterali gastrointestinali e il rischio di sanguinamento e ulcera. • Baclofene: elevata tossicità del baclofene. Anche alcuni altri medicinali possono influenzare o essere influenzati dal trattamento con Moment. Pertanto, consulti sempre il medico o il farmacista prima di usare Moment con altri medicinali. E’ IMPORTANTE SAPERE CHE • L’uso di Moment, come di qualsiasi farmaco inibitore della sintesi delle prostaglandine e della cicloossigenasi è sconsigliato nelle donne che intendano iniziare una gravidanza. • La somministrazione di Moment dovrebbe essere sospesa nelle donne che hanno problemi di fertilità o che sono sottoposte a indagini sulla fertilità. • Durante il trattamento con tutti i FANS, inclusi gli inibitori selettivi delle COX-2, sono state riportate emorragia gastrointestinale, ulcerazione e perforazione, che possono essere fatali (vedere “Quali medicinali o alimenti possono modificare l’effetto del medicinale”).Quando può essere usato solo dopo aver consultato il medico • Pazienti asmatici (vedere “Precauzioni per l’uso”). • Pazienti anziani (vedere “Precauzioni per l’uso” e “Come usare questo medicinale”). • Pazienti con una storia di emorragia o ulcera gastroduodenale (vedere “Precauzioni per l’uso”). • Pazienti con anamnesi positiva per ipertensione e/o insufficienza cardiaca (vedere “Precauzioni per l’uso”). • Se si sta seguendo una terapia a base di anticoagulanti di tipo cumarinico (warfarin, dicumarolo ecc.) (vedere “Quali medicinali o alimenti possono modificare l’effetto del medicinale”). • Pazienti che soffrono di disfunzioni epatiche (vedere “Precauzioni per l’uso”). • Pazienti con ridotta funzionalità renale (vedere “Precauzioni per l’uso”). • Pazienti affetti da lupus eritematoso sistemico o da malattia mista del connettivo (vedere “Precauzioni per l’uso”). • Pazienti con disturbi del tratto gastrointestinale (colite ulcerativa o morbo di Crohn) (vedere “Precauzioni per l’uso”). • In caso di gravi reazioni cutanee quali dermatite esfoliativa, sindrome di Stevens-Johnson e necrolisi tossica epidermica (vedere “Effetti indesiderati”). Cosa fare durante la gravidanza e l’allattamento Chiedere consiglio al medico o al farmacista prima di prendere qualsiasi medicinale. Nelle donne in stato di gravidanza o che allattano, Moment deve essere usato solo dopo aver consultato il medico e aver valutato con lui il rapporto rischio/beneficio nel proprio caso. Consultate il medico se sospettate uno stato di gravidanza o desiderate pianificare una maternità. Gravidanza L’inibizione della sintesi di prostaglandine può interessare negativamente la gravidanza e/o lo sviluppo embrio/fetale. Risultati di studi epidemiologici suggeriscono un aumentato rischio di aborto e di malformazione cardiaca e di gastroschisi dopo l’uso di un inibitore della sintesi delle prostaglandine nelle prime fasi della gravidanza. Il rischio assoluto di malformazioni cardiache aumentava da meno dell’1%, fino a circa l’1,5%. E’ stato ritenuto che il rischio aumenta con la dose e la durata della terapia. Negli animali, la somministrazione di inibitori della sintesi di prostaglandine ha mostrato di provocare un aumento della perdita di pre e post-impianto e di mortalità embrione-fetale. Inoltre, un aumento di incidenza di varie malformazioni, inclusa quella cardiovascolare, è stato riportato in animali a cui erano stati somministrati inibitori di sintesi delle prostaglandine, durante il periodo organogenetico. Durante il primo e il secondo trimestre di gravidanza, Moment non deve essere somministrato se non in casi strettamente necessari. Se Moment è usato da una donna in attesa di concepimento o durante il primo e secondo trimestre di gravidanza, la dose e la durata del trattamento devono essere mantenute le più basse possibili. Durante il terzo trimestre di gravidanza, tutti gli inibitori della sintesi di prostaglandine possono esporre: il feto a: - tossicità cardiopolmonare (con chiusura prematura del dotto arterioso e ipertensione polmonare); - disfunzione renale, che può progredire in insufficienza renale con oligo-idroamnios; la madre e il neonato, alla fine della gravidanza, a: - possibile prolungamento del tempo di sanguinamento, ed effetto antiaggregante che può occorrere anche a dosi molto basse; - inibizione delle contrazioni uterine risultanti in ritardo o prolungamento del travaglio. Conseguentemente Moment è controindicato durante il terzo trimestre di gravidanza.Allattamento Ibuprofene viene escreto nel latte materno, ma alle dosi terapeutiche durante il trattamento a breve termine, il rischio di influenza sul neonato sembra improbabile. Se, invece, il trattamento è a più lungo termine, lo svezzamento precoce dovrebbe essere considerato. I FANS devono essere evitati durante l’allattamento materno. Fertilità L’uso di Ibuprofene può compromettere la fertilità femminile e non è raccomandato nelle donne in attesa di concepimento. Questo effetto è reversibile con la sospensione del trattamento. Nelle donne che hanno difficoltà a concepire o che sono oggetto di indagine sulla infertilità, si deve considerare l’interruzione del trattamento con ibuprofene. Guida di veicoli e utilizzo di macchinari Di norma l’assunzione del prodotto non altera la capacità di guida né l’uso di altri macchinari. Tuttavia dovrebbero usare cautela coloro che svolgono un’attività che richiede vigilanza, qualora, durante la terapia, notassero sonnolenza, vertigine, depressione. Informazioni importanti su alcuni eccipienti di Moment Moment contiene: • saccarosio: se il medico le ha diagnosticato un’intolleranza ad alcuni zuccheri, lo contatti prima di prendere questo medicinale. NOTE DI EDUCAZIONE SANITARIA Esistono diverse tipologie di dolore, di varia origine e natura, che con maggiore o minore frequenza, tutti ci troviamo ad affrontare nel corso della nostra vita di tutti i giorni: mal di testa, mal di denti, dolori muscolari ed articolari, dolori mestruali. Uno dei dolori più frequenti è sicuramente il mal di testa (o cefalea). Tre sono i principali tipi di mal di testa primari (non dovuti cioè ad altre malattie): l’emicrania, così chiamata perché il dolore, pulsante, è localizzato solo da un lato della testa; la cefalea tensiva, il tipo più diffuso, che si manifesta con un cerchio alla testa; la cefalea a grappolo, caratterizzata da attacchi di dolore lancinante che colpiscono un occhio o uno zigomo. A volte il mal di testa può essere sintomo di altre malattie (allergie, anemie, miopia, intossicazioni, disturbi allo stomaco, artrosi cervicale, sinusite, stitichezza, traumi alla testa). Se si soffre di mal di testa è importante cercare di identificare i fattori che lo possono scatenare e prevenirli (abitudini alimentari sregolate, cibi particolari, fumo, alcool, stress, sforzi fisici troppo intensi, eccessiva esposizione al sole, rumori troppo forti, profumi troppo intensi, etc.). Se gli attacchi di mal di testa sono ricorrenti è comunque opportuno rivolgersi al proprio medico. I dolori mestruali (dismenorrea) sono un disturbo molto diffuso; oltre al dolore, sono presenti alterazioni del tono dell’umore (tristezza, facile irritabilità), tensione del seno, sensazione di stanchezza generalizzata. L’eliminazione o la riduzione nella dieta di sostanze come caffè, sale o cioccolato a favore di cibi ricchi di vitamine, come frutta, come pure l’assunzione di tisane calde e camomilla, possono aiutare a ridurre queste ultime manifestazioni. Il dolore mestruale, a volte anche di notevole intensità, può essere invece combattuto con antidolorifici che agiscono riducendo la quantità di prostaglandine, sostanze prodotte dall’utero e ritenute le principali responsabili del disturbo. COME USARE QUESTO MEDICINALE Quanto Adulti e adolescenti oltre i 12 anni: 1-2 compresse, due-tre volte al giorno. Attenzione: non superare le dosi di 6 compresse al giorno senza il consiglio del medico. I pazienti anziani dovrebbero attenersi ai dosaggi minimi sopraindicati. Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l’uso della più bassa dose efficace per la più breve durata possibile di trattamento che occorre per controllare i sintomi (vedere “Precauzioni per l’uso”). Insufficienza renale: nei pazienti con lieve o moderata riduzione della funzione renale, il dosaggio deve essere mantenuto il più basso possibile per la più breve durata necessaria a controllare i sintomi e la funzione renale deve essere monitorata.Insufficienza epatica: nei pazienti con lieve o moderata riduzione della funzionalità epatica, il dosaggio deve essere mantenuto il più basso possibile per la più breve durata necessaria a controllare i sintomi e la funzione epatica deve essere monitorata. Moment è controindicato nei pazienti con grave insufficienza epatica (vedere “Quando non deve essere usato”). Quando e per quanto tempo E’ possibile assumere Moment a stomaco vuoto. Nei soggetti con problemi di tollerabilità gastrica, è preferibile assumere il medicinale a stomaco pieno. Dopo tre giorni di trattamento senza risultati apprezzabili consultare il medico Consultare il medico se il disturbo si presenta ripetutamente o se avete notato un qualsiasi cambiamento recente delle sue caratteristiche. Nel caso l’uso del medicinale sia necessario per più di 3 giorni negli adolescenti, o nel caso di peggioramento della sintomatologia, deve essere consultato il medico. Come Deglutire la compressa intera. Cosa fare se si è presa una dose eccessiva di medicinale Sintomi La maggior parte dei pazienti che ingeriscono quantitativi significativi di ibuprofene manifesteranno i sintomi entro 4-6 ore. I sintomi di sovradosaggio più comunemente riportati comprendono: nausea, vomito, dolore addominale, letargia e sonnolenza. Gli effetti sul sistema nervoso centrale (SNC) includono mal di testa, tinnito, vertigini, convulsioni e perdita della coscienza. Raramente sono stati anche riportati nistagmo, acidosi metabolica, ipotermia, effetti renali, sanguinamento gastrointestinale, coma, apnea, diarrea e depressione del SNC e dell’apparato respiratorio. Sono stati riportati disorientamento, stato di eccitazione, svenimento e tossicità cardiovascolare comprendente ipotensione, bradicardia e tachicardia. Nei casi di sovradosaggio significativo sono possibili insufficienza renale e danno epatico. Trattamento Non esiste un antidoto specifico per il sovradosaggio di ibuprofene. In caso di sovradosaggio è pertanto indicato un trattamento sintomatico e di supporto. In caso di assunzione accidentale di una dose eccessiva di Moment, avvertire immediatamente il medico o rivolgersi al più vicino ospedale. Se si ha qualsiasi dubbio sull’uso di Moment, rivolgersi al medico o al farmacista. SE HA QUALSIASI DUBBIO SULL’USO DI Moment, RIVOLGERSI AL MEDICO O AL FARMACISTA. EFFETTI INDESIDERATI Come tutti i medicinali, Moment può causare effetti indesiderati, sebbene non tutte le persone li manifestino. Gli effetti indesiderati osservati con ibuprofene sono generalmente comuni agli altri analgesici, antipiretici, antinfiammatori non-steroidei e sono di seguito riportati utilizzando la seguente convenzione: Molto comuni (≥1/10) Comuni (≥1/100, < 1/10) Non comuni (≥ 1/ 1,000, < 1/100) Rari (≥1/10,000, < 1/1,000) Molto rari (<1/10,000). Patologie gastrointestinali Gli eventi avversi più comunemente osservati sono di natura gastrointestinale. Possono verificarsi ulcere peptiche, perforazione o emorragia gastrointestinale, a volte fatale, particolarmente negli anziani (vedere paragrafo “E’ importante sapere che”). La perforazione gastrointestinale con l’uso di ibuprofene è stata osservata raramente.Dopo somministrazione di Moment sono stati riportati: sensazione di pesantezza allo stomaco, nausea, vomito, diarrea, flatulenza, costipazione, dispepsia, dolore epigastrico, pirosi gastrica, dolore addominale, melena, ematemesi, stomatiti ulcerative, esacerbazione di colite e morbo di Crohn (vedere paragrafo “E’ importante sapere che”). Non comuni: gastriti. Molto rari: pancreatiti. Disturbi del sistema immunitario In seguito a trattamento con FANS sono stati riportati i seguenti effetti indesiderati: reazione allergica non-specifica e anafilassi; non comuni: reazioni da ipersensibilità come eruzione cutanea di vario tipo, orticaria, prurito, porpora, angioedema, esantema, reazioni a carico del tratto respiratorio comprendenti broncospasmo, dispnea, attacco asmatico (talvolta con ipotensione); rari: sindrome da lupus eritematoso; molto rari: gravi reazioni da ipersensibilità. I sintomi possono includere: asma grave, edema del volto, edema della lingua, edema della laringe, edema delle vie aeree con broncospasmo, dispnea, tachicardia, anafilassi, dermatiti esfoliative e bollose. Patologie cardiache e vascolari L’uso di ibuprofene, specialmente ad alte dosi (2400 mg/die) e per trattamenti di lunga durata, può essere associato ad un modesto aumento del rischio di eventi trombotici arteriosi (p.es. infarto del miocardio o ictus) (vedere paragrafo “Precauzioni per l’uso”). Molto rari: palpitazioni, insufficienza cardiaca, infarto del miocardio, edema polmonare acuto, ipertensione. Altri eventi avversi per i quali non è stata necessariamente stabilita una causalità includono: Patologie del sistema emolinfopoietico Rari: leucopenia, trombocitopenia, neutropenia, agranulocitosi, anemia aplastica e anemia emolitica, inibizione dell’aggregazione piastrinica. Disturbi psichiatrici Non comuni: insonnia, ansia Rari: depressione, stato confusionale, allucinazioni. Patologie del sistema nervoso Comuni: capogiro. Non comuni: parestesia, sonnolenza. Rari: neurite ottica. Infezioni e infestazioni Non comuni: rinite. Rari: meningite asettica Rinite e meningite asettica sono stati osservati specialmente in pazienti con preesistenti disordini autoimmuni (come lupus eritematoso sistemico e connettivite mista) con sintomi di rigidità nucale, mal di testa, nausea, vomito, febbre o disorientamento (vedere paragrafo “Precauzioni per l’uso”). È stata descritta l’esacerbazione di infiammazioni infezione-correlate (ad es. sviluppo di fascite necrotizzante). Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche Non comuni: broncospasmo, dispnea, apnea. Patologie dell’occhio Non comuni: disturbi visivi. Rari: alterazione oculare con conseguenti disturbi visivi, neuropatia ottica tossica. Patologie dell’orecchio e del labirinto Non comuni: udito compromesso, tinnito, vertigine. Patologie epatobiliariNon comuni: funzione epatica anormale, epatite e ittero. Molto rari: insufficienza epatica. Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Talvolta si possono verificare eruzioni cutanee su base allergica (eritemi, prurito, orticaria). Non comuni: reazioni di fotosensibilità. Molto rari: dermatiti bollose, incluse sindrome di Stevens-Johnson, necrolisi tossica epidermica ed eritema multiforme In casi eccezionali, gravi infezioni della cute e patologie dei tessuti molli possono verificarsi durante l’infezione da varicella (vedere “infezioni e infestazioni”). Patologie renali e urinarie Non comuni: funzione renale alterata e nefropatia tossica in varie forme, incluse nefrite interstiziale, sindrome nefrosica ed insufficienza renale. Rari: iperazotemia Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione Comune: malessere, affaticamento. Rari: edema. Esami diagnostici: Rari: transaminasi aumentate, fosfatasi alcalina aumentata, emoglobina ridotta, ematocrito ridotto, tempo di sanguinamento prolungato, calcio ematico diminuito, acido urico ematico aumentato. Il rispetto delle istruzioni contenute nel foglio illustrativo riduce il rischio di effetti indesiderati. Segnalazione degli effetti indesiderati Se si manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio rivolgersi al medico o al farmacista. Gli effetti indesiderati possono, inoltre, essere segnalati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili. La segnalazione degli effetti indesiderati contribuisce a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale. SCADENZA E CONSERVAZIONE Scadenza: vedere la data di scadenza indicata sulla confezione. Non utilizzare il medicinale dopo la data di scadenza indicata sulla confezione. La data di scadenza si riferisce al prodotto in confezionamento integro, correttamente conservato. E’ importante avere sempre a disposizione le informazioni sul medicinale, pertanto conservare sia la scatola che il foglio illustrativo. il Conservi questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini I medicinali non devono essere gettati nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chiedere al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente. COMPOSIZIONE Ogni compressa contiene: principio attivo: ibuprofene 200 mg. Eccipienti: amido di mais, carbossimetilamido sodico, povidone, silice colloidale anidra, talco, idrossipropilcellulosa, gomma arabica, saccarosio, Macrogol 6000, magnesio carbonato leggero, titanio diossido. COME SI PRESENTA Moment 200 mg si presenta sotto forma di compresse rivestite per uso orale. Ogni confezione contiene 6, 10, 12, 20, 24, 30, 32 e 36 compresse. Nella confezione da 6 compresse rivestite è incluso anche un salvablister. TITOLARE DELL’AUTORIZZAZIONE ALL’IMMISSIONE IN COMMERCIO Aziende Chimiche Riunite Angelini Francesco - A.C.R.A.F. S.p.A.Viale Amelia, 70 - 00181 Roma. PRODUTTORE A.C.R.A.F. S.p.A., Via Vecchia del Pinocchio, 22 - 60131 Ancona. Famar Italia S.p.A., Via Zambelletti, 25 - 20021 Baranzate di Bollate (MI) ​​​​​​​Attraverso il QR Code sull’astuccio o all’indirizzo http://leaflet.angelini.it/L01 è possibile leggere il foglio illustrativo aggiornato e multilingue.

ASPIRINA C- COMPRESSE EFFERVESCENTI CON VITAMINA C -20%

BAYER SPA

ASPIRINA C- COMPRESSE EFFERVESCENTI CON VITAMINA C

€ 5,99 € 4,79

​​​​​​​Foglio illustrativo: informazioni per il paziente Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C acido acetilsalicilico + acido ascorbico Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene importanti informazioni per lei. Prenda questo medicinale sempre come esattamente descritto in questo foglio o come il medico o il farmacista le ha detto di fare. - Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo. - Se desidera maggiori informazioni o consigli, si rivolga al farmacista. - Se si manifesta uno qualsiasi degli effetti indesiderati, tra cui effetti non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4. - Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo 3-5 giorni. Contenuto di questo foglio: 1. Che cos’è Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C e a cosa serve 2. Cosa deve sapere prima di prendere Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C 3. Come prendere Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C 4. Possibili effetti indesiderati 5. Come conservare Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C 6. Contenuto della confezione e altre informazioni 1. Che cos’è Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C e a cosa serve Aspirina è un analgesico (antidolorifico: riduce il dolore), antinfiammatorio ed antipiretico (antifebbrile: riduce la febbre). Aspirina si usa per la terapia sintomatica degli stati febbrili e delle sindromi influenzali e da raffreddamento e per il trattamento sintomatico di mal di testa e di denti, nevralgie, dolori mestruali, dolori reumatici e muscolari. La vitamina C (acido ascorbico) partecipa al sistema di difesa dell’organismo. L’uso del prodotto è riservato ai soli pazienti adulti. Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo 3-5 giorni. 2. Cosa deve sapere prima di prendere Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C Non prenda Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C - se è allergico all’acido acetilsalicilico, all’acido ascorbico, ad altri analgesici (antidolorifici) / antipiretici (antifebbrili) / farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6); - se soffre di ulcera gastroduodenale (ulcera allo stomaco o alla prima parte dell’intestino); - se soffre di diatesi emorragica (tendenza al sanguinamento); - se soffre di grave insufficienza renale (ridotta funzionalità dei reni) o epatica (del fegato) o cardiaca (del cuore); - se soffre di deficit della glucosio-6-fosfato deidrogenasi (enzima la cui assenza, geneticamente determinata, comporta una malattia caratterizzata da ridotta sopravvivenza dei globuli rossi); - se sta già assumendo il metotrexato (a dosi di 15 mg/settimana o più) o il warfarin (vedere “Altri medicinali e Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C”); - se ha sofferto in passato di asma indotta dalla somministrazione di salicilati o sostanze ad attività simile, in particolare farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS); - se è nell’ultimo trimestre di gravidanza o se sta allattando (vedere “Gravidanza, allattamento e fertilità”); - se ha un’età inferiore ai 16 anni (vedere “Bambini e adolescenti”).Avvertenze e precauzioni Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C. Assuma il medicinale solo a stomaco pieno. Prima di somministrare un qualsiasi medicinale deve adottare tutte le precauzioni utili a prevenire reazioni indesiderate: • escluda l’esistenza di precedenti reazioni allergiche a questo o ad altri medicinali; • escluda l’esistenza delle altre controindicazioni o delle condizioni che possono esporre a rischio di effetti indesiderati potenzialmente gravi. In caso di dubbio consulti il medico o il farmacista. • non usi l’acido acetilsalicilico insieme ad un altro FANS o, comunque, non usi più di un FANS per volta. Reazioni allergiche L’acido acetilsalicilico e gli altri FANS possono causare reazioni allergiche [compresi attacchi d’asma, rinite (naso che cola), angioedema (gonfiore della pelle e delle mucose) o orticaria (piccole macchie sulla pelle accompagnate da prurito)]. Il rischio è maggiore nei soggetti che già in passato hanno presentato una reazione allergica dopo l’uso di questo tipo di medicinali (vedere “Non prenda Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C”) e nei soggetti che presentano reazioni allergiche (ad esempio reazioni cutanee, prurito, orticaria) ad altre sostanze. Nei soggetti con asma e/o rinite (con o senza poliposi nasale) e/o orticaria, le reazioni possono essere più frequenti e gravi. Informi il medico se: - deve essere sottoposto ad un intervento chirurgico (anche di piccola entità come ad esempio l’estrazione di un dente), poiché l’impiego pre-operatorio di questo medicinale può rendere più difficoltosol’arresto del sanguinamento durante l’intervento (emostasi intraoperatoria); - deve eseguire una ricerca di sangue occulto, dato che l’acido acetilsalicilico può essere causa di sanguinamento gastrointestinale. Nei seguenti casi il medico le prescriverà la somministrazione di questo medicinale solo dopo un’accurata valutazione del rapporto rischio/beneficio: • se presenta un maggior rischio di reazioni allergiche, per esempio se soffre d’asma e/o rinite (con o senza poliposi nasale ) e/o orticaria; • se presenta un maggiore rischio di lesioni gastrointestinali, poiché l’acido acetilsalicilico e gli altri FANS possono causare gravi effetti indesiderati a livello gastrointestinale (sanguinamento, ulcera, perforazione); per questo motivo questi medicinali non devono essere usati nei soggetti che soffrono o hanno sofferto in passato di ulcera gastrointestinale o sanguinamenti gastrointestinali (vedere “Non prenda Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C”) o che fanno uso di elevate quantità di alcol o di dosi più elevate di acido acetilsalicilico (effetto dose correlato); • se presenta difetti della coagulazione del sangue o se sta seguendo trattamento con medicinali anticoagulanti (usati per rallentare o inibire il processo di coagulazione del sangue); • se soffre di una compromissione della funzione dei reni, del cuore o del fegato; • se è affetto da asma; • se ha iperuricemia/gotta (livello aumentato dell’acido urico nel sangue); • se ha predisposizione alla nefrolitiasi calcio-ossalica (calcolosi renale) o nefrolitiasi ricorrente. È opportuno consultare il medico anche nei casi in cui i disturbi sopra elencati si siano manifestati in passato. • se sta assumendo dei medicinali non raccomandati o che richiedono precauzioni particolari o un aggiustamento del dosaggio (vedere “Altri medicinali e Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C”); • se ha un’età superiore ai 70 anni, soprattutto in presenza di terapie concomitanti; • se è nel primo o secondo trimestre di gravidanza (vedere “Gravidanza, allattamento e fertilità”);• se sta seguendo un regime dietetico iposodico (povero di sodio). Bambini e adolescenti Questo medicinale non deve essere assunto da bambini e ragazzi di età inferiore ai 16 anni. Anziani Il rischio di effetti indesiderati gravi è maggiore nei soggetti anziani. Se ha un’età superiore ai 70 anni, consulti il medico prima di assumere questo medicinale. Altri medicinali e Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro medicinale. Non assuma Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C insieme a questi medicinali (vedere “Non prenda Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C”): - Metotrexato (usato in alcuni tumori e nell’artrite reumatoide) (dosi maggiori o uguali a 15 mg/settimana); - Warfarin [usato per rendere il sangue più fluido (anticoagulante)]. Prenda Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C insieme a questi medicinali solo dietro prescrizione e sotto controllo del medico: - Inibitori selettivi del re-uptake della Serotonina (SSRI) (usati contro la depressione); - ACE inibitori (usati contro la pressione alta del sangue); - Acetazolamide (usato in alcuni tipi di edema (gonfiore)); - Acido valproico (usato nell’epilessia); - Altri FANS (esclusi quelli per uso locale); - Antiacidi (usati contro i disturbi della digestione); - Antiaggreganti piastrinici (usati per la prevenzione e la cura dei coaguli di sangue nelle arterie); - Trombolitici (usati per sciogliere i coaguli di sangue) o anticoagulanti (usati per rallentare o inibire il processo di coagulazione del sangue) assunti per bocca o per iniezione; - Antidiabetici, ad esempio insulina e ipoglicemizzanti orali (usati per stimolare la produzione di insulina da parte del pancreas); - Digossina (usata nell’insufficienza cardiaca); - Diuretici (usati per aumentare la quantità di urina prodotta); - Fenitoina (usata in caso di epilessia); - Corticosteroidi (cortisonici, esclusi quelli per uso locale e quelli impiegati nella terapia sostitutiva nell’insufficienza della ghiandola surrenale); - Metoclopramide (usata contro il vomito); - Metotrexato (dosi inferiori a 15 mg/settimana); - Uricosurici, ad esempio probenecid, benzbromarone (usati per aumentare l’eliminazione di acido urico); - Zafirlukast (usato contro l’asma); - Deferoxamina (usata quando c’è una quantità eccessiva di ferro nel sangue). Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C contiene sistemi tampone che potrebbero ridurre gli effetti dell’ormone tiroideo Levotiroxina. Non assuma altri medicinali per via orale entro 1 o 2 ore dall’impiego di questo medicinale. Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C con alcol La somma degli effetti dell’alcol e dell’acido acetilsalicilico provoca un aumento del rischio di sanguinamento gastrointestinale. Gravidanza, allattamento e fertilità Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con lattematerno chieda consiglio al medico prima di prendere questo medicinale. Gravidanza Non prenda Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C nell’ultimo trimestre di gravidanza. Nel primo e secondo trimestre di gravidanza, assuma questo medicinale solo dopo aver consultato il medico e aver valutato con lui il rapporto rischio/beneficio nel proprio caso. Allattamento Non prenda Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C durante l’allattamento. Fertilità Se è una donna con problemi di fertilità o se è sottoposta ad indagini sulla fertilità, tenga conto che l’uso di acido acetilsalicilico, come di qualsiasi medicinale inibitore della sintesi delle prostaglandine e della cicloossigenasi, potrebbe interferire con la fertilità. Guida di veicoli e utilizzo di macchinari A causa della possibile insorgenza di mal di testa o vertigini, questo medicinale può compromettere la capacità di guidare veicoli e di usare macchinari. Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C contiene sodio Questo medicinale contiene sodio. Ne tenga conto se sta seguendo una dieta a basso contenuto di sodio. 3. Come prendere Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C Prenda questo medicinale seguendo sempre esattamente quanto riportato in questo foglio o le istruzioni del medico o del farmacista. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista. La dose raccomandata è di 1 o 2 compresse, ripetendo, se necessario, la dose ad intervalli di 4-8 ore, sino a 3-4 volte al giorno. La compressa di Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C deve essere sempre sciolta in mezzo bicchiere d’acqua prima dell’uso. Assuma il prodotto a stomaco pieno, preferibilmente dopo i pasti principali. Attenzione: non superi le dosi indicate senza il consiglio del medico. I pazienti anziani dovrebbero attenersi ai dosaggi minimi sopraindicati. Utilizzi sempre il dosaggio minimo efficace e lo aumenti solo se non è sufficiente ad alleviare i sintomi (dolore e febbre). I soggetti maggiormente esposti al rischio di effetti indesiderati gravi, che possono usare il medicinale solo se prescritto dal medico, devono seguirne scrupolosamente le istruzioni. Non assuma il prodotto per più di 3-5 giorni senza parere del medico. Consulti il medico nel caso in cui i sintomi persistano. Usi il medicinale per il periodo più breve possibile. Consulti il medico se il disturbo si presenta ripetutamente o se ha notato un qualsiasi cambiamento recente delle sue caratteristiche. Se prende più Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C di quanto deve In caso di ingestione accidentale di una dose eccessiva di Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C, avverta immediatamente il medico o si rivolga al più vicino ospedale. La tossicità da salicilati (un dosaggio superiore ai 100 mg/kg/giorno per 2 giorni consecutivi può indurre tossicità: in un individuo di 70 kg, ad esempio, la tossicità da salicilati si manifesta con l’assunzione di più di 7 g di acido acetilsalicilico al giorno, equivalente a più di 17 compresse di Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C) può essere la conseguenza di un’assunzione cronica di dosi eccessive oppure di sovradosaggio acuto, potenzialmente pericoloso per la vita e che comprende anche l’ingestione accidentale nei bambini.• Intossicazione cronica (utilizzo ripetuto di dosi considerevoli): tra i sintomi vi sono il capogiro, le vertigini, il tinnito (un suono o sibilo nell’orecchio), la sordità, la sudorazione, la nausea e il vomito, il mal di testa e lo stato confusionale. Questi sintomi possono essere controllati riducendo il dosaggio. • Intossicazione acuta: i segni e sintomi/risultati delle indagini biochimiche e strumentali possono comprendere: • Segni e sintomi del sovradosaggio lieve/moderato: tachipnea (respiro accelerato), iperventilazione (respiri troppo profondi), alcalosi respiratoria (alterazione dell’equilibrio acido-base a seguito delle alterazioni del respiro), sudorazione, nausea, vomito, mal di testa, vertigini. • Segni e sintomi del sovradosaggio moderato/grave: alcalosi respiratoria con acidosi metabolica compensatoria (alterazione dell’equilibrio acido-base a seguito delle alterazioni del respiro e accumulo di acidi nell’organismo), febbre, iperventilazione (respiri troppo profondi), edema polmonare (acqua nei polmoni), insufficienza respiratoria, asfissia, aritmie (alterazioni del battito cardiaco), ipotensione (pressione del sangue bassa), arresto cardiocircolatorio (cessazione del battito cardiaco), disidratazione, oliguria (diminuzione delle urine) fino ad insufficienza renale (ridotta funzionalità dei reni), chetosi (“acetone”), iperglicemia (aumento del livello di zucchero nel sangue), grave ipoglicemia (severa diminuzione del livello di zucchero nel sangue), tinnito (un suono o sibilo nell’orecchio), sordità, sanguinamento gastrointestinale, ulcera gastrica, coagulopatia (alterazione della coagulazione del sangue), anemia da carenza di ferro, encefalopatia (sofferenza del cervello), e depressione del sistema nervoso centrale, con manifestazioni variabili dalla letargia (profonda sonnolenza) e confusione fino al coma e alle convulsioni, edema cerebrale (rigonfiamento del tessuto cerebrale), danni al fegato. • A dosaggi elevati possono comparire anche alterazioni del gusto ed eruzioni cutanee (acneiformi, eritematose, scarlattiniformi, eczematoidi, desquamative bollose, purpuriche), prurito. • Altri segni e sintomi: congiuntivite, anoressia (perdita dell’appetito), riduzione dell’acuità visiva (capacità di distinguere nitidamente gli oggetti), sonnolenza. • Raramente possono manifestarsi: anemia aplastica (mancata produzione di globuli rossi), agranulocitosi (mancanza di cellule del sangue dette granulociti), coagulazione intravascolare disseminata (presenza disseminata di numerosi coaguli di sangue), pancitopenia (carenza di tutti i tipi di cellule del sangue), leucopenia (carenza di globuli bianchi), trombocitopenia (carenza di piastrine), eosinopenia (carenza di cellule del sangue dette eosinofili), porpora (chiazze rossastre sulla pelle), eosinofilia (aumento degli eosinofili) associata all’epatotossicità indotta dal medicinale, tossicità renale (nefrite tubulo-interstiziale allergica), ematuria (presenza di sangue nelle urine). Le reazioni allergiche acute conseguenti ad assunzione di acido acetilsalicilico possono essere trattate, se necessario, con somministrazione di adrenalina, corticosteroidi e di un antistaminico. Sono noti singoli casi di sovradosaggio acuto e cronico di acido ascorbico (vitamina C). Il sovradosaggio di acido ascorbico può provocare emolisi ossidativa (distruzione dei globuli rossi) nei pazienti con deficit dell’enzima glucosio-6-fosfato deidrogenasi (enzima la cui assenza, geneticamente determinata, comporta una malattia caratterizzata da ridotta sopravvivenza dei globuli rossi), coagulazione intravascolare disseminata (presenza disseminata di numerosi coaguli di sangue) e livelli nel sangue e nelle urine di ossalati (un sale dell’acido ossalico) significativamente elevati. È stato dimostrato che livelli aumentati di ossalati danno luogo alla formazione di depositi di ossalato di calcio (sale di calcio insolubile che tende a precipitare sottoforma di cristalli e ad accumularsi nelle vie urinarie) nei pazienti che fanno dialisi. Alte dosi di vitamina C possono causare depositi di ossalato di calcio, cristalluria (cristalli nelle urine) di ossalato di calcio nei pazienti con predisposizione alla formazione di cristalli, nefropatia tubulo interstiziale (malattie infiammatorie croniche del rene che interessano prevalentemente i tubuli renali e l'interstizio) e insufficienza renale acuta (rapida riduzione della funzionalità dei reni) conseguente ai cristalli di ossalato di calcio. Se dimentica di prendere Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C Continui la terapia come da dose consigliata. Non prenda una dose doppia per compensare la dimenticanza della dose.Se interrompe il trattamento con Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C La sospensione del trattamento non comporta alcun effetto. Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista. 4. Possibili effetti indesiderati Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino. Gli effetti indesiderati osservati più frequentemente sono a carico dell’apparato gastrointestinale. Questi disturbi possono essere parzialmente alleviati assumendo il medicinale a stomaco pieno. La maggior parte degli effetti indesiderati sono dipendenti sia dalla dose che dalla durata del trattamento. Gli effetti indesiderati osservati con l’acido acetilsalicilico sono generalmente comuni agli altri FANS. Possono manifestarsi i seguenti effetti indesiderati: Effetti sul sangue - prolungamento del tempo di sanguinamento, - anemia da sanguinamento gastrointestinale, - riduzione delle piastrine (trombocitopenia) in casi estremamente rari. A seguito di emorragia può manifestarsi anemia acuta e cronica post-emorragica/sideropenica (da carenza di ferro) (dovuta, per esempio, a microemorragie occulte) con le relative alterazioni dei parametri di laboratorio ed i relativi segni e sintomi clinici come astenia (stanchezza), pallore e ipoperfusione (ridotta irrorazione sanguigna dei tessuti). Effetti sul sistema nervoso - mal di testa, - capogiro. Raramente può manifestarsi: - sindrome di Reye (*), una malattia acuta a carico del cervello e del fegato, potenzialmente fatale, che colpisce quasi esclusivamente i bambini. Da raramente a molto raramente può manifestarsi: - emorragia cerebrale, specialmente in pazienti con ipertensione (pressione del sangue alta) non controllata e/o in terapia con anticoagulanti (medicinali usati per rallentare o inibire il processo di coagulazione del sangue), che, in casi isolati, può essere potenzialmente letale. Effetti sull’orecchio - tinnito (ronzio/fruscio/tintinnio/fischio nell’orecchio). Effetti sull’apparato respiratorio - sindrome asmatica, - rinite (naso che cola) - congestione nasale (naso chiuso) (associate a reazioni allergiche); - epistassi (perdita di sangue dal naso). Effetti sul cuore - distress cardiorespiratorio (grave e acuta insufficienza respiratoria) (associato a reazioni allergiche). Effetti sull’occhio - congiuntivite (associata a reazioni allergiche). Effetti sull’apparato gastrointestinale - sanguinamento gastrointestinale (occulto), - disturbi gastrici,pirosi (bruciore di stomaco), - dolore gastrointestinale, - gengivorragia (gengive sanguinanti), - vomito, - diarrea, - nausea, - dolore addominale crampiforme (associati a reazioni allergiche). Raramente possono manifestarsi: - infiammazione gastrointestinale, - erosione gastrointestinale, - ulcerazione gastrointestinale, - ematemesi (vomito di sangue o di materiale “a fondo di caffè”), - melena (emissione di feci nere, picee), - esofagite (infiammazione dell’esofago) Molto raramente può manifestarsi: - ulcera gastrointestinale emorragica e/o perforazione gastrointestinale con i relativi segni e sintomi clinici ed alterazioni dei parametri di laboratorio. Effetti sul fegato - raramente: epatotossicità (lesione epatocellulare generalmente lieve e asintomatica) che si manifesta con un aumento delle transaminasi. Effetti sulla pelle - eruzione cutanea, - edema (gonfiore), - orticaria, - prurito, - eritema (arrossamento), - angioedema (associati a reazioni allergiche). Effetti sui reni e sulle vie urinarie - alterazione della funzione renale (in presenza di condizioni di alterata circolazione del sangue nei reni), - sanguinamenti urogenitali (dell’apparato urinario e genitale). Effetti sull’organismo in toto - emorragie peri-operatorie (subito prima, durante e subito dopo l’intervento chirurgico), - ematomi (raccolte di sangue al di fuori dei vasi sanguigni). Effetti sul sistema immunitario - raramente: shock anafilattico (grave reazione allergica, potenzialmente letale) con le relative alterazioni dei parametri di laboratorio e manifestazioni cliniche. (*) Sindrome di Reye (SdR) La SdR si manifesta inizialmente con il vomito (persistente o ricorrente) e con altri segni di sofferenza encefalica di diversa entità: da svogliatezza, sonnolenza o alterazioni della personalità (irritabilità o aggressività) a disorientamento, confusione o delirio fino a convulsioni o perdita di coscienza. È da tener presente la variabilità del quadro clinico: anche il vomito può mancare o essere sostituito dalla diarrea. Se questi sintomi insorgono nei giorni immediatamente successivi ad un episodio influenzale (o similinfluenzale o di varicella o ad un’altra infezione virale) durante il quale è stato somministrato acido acetilsalicilico o altri medicinali contenenti salicilati, l’attenzione del medico deve immediatamente essere rivolta alla possibilità di una SdR. Segnalazione degli effetti indesiderati Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga almedico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo http://www.agenziafarmaco,gov.it/it/responsabili. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale. 5. Come conservare Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C Conservi questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini. Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla scatola. La data di scadenza si riferisce all’ultimo giorno di quel mese. Conservare ad una temperatura inferiore ai 25° C. Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente. 6. Contenuto della confezione e altre informazioni Cosa contiene Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C - I principi attivi sono acido acetilsalicilico e acido ascorbico (Vitamina C). Una compressa contiene 0,4 g di acido acetilsalicilico e 0,240 g di acido ascorbico. - Gli altri componenti sono: citrato monosodico, sodio bicarbonato, sodio carbonato, acido citrico anidro. Descrizione dell’aspetto di Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C e contenuto della confezione Aspirina 400 mg compresse effervescenti con Vitamina C si presenta sotto forma di compresse effervescenti. Il contenuto della confezione è di 10, 12 20 o 40 compresse. È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate. Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio e produttore Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio Bayer S.p.A. - Viale Certosa 130 - Milano Produttore Bayer Bitterfeld GmbH - Greppin - Germania

TACHIPIRINA FLASHTAB - PARACETAMOLO COMPRESSE ORODISPERSIBILI ANGELINI -20%

ANGELINI

TACHIPIRINA FLASHTAB - PARACETAMOLO COMPRESSE ORODISPERSIBILI ANGELINI

€ 4,70 € 3,75

​​​​​​​FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L’UTILIZZATORE TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg compresse dispersibili Paracetamolo Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene importanti informazioni per lei. Prenda questo medicinale sempre come esattamente descritto in questo foglio o come il medico o il farmacista le ha detto di fare. • Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo. • Se desidera maggiori informazioni o consigli, si rivolga al farmacista. • Se si manifesta uno qualsiasi degli effetti indesiderati, tra cui effetti non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Vedere il paragrafo 4. • Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo tre giorni. Contenuto di questo foglio: 1. Che cos’è TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg e a che cosa serve 2. Cosa deve sapere prima di prendere TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg 3. Come prendere TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg 4. Possibili effetti indesiderati 5. Come conservare TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg6. Contenuto della confezione e altre informazioni 1. CHE COS’È TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg E A CHE COSA SERVE Questo medicinale è un analgesico ed un antipiretico. Contiene paracetamolo. E’ indicato per il trattamento sintomatico della febbre e/o del dolore da lieve a moderato, come mal di testa, sindromi influenzali, mal di denti, contratture muscolari od altre manifestazioni dolorose. Questo medicinale è riservato a BAMBINI di peso compreso tra 13 e 50 kg (all’incirca dai 2 ai 15 anni). Consultare il paragrafo 3. 2. COSA DEVE SAPERE PRIMA DI PRENDERE TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg Non prenda TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg: • se è allergico) al paracetamolo o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medinale (elencati al paragrafo 6). • se soffre di grave malattia epatica • se soffre di fenilchetonuria (malattia ereditaria rilevata al momento della nascita), in quanto questo medicinale contiene aspartame. Avvertenze e precauzioni Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg • se pesa meno di 50 Kg • se soffre di una malattia epatica • se è affetto da alcolismo cronico • se è affetto da malnutrizione cronica • se soffre di disidratazione • se soffre di grave insufficienza renale. Questo medicinale contiene paracetamolo. Per evitare il rischio di sovradosaggio durante il trattamento con questo medicinale non assumere qualsiasi altro farmaco che contenga paracetamolo. Bambini La dose complessiva di paracetamolo non deve superare 80 mg/kg al giorno per i bambini con peso inferiore ai 37 kg e i 3 g al giorno negli adulti o bambini con peso superiore ai 38 kg. Vedere paragrafo: Se prende più TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg di quanto deve. Questo medicinale contiene aroma di banana che potrebbe rendere il medicinale appetibile ai bambini. Tenere fuori dalla vista e dalla portata dei bambini.Altri medicinali e TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro medicinale. Informi sempre il medico o il farmacista se sta assumendo uno dei seguenti medicinali prima di prendere TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg: • probenecid (usato nel trattamento della gotta) • salicilamide (usato come antipiretico) • stimolatori enzimatici, quali carbamazepina, fenobarbitale, fenitoina, primidone (usato come antiepilettico), rifampicina (antibatterico), Iperico o Erba di S. Giovanni (farmaco a base di erbe utilizzato nel trattamento della depressione da lieve a moderata), ecc. • metoclopramide e domperidone (usati nel trattamento e nella prevenzione di nausea e vomito) • colestiramina (usata nel trattamento di elevati livelli di lipidi (grassi) nel sangue) • anticoagulanti, come la warfarina (usata per impedire la coagulazione del sangue) Gravidanza, allattamento Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere questo medicinale. Durante la gravidanza, il paracetamolo non deve essere assunto per lunghi periodi, a dosi elevate o in combinazione con altri medicinali. Dosi terapeutiche di paracetamolo possono essere utilizzate durante la gravidanza o l’allattamento. Guida di veicoli ed utilizzo di macchinari TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg non altera la capacità di guidare o di usare macchinari. TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg contiene 30 mg di aspartame (E951), una fonte di fenilalanina, e può quindi essere dannoso per i pazienti affetti da fenilchetonuria. Test di laboratorio Se deve sottoporsi ad esami del sangue per verificare il livello di glucosio o di acido urico, si assicuri di informare il medico che sta prendendo TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg. 3. COME PRENDERE TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mgPrenda questo medicinale seguendo sempre esattamente quanto riportato in questo foglio o le istruzioni del medico o farmacista. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista. Questa formulazione è riservata ai bambini di peso compreso tra 13 e 50 kg (all’incirca dai 2 ai 15 anni). Per i bambini di meno di 6 anni, le compresse devono essere sciolte in un cucchiaio di acqua o latte (c’è il rischio che assumano un gusto amaro se assunte con succhi di frutta) prima di essere loro somministrate. Per i bambini di età superiore a 6 anni, le compresse possono essere succhiate – si sciolgono molto rapidamente in bocca, a contatto con la saliva. Modo di somministrazione Istruzioni per l’apertura Questo medicinale è disponibile in blister monodose perforati, con pellicola rimovibile a prova di bambino Separi una singola dose strappando lungo la linea perforata sul blister e rimuova la pellicola dal blister per estrarre la compressa. Dosaggio: Nei bambini è indispensabile rispettare la posologia definita sulla base del peso corporeo e quindi scegliere la formulazione adatta. Le età approssimate in funzione del peso corporeo sono indicate a titolo informativo. La dose giornaliera raccomandata di paracetamolo è approssimativamente di 60 mg/kg/die, in 4 o 6 somministrazioni giornaliere, i.e. circa 15mg/kg ogni 6 ore o 10mg/kg ogni 4 ore. - Nei bambini di peso compreso tra 13 e 20 kg: (approssimativamente tra i 2 ed i 7 anni), la dose raccomandata è 1 compressa per volta, da ripetersi se necessario dopo 6 ore, senza superare le 4 compresse al giorno. - Nei bambini di peso compreso tra 21 e 25kg: (approssimativamente tra i 6 ed i 10 anni), la dose raccomandata è 1 compressa per volta, da ripetersi se necessario dopo 4 ore, senza superare le 6 compresse al giorno.Nei bambini di peso compreso tra 26 e 40 kg: (approssimativamente tra gli 8 ed i 13 anni), dose raccomandata è 2 compresse per volta, da ripetersi se necessario dopo 6 ore, senza superare le 8 compresse al giorno. - Nei bambini di peso compreso tra 41 e 50 kg: (approssimativamente tra i 12 ed i 15 anni), la dose raccomandata è 2 compresse per volta, da ripetersi se necessario dopo 4 ore, senza superare le 12 compresse al giorno. Per pazienti con grave insufficienza renale, l'intervallo tra le due dosi dovrebbe essere di almeno 8 ore. Se ha l'impressione che l'effetto di TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg è troppo forte o troppo debole, si rivolga al medico o al farmacista. Segua le istruzioni sul dosaggio per evitare il dolore o il riproporsi di febbre. Nei bambini, la somministrazione deve essere eseguita ad intervalli regolari, includendo la notte, preferibilmente ad intervalli di 6 ore, altrimenti ad intervalli di non meno di 4 ore. È necessario consultare un medico se i sintomi peggiorano o non migliorano dopo 3 giorni. Se prende più TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg di quanto deve Sospenda immediatamente il trattamento e si rivolga subito al medico. I sintomi da sovradosaggio compaiono generalmente entro le prime 24 ore e includono: nausea, vomito, perdita di appetito, colorito pallido (estremo pallore) e dolori addominali. Avvertire immediatamente il medico in caso di assunzione accidentale di una dose eccessiva del medicinale anche se il paziente non mostra segni preoccupanti, in quanto esiste il rischio di presentazione ritardata di gravi e irreversibili danni epatici. Se dimentica di prendere TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg Non prenda una dose doppia per compensare la dimenticanza della compressa. Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista. 4. POSSIBILI EFFETTI INDESIDERATI Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino.Possibili effetti indesiderati sono: Rari (possono interessare fino a 1 persona su 1.000): Aumento del livello degli enzimi epatici (transaminasi). Molto rari (possono interessare fino a 1 persona su 10.000): Reazioni allergiche: rash o eruzione cutanea con vescicole pruriginose, edema del volto o della lingua, respiro corto o difficoltà di respirazione che possono rivelarsi una grave reazione allergica. Se si verifica una grave reazione allergica, interrompere l'assunzione di TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg e consultare immediatamente il medico. Reazioni cutanee: Sono stati segnalati casi molto rari di reazioni cutanee gravi Non noti (la frequenza la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili: Disturbi ematici: diminuzione del numero delle piastrine nel sangue con conseguente sanguinamento dal naso o dalle gengive e diminuzione del numero di globuli bianchi nel sangue con conseguente aumentata suscettibilità alle infezioni. Segnalazione degli effetti indesiderati Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioniavverse. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale. 5. COME CONSERVARE TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg Conservi questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sul blister e sulla scatola dopo SCAD. La data di scadenza si riferisce all’ultimo giorno di quel mese. Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione. Non usi questo medicinale se nota segni visibili di deterioramento. Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente.6. CONTENUTO DELLA CONFEZIONE E ALTRE INFORMAZIONI Cosa contiene TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg - Il principio attivo è: paracetamolo Ogni compressa contiene 250 mg di paracetamolo (come cristalli di paracetamolo rivestiti). Gli altri componenti sono: Copolimero metacrilato butilato basico, dispersione di poliacrilati al 30%, silice (idrofoba colloidale), mannitolo (granuli, polvere), crospovidone, aspartame (E951), aroma di banana, magnesio stearato. Descrizione dell’aspetto di TACHIPIRINA FLASHTAB 250 mg e contenuto della confezione Tachipirina Flashtab sono compresse dispersibili di colore bianco, rotonde, bi-convesse, con concavità centrale e caratteristico aroma di banana. Confezione da 12 compresse in blister monodose perforati, con pellicola rimovibile a prova di bambino. Titolare dell’Autorizzazione all’Immissione in Commercio e Produttore Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio: Aziende Chimiche Riunite Angelini Francesco - A.C.R.A.F. S.p.A. Viale Amelia n. 70 - 00181 ROMA Produttore responsabile del rilascio dei lotti: -Ethypharm - Zone Industrielle de Saint-Arnoult, 28170 Chateauneuf-enThymerais – Francia -Ethypharm – Chemin de la Poudrière, 76120 Grand Quevilly - Francia -Aziende Chimiche Riunite Angelini Francesco - ACRAF S.p.A. Via Vecchia del Pinocchio, 22 - 60131 Ancona -Delpharm Novara S.r.l - Via Crosa, 86 28065 Cerano (NO) – Italia Questo medicinale è autorizzato negli Stati Membri dello Spazio Economico Europeo con le seguenti denominazioni: Danimarca: Pamol Flash Finlandia: Pamol F Francia: Paracetamol Prographarm Italia: Tachipirina Flashtab

GUNAMINO FORMULA COMPRESSE - INTEGRATORE DIMAGRANTE GUNA 50 E 150 COMPRESSE -15%

GUNA

GUNAMINO FORMULA COMPRESSE - INTEGRATORE DIMAGRANTE GUNA 50 E 150 COMPRESSE

€ 25,00 € 21,25

Gunamino è un’integratore alimentare a base di 8 aminoacidi essenziali di origine vegetale ottenuti tramite processo di fermentazione, ultrapurificati e cristallizzati. L’unicità della miscela aminoacidica di Gunamino Formula consiste nel particolare rapporto proporzionale tra gli 8 aminoacidi essenziali, l’unico che consenta il loro ottimale assorbimento ed il loro massimo utilizzo. Grazie a questa caratteristica, il prodotto: viene assorbito in pochi minuti senza impegno digestivo non produce scorie azotate e non sovraccarica reni e fegato fornisce, nel minor peso e volume, il massimo valore proteico rispetto ad ogni altro alimento. Azioni:  - dimagrimento  - aiuta a risolvere le carenze nutritive - favorisce la riduzione della massa grassa Indicazioni: Gunamino Formula è l’integratore alimentare dalla composizione ideale e bilanciata di aminoacidi essenziali, indicato nei casi di ridotto apporto di tali nutrienti o in caso di aumento del loro fabbisogno.   Ingredienti: Miscela di aminoacidi essenziali (L-Leucina, L-Valina, L-Isoleucina, L-Lisina cloridrato, L-Fenilalanina, L-Treonina, L-Metionina, L-Triptofano), maltodestrine, correttore di acidità: acido citrico; aromi, emulsionante: esteri di saccarosio degli acidi grassi; edulcorante: sucralosio.   Avvertenze e controindicazioni: Conservare il prodotto in luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce. La data di scadenza si riferisce al prodotto correttamente conservato, in confezione integra. Il prodotto va utilizzato nell’ambito di una dieta variata ed equilibrata ed uno stile di vita sano. Non superare le quantità di assunzione consigliate. Non utilizzare in gravidanza e nei bambini, o comunque per periodi prolungati senza sentire il parere del medico.   Modalità d'Uso: Sciogliere il contenuto di una bustina in un bicchiere d’acqua (200 ml) o succo di frutta o altra bibita, mescolare bene. Confezione: Barattolo da 50 compresse e 150 compresse

MAG 2 2,5 GR - MAGNESIO PIDOLATO 20 COMPRESSE EFFERVESCENTI -15%

SANOFI SPA

MAG 2 2,5 GR - MAGNESIO PIDOLATO 20 COMPRESSE EFFERVESCENTI

€ 14,50 € 12,30

​​​​​​​PRIMA DELL’USO LEGGERE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di automedicazione che potete usare per curare disturbi lievi e transitori facilmente riconoscibili e risolvibili senza ricorrere all’aiuto del medico. Può essere quindi acquistato senza ricetta ma va usato correttamente per assicurarne l’efficacia e ridurne gli effetti indesiderati. Per maggiori informazioni e consigli rivolgetevi al farmacista. Consultate il medico se il disturbo non si risolve dopo un breve periodo di trattamento. MAG2 2,25 g compresse effervescenti Magnesio pidolato Che cosa è MAG2 è un farmaco per uso orale che consente di reintegrare rapidamente la quota fisiologica di magnesio garantendo un trattamento efficace del deficit di magnesio. Perché si usa MAG2 si usa negli stati carenziali di magnesio. Per ulteriori informazioni vedere paragrafo “Note di educazione sanitaria”. Quando non deve essere usato MAG2 non deve essere usato in caso di: - Ipersensibilità (allergia) al principio attivo (magnesio pidolato) o ad uno qualsiasi degli eccipienti del prodotto. - Grave insufficienza renale. - Soggetti in terapia digitalica. Precauzioni per l’uso In caso di compromissione della funzione renale è opportuno consultare il medico, in quanto può essere necessario ridurre la posologia ed effettuare controlli della funzione renale e della magnesemia. È opportuno considerare la possibilità che in corso di trattamento si verifichi depressione dell’attività cardiovascolare e respiratoria. Quali medicinali o alimenti possono modificare l’effetto del medicinale Informare il medico o il farmacista se si è recentemente assunto qualsiasi altro medicinale, anche quelli senza prescrizione medica. La somministrazione di magnesio per via orale può determinare un ridotto assorbimento delle tetracicline, è raccomandabile quindi di non somministrare contemporaneamente MAG2 e farmaci a base di tetracicline, ma di mantenere almeno 3-4 ore di distanza fra le due somministrazioni. I chinoloni devono essere somministrati almeno 2 ore prima o 6 ore dopo la somministrazione di prodotti che, come MAG2, contengono Magnesio, per evitare interferenze con il loro assorbimento. Nel caso di somministrazione concomitante di magnesio e colecalciferolo (vitamina D3) si consiglia il controllo della calcemia per evitare la possibile comparsa di ipercalcemia. Si sconsiglia l’uso concomitante di prodotti contenenti sali di calcio o fosfato poiché tali prodotti impediscono l’assorbimento del magnesio. L’assunzione contemporanea di prodotti a base di magnesio con farmaci deprimenti il sistema nervoso centrale (SNC), incluso l’etanolo, può potenziare gli effetti sul SNC del magnesio ed è consigliabile che avvenga sotto controllo medico e nei casi di effettiva necessità. È importante sapere che Quando può essere usato solo dopo aver consultato il medico: • In pazienti con insufficienza renale (vedere anche le “Precauzioni per l’uso); • In caso di assunzione di specialità medicinali contenenti tetracicline, chinoloni, colecalciferolo (Vitamina D3), farmaci deprimenti il sistema nervoso centrale; • Gravidanza (vedere anche “Cosa fare durante la gravidanza e l’allattamento); • Bambini di età inferiore ai 14 anni. È opportuno consultare il medico anche nei casi in cui tali disturbi si fossero manifestati in passato.Cosa fare durante la gravidanza e l’allattamento. In gravidanza e nell’allattamento MAG2 deve essere usato solo dopo aver consultato il medico e aver valutato con lui il rapporto rischio/beneficio nel proprio caso. Consultate il medico nel caso sospettiate uno stato di gravidanza o desideriate pianificare una maternità. Il magnesio è considerato compatibile con l’allattamento. Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari MAG2 non altera la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari. Informazioni importanti su alcuni eccipienti MAG2 contiene sorbitolo: se il medico le ha diagnosticato un’intolleranza ad alcuni zuccheri, lo contatti prima di prendere questo medicinale. Note di educazione sanitaria L’importanza del magnesio. Il magnesio è un minerale essenziale per il funzionamento dell’organismo. Il corpo umano ne contiene circa 24 grammi, di cui il 99% all’interno delle cellule. Il magnesio è coinvolto in numerose reazioni e processi metabolici e fisiologici, quali la produzione di energia, la sintesi delle proteine e la trasmissione degli impulsi nervosi. Come modulatore del sistema nervoso il magnesio svolge un ruolo fondamentale nella regolazione della trasmissione degli impulsi nervosi, che in determinate situazioni può subire delle alterazioni (ad esempio stati di stress, alimentazione sbilanciata o gravidanza). Il magnesio nella dieta. Il magnesio è presente in molti alimenti, soprattutto cacao e mandorle, verdure verdi fresche, noci, germe di grano non macinato, ma anche in mais, soia, fichi, mele, pesce, crostacei e frutti di mare. La quantità di magnesio ingerita con la dieta è di solito sufficiente a coprire il fabbisogno dell’organismo, tuttavia stati di carenza si possono sviluppare in alcuni individui (anziani, alcolisti, persone con dieta inappropriata), in alcune condizioni patologiche (diabete, stati di malassorbimento, malattie renali, diarrea cronica, vomito profuso, sudorazione eccessiva), oppure a seguito di alcune terapie farmacologiche (principalmente uso di diuretici). Come si manifesta la carenza di magnesio. I sintomi di una carenza di magnesio possono comprendere sensazione di stanchezza, astenia, irritabilità, nervosismo, disturbi gastrointestinali, ritmo cardiaco irregolare, debolezza muscolare e crampi. In tutti questi casi è necessario assumere magnesio per ottenere un miglioramento dei sintomi. Come usare questo medicinale Quanto Solo per adulti: 2 compresse effervescenti al giorno. Bambini: è necessario consultare il medico, che potrà stabilire la posologia corretta individualmente, in rapporto alle condizioni del bambino. Attenzione: non superare le dosi indicate senza il consiglio del medico. Quando e per quanto tempo Assumere MAG2 a intervalli regolari durante la giornata. Attenzione: usare solo per brevi periodi di trattamento. Consultate il medico se il disturbo si presenta ripetutamente o se avete notato un qualsiasi cambiamento recente delle sue caratteristiche. Come Sciogliere una compresse effervescente in acqua. Cosa fare se si è presa una dose eccessiva di medicinale. Casi di ipermagnesemia sono stati riportati solo in seguito a somministrazione massiva di magnesio durante il trattamento di pazienti con insufficienza renale grave. I sintomi osservati comprendono disturbi del ritmo cardiaco, depressione respiratoria e disturbi della trasmissione neuromuscolare. Il trattamento deve prevedere la reidratazione con ripristino di una diuresi abbondante o diuresi forzata. In caso di insufficienza renale è necessario il trattamento dialitico. In caso di ingestione/assunzione accidentale di una dose eccessiva di MAG2 avvertire immediatamente il medico o rivolgetevi al più vicino ospedale.Cosa fare se si è dimenticato di prendere una o più dosi. Ricominciare ad assumere il prodotto appena possibile. Effetti dovuti alla sospensione del trattamento. Nessuno. Se si ha qualsiasi dubbio sull’uso di MAG2, rivolgersi al medico o al farmacista. Effetti indesiderati Come tutti i medicinali MAG2 può causare effetti indesiderati, sebbene non tutte le persone li manifestino. Con la somministrazione di MAG2, seppure raramente, possono talvolta verificarsi dei disturbi digestivi, diarrea, dolori addominali. In casi eccezionali sono stati segnalati episodi di intolleranza individuale al magnesio, che possono essere trattati con antistaminici per via orale o parenterale. Il rispetto delle istruzioni contenute nel foglio illustrativo riduce il rischio di effetti indesiderati. Se uno qualsiasi degli effetti indesiderati si aggrava o se si nota la comparsa di un qualsiasi effetto indesiderato non descritto in questo foglio illustrativo, informare il medico. Scadenza e conservazione Scadenza: vedere la data di scadenza indicata sulla confezione. La data di scadenza si riferisce al prodotto in confezionamento integro, correttamente conservato. Attenzione: non utilizzare il medicinale dopo la data di scadenza indicata sulla confezione. Non usare se la confezione presenta segni visibili di deterioramento. I medicinali non devono essere gettati nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chiedere al farmacista come eliminare i medicinali che si non utilizzano più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente. Tenere il medicinale fuori della portata e della vista dei bambini. È importante avere sempre a disposizione le informazioni sul medicinale, pertanto è necessario conservare sia la scatola che il foglio illustrativo. Conservare nella confezione originale per proteggere il medicinale dall'umidità. Composizione Una compressa effervescente contiene: principio attivo: magnesio pidolato 2,250 g (corrispondenti a 184 mg di ione Mg++); eccipienti: acido citrico anidro, sodio bicarbonato, sorbitolo, sodio carbonato anidro, aroma limone, aroma arancia, acesulfame potassico, silice colloidale anidra. Come si presenta MAG2 si presenta in forma di compresse effervescenti. Il contenuto della confezione è di 20 compresse effervescenti. Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio sanofi-aventis S.p.A. Viale L. Bodio, 37/b – IT-20158 Milano Produttore E-Pharma Trento S.p.A. Via Provina, 2 – IT-38123 Trento - TN

SWISSE ENERGIA EFFERVESCENTE - INTEGRATORE MULTIVITAMINICO ENERGIZZANTE 20 COMPRESSE -10%

SWISSE

SWISSE ENERGIA EFFERVESCENTE - INTEGRATORE MULTIVITAMINICO ENERGIZZANTE 20 COMPRESSE

€ 10,90 € 9,81

Swisse ​​​​​​​ENERGIA MULTIVITAMINICO EFFERVESCENTE Descrizione Integratore alimentare multivitaminico completo contenente vitamine e minerali per integrare la tua nutrizione. Le vitamine B1, B2, B3, B5, B6, B7, B12, la vitamina C e il magnesio contribuiscono al normale metabolismo energetico. Le vitamine B2, B3, B5, B6, B9, B12, la vitamina C e il magnesio contribuiscono alla riduzione della stanchezza e dell'affaticamento. Le vitamine B1, B3, B6, B7, B9, B12, la vitamina C e il magnesio contribuiscono alla normale funzione psicologica. Il magnesio contribuisce all'equilibrio elettrolitico. Il magnesio e il calcio contribuiscono alla normale funzione muscolare. Ingredienti Edulcoranti: xilitolo, sorbitolo, sucralosio, glicosidi steviolici; acido L-ascorbico (vitamina C, carbonato di magnesio; correttore di acidità: carbonato di sodio; acidificante: acido citrico; maltodestrina, carbonato di calcio (calcio), aromi naturali all'arancia, aromi; colorante: rosso di barbabietola; nicotinamide (niacina), riboflavina (vitamina B2), citrato di zinco (zinco), mononitrato di tiamina (vitamina B1), D-pantotenato, calcio (acido pantotenico), cloridrato di piridossina (vitamina B6), acido pteroil-monoglutammico (acido folico), D-biotina (biotina), cianocobalamina (vitamina B12). Valori nutrizionali Valori medi per 1 compressa %VNR* Vitamina C 500 mg 625 Magnesio 120 mg 32 Niacina 32 mg 200 Vitamina B2 21 mg 1.500 Zinco 9,5 mg 95 Vitamina B1 23 mg 2.091 Acido pantotenico 13 mg 217 Vitamina B6 8 mg 571 Acido folico 300 mcg 150 Biotina 180 mcg 360 Vitamina B12 25 mcg 1.000 *Valori Nutritivi di Riferimento ai sensi del Reg. UE 1169/2011 Modalità, d'uso Si consiglia di assumere 1 comèpressa al giorno disciolta in acqua, o in base alle raccomandazioni del medico. Avvertenze Non eccedere la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini di età, inferiore ai 3 anni. Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituti di una dieta variata e di uno stile di vita sano. Conservazione Conservare in luogo fresco ed asciutto. Formato Flacone da 20 compresse

LONGLIFE ALLERFACTORS - INTEGRATORE PER IL BENESSERE DI NASO E GOLA -10%

LONG LIFE

LONGLIFE ALLERFACTORS - INTEGRATORE PER IL BENESSERE DI NASO E GOLA

€ 16,99 € 15,29

Integratore alimentare di 4 estratti vegetali e quercetina. Adatto a vegetariani e vegani. Cappero e Ribes promuovono la funzionalità delle prime vie respiratorie e il benessere di naso e gola. Ginseng e Olivo possiedono attività utile a proteggere le cellule dallo stress ossidativo. Non contiene glutine. Ingredienti Pantescal H, maltodestrina, agente di carica (cellulosa m.c.), quercetina, antiagglomerante (magnesio stearato vegetale), agenti di rivestimento idrossipropilmetilcellulosa e polietilenglicole).   Apporto nutrienti Dose giornaliera: 2-3 compresse da 0,850 g. Dosi giornaliere per confezione: 15-10 Due (2) compresse contengono Pantescal H 1000 mg miscela sinergica di 4 estratti vegetali con maltodestrina titolata 60% [600 mg] polifenoli a base di: Cappero bocciolo (Capparis spinosa L.) 500 mg Olivo foglia (Olea europaea L.) 300 mg Ribes Nero foglia (Ribes nigrum L.) 25 mg Ginseng radice (Panax ginseng C.A. Meyer) 25 mg Quercetina 200 mg Modalità d'uso Assumere due (2) o tre (3) compresse al giorno con acqua durante i pasti. Avvertenze Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituto di una dieta variata e vanno utilizzati seguendo uno stile di vita sano ed equilibrato. Non eccedere la dose giornaliera raccomandata. Tenere fuori dalla portata dei bambini sotto i 3 anni di età. Durante la gravidanza e l'allattamento è opportuno sentire il parere del medico. Modalità di conservazione Da +10 a +25°C . Formato 30 compresse da 0,850 g

LONGLIFE BED TIME - INTEGRATORE PER MIGLIORARE LA QUALITA' DEL SONNO -10%

LONG LIFE

LONGLIFE BED TIME - INTEGRATORE PER MIGLIORARE LA QUALITA' DEL SONNO

€ 17,99 € 16,19

con melatonina Integratore alimentare, utile per favorire rilassamento e sonno, per ridurre stress e fatica e per ridurre il tempo richiesto per prendere sonno. Ingredienti Agente di carica (calcio fosfato bibasico), valeriana (Valeriana officinalis L.) radice estratto secco titolato, acido L-ascorbico, niacinamide, ossido di magnesio, passiflora (Passiflora incarnata L.) fiore estratto secco, luppolo (Humulus luppulus L.) fiore estrato secco, scutellaria (Scutellaria latiflora L.) pianta estratto secco, antiagglomeranti (acido stearico e magnesio stearato vegetali), addensante (carbossimetilcellulosa di sodio), piridossina cloridrato, melatonina, agenti di rivestimento (idrossipropilmetilcellulosa e polietilenglicole). Senza glutine. Una tavoletta contiene: • Vitamina C: 100 mg (VNR* 125%); • Niacina: 36 mg (VNR* 225%); • Vitamina B6: 9,5 mg (VNR* 678%); • Magnesio: 66,5 mg (VNR* 18%); • Melatonina: 1 mg • Valeriana radice estratto secco: 150 mg titolato allo 0,8% [1,2 mg] acidi valerenici; • Passiflora fiori/foglie estratto secco: 50 mg • Luppolo strobilo estratto secco: 50 mg • Scutellaria erba estratto secco: 50 mg *Valore nutritivo di riferimento Modalità d'uso Assumere 1 tavoletta al giorno con acqua poco prima di coricarsi. Avvertenze Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituto di una dieta variata e vanno utilizzati seguendo uno stile di vita sano ed equilibrato. Non eccedere la dose giornaliera raccomandata. Tenere fuori dalla portata dei bambini sotto i tre anni di età. Non assumere in gravidanza e allattamento. In caso di qualsiasi patologia o durante l'assunzione di qualsiasi farmaco, consultare il medico prima di utilizzare il prodotto. Non assumere con bevande alcoliche, durante la guida di veicoli o macchinari e al di sotto dei 18 anni. Formato 60 compresse da 1,300 g cad.

LONGLIFE CALCIUM 400 MG COMPRESSE MASTICABILI CON CALCIO E VITAMINA D3 -10%

LONG LIFE

LONGLIFE CALCIUM 400 MG COMPRESSE MASTICABILI CON CALCIO E VITAMINA D3

€ 14,99 € 13,49

Descrizione Integratore alimentare di calcio e vitamina D3 indicato nei casi di scarso apporto con la dieta o di aumentato fabbisogno (gravidanza, allattamento, menopausa, terza età) di tali nutrienti. Con edulcoranti. In pratiche tavolette masticabili al gusto di cioccolato, disponibili anche al gusto latte. Adatto a vegetariani. Proprietà Il calcio è un minerale essenziale con molteplici ruoli biologici: oltre ad essere necessario per il mantenimento di ossa e denti sani, contribuisce alla funzione muscolare, alla normale coagulazione del sangue, al metabolismo energetico, alla normale neurotrasmissione e alla funzione degli enzimi digestivi. Inoltre, interviene nel processo di divisione e di specializzazione cellulare. La vitamina D contribuisce al normale assorbimento/utilizzo del calcio e del fosforo, al mantenimento della normale funzione muscolare, alla normale funzione del sistema immunitario, a favorire il processo di divisione cellulare, ai normali livelli di calcio nel sangue, alla salute dei denti e delle ossa. Ingredienti Calcio carbonato; edulcorante: sorbitolo; fruttosio; addensante: cellulosa microcristallina; cacao amaro; antiagglomerante: magnesio stearato vegetale; aroma: cioccolato; edulcorante; sucralosio; colecalciferolo (Vitamina D3); emulsionante: trigliceridi a media catena; addensanti: gomma arabica, amido di mais; saccarosio; antiossidante: D-alfa-tocoferolo. Senza glutine. Caratteristiche nutrizionali Una compressa contiene: Calcio 400 mcg (50% VNR*) Vitamina D3 5 mcg (100% VNR*) *VNR: Valori Nutritivi di Riferimento. Modalità d'uso Masticare da 1 a 3 compresse al giorno. Avvertenze Non eccedere la dose giornaliera raccomandata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni di età. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata e vanno utilizzati seguendo uno stile di vita sano ed equilibrato. Un consumo eccessivo può avere effetti lassativi. Conservazione Conservare in luogo fresco ed asciutto. Validità a confezionamento integro: 48 mesi. Formato Barattolo contenente 100 compresse da 2,000 g. Peso netto: 200 g.

KALOBA - FARMACO IN COMPRESSE A BASE DI PELARGONIUM -20%

DR.WILLMAR SCHWABE

KALOBA - FARMACO IN COMPRESSE A BASE DI PELARGONIUM

€ 12,90 € 10,30

​​​​​​​ ​​​​​​​Foglio illustrativo: informazioni per il paziente KALOBA compresse rivestite con film Estratto di radice di Pelargonio Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene importanti informazioni per lei. Prenda questo medicinale sempre come esattamente descritto in questo foglio o come il medico o il farmacista le ha detto di fare. - Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo. - Se desidera maggiori informazioni o consigli, si rivolga al farmacista. - Se si manifesta uno qualsiasi degli effetti indesiderati, tra cui effetti non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4. - Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo 7 giorni. Contenuto di questo foglio: 1. Che cos’è KALOBA e a cosa serve 2. Cosa deve sapere prima di prendere KALOBA 3. Come prendere KALOBA 4. Possibili effetti indesiderati 5. Come conservare KALOBA 6. Contenuto della confezione e altre informazioni 1. Che cos’è KALOBA e a cosa serve KALOBA è un medicinale tradizionale di origine vegetale contenente come principio attivo l’estratto di radice di Pelargonio. KALOBA è indicato per l’attenuazione del raffreddore comune negli adulti e adolescenti di età superiore ai 12 anni. L’impiego di questo medicinale tradizionale di origine vegetale, per le indicazioni terapeutiche indicate, si basa esclusivamente sull’esperienza di utilizzo pluriennale. Si rivolga al medico se non si sente meglio o se si sente peggio dopo 7 giorni. 2. Cosa deve sapere prima di prendere KALOBA Non prenda KALOBA - se è allergico al Pelargonio o a uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6). - se ha tendenza al sanguinamento. - se sta assumendo medicinali che ritardano la coagulazione del sangue. - se soffre di gravi malattie del fegato e dei reni (insufficienza epatica grave e insufficienza renale grave) - Avvertenze e precauzioni Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere KALOBA Il trattamento con KALOBA deve essere interrotto immediatamente e consultato il medico nel caso in cui insorgono: - problemi a carico del fegato (epatotossicità); - aumento della frequenza respiratoria (tachipnea) o presenza di sangue nell’espettorato (emottisi). Altri medicinali e KALOBA Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro medicinale. A causa della possibile influenza sui parametri della coagulazione, KALOBA può aumentare gli effetti dei medicinali che ritardano la coagulazione del sangue (anticoagulanti), come il fenprocumone e il warfarin, assunti in concomitanza.Non sono stati effettuati studi d’interazione con altri medicinali. Gravidanza e allattamento Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere questo medicinale. La sicurezza di KALOBA durante la gravidanza e l’allattamento con latte materno non è stata stabilita. Il medico le prescriverà KALOBA solo in caso di effettiva necessità. Guida di veicoli e utilizzo di macchinari Non sono stati effettuati studi sugli effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari. KALOBA contiene lattosio. Se il medico le ha diagnosticato una intolleranza ad alcuni zuccheri, lo contatti prima di prendere questo medicinale. 3. Come prendere KALOBA Prenda questo medicinale seguendo sempre esattamente quanto riportato in questo foglio o le istruzioni del medico o del farmacista. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista. Adulti e adolescenti di età superiore a 12 anni La dose raccomandata è di 1 compressa 3 volte al giorno. Uso nei bambini La sicurezza e l’efficacia di KALOBA nei bambini di età inferiore ai 12 anni non sono state ancora stabilite. Durata del trattamento La durata massima del trattamento è di 7 giorni. Modo di somministrazione La compressa deve essere assunta con un po’ di liquido, senza essere masticata. Se prende più KALOBA di quanto deve Non ci sono informazioni su casi di sovradosaggio, tuttavia il sovradosaggio potrebbe aumentare la frequenza di comparsa e/o la gravità degli effetti indesiderati. In caso di assunzione accidentale di una dose eccessiva di KALOBA avvertire immediatamente il medico o rivolgersi al più vicino ospedale. Se dimentica di prendere KALOBA Non prenda una dose doppia per compensare la dimenticanza della dose. Continui il trattamento con KALOBA come indicato in questo foglio illustrativo. Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista. 4. Possibili effetti indesiderati Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino. La valutazione degli effetti indesiderati si basa sulle informazioni relative alla frequenza: Non comune (può interessare meno di 1 su 100 ma più di 1 su 1.000 persone) Mal di stomaco, bruciore di stomaco, nausea e diarrea. Raro (può interessare meno di 1 su 1.000 ma più di 1 su 10.000 persone) − Lieve sanguinamento gengivale. − Lieve sanguinamento nasale. − Reazione di ipersensibilità (reazioni-tipo-I con esantema, orticaria, prurito della cute e delle membrane mucose; reazioni-tipo-II con formazione di anticorpi). Molto raro (può interessare meno di 1 su 10.000 persone)- Gravi reazioni di ipersensibilità con gonfiore del viso, dispnea e calo della pressione del sangue. - Alterazioni della funzionalità epatica. Segnalazione degli effetti indesiderati Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico, al farmacista o all’infermiere. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/content/come-segnalare-una-sospettareazione-avversa. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale. 5. Come conservare KALOBA Conservi questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini. Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla confezione. La data di scadenza indicata si riferisce all’ultimo giorno di quel mese. Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente. 6. Contenuto della confezione e altre informazioni Cosa contiene KALOBA - Il principio attivo è l’estratto liquido essiccato di Pelargonium sidoides DC, radix (radice di Pelargonio) (1 : 8 – 10) (EPs 7630). - Il solvente di estrazione è etanolo al 12% (v/v). Una compressa rivestita con film contiene 20 mg di estratto di Pelargonio. - Gli altri componenti sono: maltodestrina, cellulosa microcristallina, lattosio monoidrato, croscarmellosa sodica, silice precipitata, magnesio stearato, ipromellosa 5 mPas, macrogol 1500, ferro ossido giallo E172, ossido di ferro rosso E 172, titanio diossido E 171, talco, simeticone, metilcellulosa, acido sorbico. Descrizione dell’aspetto di KALOBA e contenuto della confezione Compresse rivestite con film - confezione da 21 compresse, in blister. Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio e produttore Dr. Willmar Schwabe GmbH & Co. KG Willmar-Schwabe-Str. 4 D-76227 Karlsruhe (Germania) Concessionario di vendita Schwabe Pharma Italia S.r.l. Via Silvio Menestrina 1 39044 Egna- Neumarkt (BZ)

KALOBA - SCIROPPO VEGETALE A BASE DI PELARGONIUM -20%

DR.WILLMAR SCHWABE

KALOBA - SCIROPPO VEGETALE A BASE DI PELARGONIUM

€ 10,90 € 8,70

​​​​​​​Foglio illustrativo: informazioni per il paziente KALOBA sciroppo Estratto di radice di Pelargonio Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene importanti informazioni per lei. Prenda questo medicinale sempre come esattamente descritto in questo foglio o come il medico o il farmacista le ha detto di fare. - Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo. - Se desidera maggiori informazioni o consigli, si rivolga al farmacista. - Se si manifesta uno qualsiasi degli effetti indesiderati, tra cui effetti non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4. - Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo 7 giorni. Contenuto di questo foglio: 1. Che cos’è KALOBAe a cosa serve 2. Cosa deve sapere prima di prendere KALOBA 3. Come prendere KALOBA 4. Possibili effetti indesiderati 5. Come conservare KALOBA 6. Contenuto della confezione e altre informazioni 1. Che cos’è KALOBA e a cosa serve KALOBA è un medicinale tradizionale di origine vegetale contenente come principio attivo l’estratto di radice di Pelargonio. KALOBA è indicato per l’attenuazione del raffreddore comune negli adulti e bambini di età superiore ai 6 anni. L’impiego di questo medicinale tradizionale di origine vegetale, per le indicazioni terapeutiche indicate, si basa esclusivamente sull’esperienza di utilizzo pluriennale. Si rivolga al medico se non si sente meglio o se si sente peggio dopo 7 giorni. 2. Cosa deve sapere prima di prendere KALOBA Non prenda KALOBA - se è allergico al Pelargonio o a uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6). - se ha tendenza al sanguinamento. - se sta assumendo medicinali che ritardano la coagulazione del sangue. - se soffre di gravi malattie del fegato e dei reni (insufficienza epatica grave e insufficienza renale grave). Avvertenze e precauzioni Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere KALOBA. Il trattamento con KALOBA deve essere interrotto immediatamente e consultato il medico nel caso in cui insorgono: - problemi a carico del fegato (epatotossicità); - aumento della frequenza respiratoria (tachipnea) o presenza di sangue nell’espettorato (emottisi). Altri medicinali e KALOBA Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro medicinale. A causa della possibile influenza sui parametri della coagulazione, KALOBA può aumentare gli effetti dei medicinali che ritardano la coagulazione del sangue (anticoagulanti), come il fenprocumone e il warfarin, assunti in concomitanza.Non sono stati effettuati studi d’interazione con altri medicinali. Gravidanza e allattamento Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere questo medicinale. La sicurezza di KALOBA durante la gravidanza e l’allattamento con latte materno non è stata stabilita. Il medico le prescriverà KALOBA solo in caso di effettiva necessità. Guida di veicoli e utilizzo di macchinari Non sono stati effettuati studi sugli effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari. 3. Come prendere KALOBA Prenda questo medicinale seguendo sempre esattamente quanto riportato in questo foglio o le istruzioni del medico o del farmacista. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista. Adulti e adolescenti di età superiore ai 12 anni La dose raccomandata è di 7,5 ml di sciroppo 3 volte al giorno. Bambini di età superiore ai 6 anni La dose raccomandata è di 5 ml di sciroppo 3 volte al giorno. La sicurezza e l’efficacia di KALOBA nei bambini di età inferiore ai 6 anni non sono state ancora stabilite. Durata del trattamento La durata massima del trattamento è di 7 giorni. Modo di somministrazione Lo sciroppo può essere assunto direttamente dal bicchiere dosatore, che presenta diversi segni di taratura, annesso alla confezione, o trasferito su un cucchiaio. Se prende più KALOBA di quanto deve Non ci sono informazioni su casi di sovradosaggio, tuttavia il sovradosaggio potrebbe aumentare la frequenza di comparsa e/o la gravità degli effetti indesiderati. In caso di assunzione accidentale di una dose eccessiva di KALOBA avvertire immediatamente il medico o rivolgersi al più vicino ospedale. Se dimentica di prendere KALOBA Non prenda una dose doppia per compensare la dimenticanza della dose. Continui il trattamento con KALOBA come indicato in questo foglio illustrativo. Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista. 4. Possibili effetti indesiderati Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino. La valutazione degli effetti indesiderati si basa sulle informazioni relative alla frequenza: Non comune (può interessare meno di 1 su 100 ma più di 1 su 1.000 persone) - Mal di stomaco, bruciore di stomaco, nausea e diarrea. Raro (può interessare meno di 1 su 1.000 ma più di 1 su 10.000 persone) − Lieve sanguinamento gengivale. − Lieve sanguinamento nasale. − Reazione di ipersensibilità (reazioni-tipo-I con esantema, orticaria, prurito della cute e delle membrane mucose; reazioni-tipo-II con formazione di anticorpi). Molto raro (può interessare meno di 1 su 10.000 persone) - Gravi reazioni di ipersensibilità con gonfiore del viso, dispnea e calo della pressione del sangue.- Alterazioni della funzionalità epatica . Segnalazione degli effetti indesiderati Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico, al farmacista o all’infermiere. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/content/come-segnalare-una-sospettareazione-avversa Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale. 5. Come conservare KALOBA Conservi questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini. Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla confezione. La data di scadenza si riferisce all’ultimo giorno di quel mese. La validità dopo la prima apertura del flacone è di 6 mesi. Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente. Nota: Poiché KALOBA è un prodotto naturale, possono verificarsi lievi variazioni nel colore e nel gusto. 6. Contenuto della confezione e altre informazioni Cosa contiene KALOBA - Il principio attivo è l’estratto liquido essiccato di Pelargonium sidoides DC, radix (radice di Pelargonio) (1 : 8 – 10) (EPs 7630). - Il solvente di estrazione è etanolo al 12% (v/v). 100 g (=93,985 ml) di sciroppo contengono 0,251 g di estratto di Pelargonio. - Gli altri componenti sono: maltodestrina, xilitolo, glicerolo 85%, acido citrico anidro, potassio sorbato, gomma xanthan, acqua depurata. Descrizione dell’aspetto di KALOBA e contenuto della confezione KALOBA è uno sciroppo viscoso di colore arancione tendente al marrone chiaro, disponibile in un flacone da 100 ml con bicchiere dosatore. Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio e produttore Dr. Willmar Schwabe GmbH & Co. KG Willmar-Schwabe-Str. 4 D-76227 Karlsruhe (Germania) Concessionario di vendita Schwabe Pharma Italia S.r.l. Via Silvio Menestrina 1 39044 Egna-Neumarkt (BZ)

OKITASK COMPRESSE A BASE DI KETOPROFENE SALE DI LISINA 40MG UTILE COME ANALGESICO -20%

DOMPE' FARMACEUTICI

OKITASK COMPRESSE A BASE DI KETOPROFENE SALE DI LISINA 40MG UTILE COME ANALGESICO

€ 6,00 € 4,80

​​​​​​​Foglio illustrativo: informazioni per l’utilizzatore okitask 40 mg compresse rivestite con film ketoprofene sale di lisina Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene importanti informazioni per lei. Prenda questo medicinale sempre come esattamente descritto in questo foglio o come il medico o il farmacista le ha detto di fare. - Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo. - Se desidera maggiori informazioni o consigli, si rivolga al farmacista. - Se si manifesta uno qualsiasi degli effetti indesiderati, tra cui effetti non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4. - Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo un breve periodo di trattamento. Contenuto di questo foglio: 7. Che cos’è okitask e a cosa serve 8. Cosa deve sapere prima di prendere okitask 9. Come prendere okitask 10. Possibili effetti indesiderati 11. Come conservare okitask 12. Contenuto della confezione e altre informazioni 1. Che cos’è okitask e a cosa serve Il nome del suo medicinale è okitask 40 mg compresse rivestite con film (chiamato okitask in questo foglio illustrativo). okitask contiene come principio attivo ketoprofene sale di lisina che appartiene ad un gruppo di medicinali chiamati “Farmaci Antinfiammatori Non Steroidei” (FANS). Il ketoprofene agisce bloccando le sostanze chimiche che normalmente causano infiammazione nel nostro corpo. Questo medicinale si usa per dolori di diversa origine e natura, ed in particolare: mal di testa, mal di denti, nevralgie (dolori dei nervi), dolori mestruali, dolori muscolari e osteoarticolari (delle ossa e delle articolazioni). Si rivolga al medico se non si sente meglio o se si sente peggio dopo un breve periodo di trattamento. 2. Cosa deve sapere prima di prendere okitask Non prenda okitask - se è allergico al ketoprofene o a sostanze con analogo meccanismo d’azione (per esempio acido acetilsalicilico o altri FANS) o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6 “Contenuto della confezione e altre informazioni”); - se ha una storia di reazioni di ipersensibilità (allergia) come broncospasmo (restringimento dei bronchi, che causa difficoltà nella respirazione), attacchi d'asma, rinite acuta, orticaria, eruzioni cutanee. Reazioni anafilattiche gravi, raramente fatali, sono state osservate nei pazienti con storia di ipersensibilità (si veda il paragrafo 4 “Possibili effetti indesiderati”). - se ha ulcera gastrica o duodenale, con ulcera peptica attiva/emorragia o storia di emorragia/ulcera peptica ricorrente (due o più episodi distinti, comprovati di sanguinamento o ulcerazione); - se ha gastrite e disturbi digestivi cronici (dispepsia);- se ha una storia di emorragia gastrointestinale, ulcerazione o perforazione conseguente a precedente terapia con FANS; - se ha emorragie in atto o diatesi emorragica (predisposizione alle emorragie); - se soffre di leucopenia (riduzione del numero di globuli bianchi) o piastrinopenia (riduzione del numero delle piastrine); - se è in terapia con anticoagulanti (medicinali che fluidificano il sangue), altri FANS o acido acetilsalicilico (si veda il sottoparagrafo “Altri medicinali e okitask”); - se ha una severa insufficienza renale (ridotta funzionalità dei reni), epatica (ridotta funzionalità del fegato) o cardiaca (l’incapacità del cuore di pompare l’adeguata quantità del sangue necessaria alle esigenze dell’organismo); - se sta già assumendo altri farmaci antinfiammatori e a base di acido acetilsalicilico; - se è nel terzo trimestre di gravidanza (gli ultimi tre mesi di gravidanza); - se è in stato di gravidanza o se sta allattando (si veda il sottoparagrafo “Gravidanza, allattamento e fertilità”); - se è sottoposto ad importanti interventi chirurgici. Non dia questo medicinale ai bambini e agli adolescenti al di sotto dei 15 anni (si veda il sottoparagrafo “Bambini e adolescenti”). Avvertenze e precauzioni Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere okitask. Durante il trattamento con tutti i FANS, come okitask, in qualsiasi momento, con o senza sintomi di preavviso o precedente storia di gravi eventi gastrointestinali, sono state riportate emorragia gastrointestinale, ulcerazione e perforazione, che possono essere fatali. I pazienti anziani sono maggiormente esposti al rischio di sviluppare reazioni avverse ai FANS, specialmente emorragie e perforazioni gastrointestinali, che possono essere fatali (si veda il paragrafo 3 “Come prendere okitask”). Il ketoprofene può essere associato a un elevato rischio di grave tossicità gastrointestinale, rispetto ad altri FANS, soprattutto ad alte dosi. Gravi reazioni cutanee (della pelle) alcune delle quali fatali, come dermatite esfoliativa, sindrome di Stevens-Johnson e necrolisi epidermica tossica, sono state riportate molto raramente in associazione con l’uso dei FANS (si veda il paragrafo 4 “Possibili effetti indesiderati”). La reazione si verifica nella maggior parte dei casi nelle fasi iniziali del trattamento. Interrompa l’uso di okitask in caso di comparsa di rash cutaneo, lesioni delle mucose o qualsiasi altro segno di ipersensibilità. I medicinali come okitask possono essere associati ad un modesto aumento del rischio di attacco cardiaco (infarto del miocardio) o ictus (accidente cerebrovascolare). Qualsiasi rischio è più probabile con alte dosi e trattamenti prolungati. Non superi la dose o la durata del trattamento raccomandata. L’uso di alcuni FANS (specialmente ad alti dosaggi e per trattamenti di lunga durata) può essere associato ad un aumento del rischio di eventi trombotici arteriosi (per esempio infarto del miocardio o ictus), tale rischio non può essere escluso per ketoprofene sale di lisina. Come gli altri FANS, in presenza di una malattia infettiva, le proprietà del ketoprofene di ridurre l’infiammazione, il dolore e la febbre possono mascherare i sintomi comuni della progressione dell’infezione, come la febbre. Chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere okitask: • Se soffre d’asma, broncopneumopatia ostruttiva cronica (infiammazione e ostruzione cronica delle vie aeree), rinite allergica o cronica; • Se ha problemi cardiaci, o precedenti di ictus (accidente cerebrovascolare) o pensa dipoter essere a rischio per queste condizioni (per esempio se ha pressione sanguigna alta, diabete, colesterolo elevato, o se fuma); • Se ha una storia (anche familiare) di ipertensione (alta pressione del sangue) e/o insufficienza cardiaca congestizia (accumulo di liquido nei polmoni, negli organi addominali e a livello dei tessuti periferici a causa dell'inadeguata funzione di pompa del cuore) da lieve a moderata, poiché è necessario un adeguato monitoraggio e opportune istruzioni. Durante il trattamento con i FANS sono stati riscontrati ritenzione di liquidi ed edema (gonfiore). • Se assume allo stesso tempo medicinali che potrebbero aumentare il rischio di ulcerazione o emorragia, come corticosteroidi orali (medicinali usati per il trattamento degli stati infiammatori), inibitori selettivi del reuptake della serotonina (come ad esempio medicinali contro la depressione), anticoagulanti (medicinali che fluidificano il sangue) come warfarin, o agenti antiaggreganti come l’acido acetilsalicilico (l'aspirina) (si veda il sottoparagrafo “Altri medicinali e okitask”); • Se ha ulcera peptica attiva o pregressa, o una malattia infiammatoria intestinale (colite ulcerosa, morbo di Crohn), o se ha una storia di malattia gastrointestinale (colite ulcerosa, morbo di Crohn) perché tali condizioni possono ripresentarsi con l’uso di FANS (si veda il paragrafo “Possibili effetti indesiderati”); • Se utilizza altri FANS, inclusi gli inibitori selettivi delle cicloossigenasi-2, perché l’uso concomitante di okitask con altri FANS deve essere evitato (si veda il sottoparagrafo “Altri medicinali e okitask”); • Se ha porfiria epatica (rara malattia del sangue caratterizzata dall’alterazione dell’attività di uno degli enzimi del fegato), poiché il medicinale potrebbe scatenare un attacco; • Se ha malattie del fegato o se presenta test di funzionalità epatica alterati, poiché i livelli di transaminasi (enzimi epatici) dovrebbero essere valutati periodicamente, particolarmente nella terapia a lungo termine. Con l’uso di ketoprofene, sono stati riferiti rari casi di ittero (ingiallimento della pelle e degli occhi) ed epatite (malattia del fegato). • Se presenta disturbi della vista, come visione offuscata; • Se è affetto da insufficienza cardiaca (condizione per cui il cuore risulta indebolito), se soffre di alterazioni della funzionalità del fegato, come cirrosi (grave compromissione del fegato), se soffre di alterazioni della funzionalità del rene, come nefrosi (malattia degenerativa del rene), o è affetto da insufficienza renale cronica (compromissione della funzione renale), se è in terapia con diuretici (medicinali utilizzati per aumentare la produzione di urina), o se è possibile che abbia un basso volume del sangue (ipovolemia), soprattutto se è anziano all’inizio del trattamento, poiché la funzionalità dei reni deve essere attentamente monitorata. I pazienti anziani sono più predisposti alla riduzione della funzionalità dei reni, del cuore o del fegato. • Se è anziano o se ha avuto l’ulcera, soprattutto se complicata da emorragia o perforazione (si veda il sottoparagrafo “Non prenda okitask”), perché il rischio di emorragia gastrointestinale, ulcerazione o perforazione è più alto con dosi aumentate di FANS. In questo caso dovrà iniziare il trattamento con la più bassa dose disponibile. L’uso concomitante di medicinali protettori per lo stomaco (ad esempio misoprostolo o inibitori di pompa protonica) deve essere considerato se è anziano, se ha avuto l’ulcera o se assume basse dosi di aspirina o altri medicinali che possono aumentare il rischio di eventi gastrointestinali (si veda il sottoparagrafo “Altri medicinali e okitask”); • Se ha una storia di tossicità gastrointestinale (danni allo stomaco o all’intestino), in particolare se è anziano. Riferisca qualsiasi segno o sintomo addominale (soprattutto emorragia gastrointestinale), in particolare nelle fasi iniziali del trattamento. Sospenda immediatamente il trattamento con okitask ai primi segni di emorragia o ulcerazione gastrointestinale.Non usi il medicinale per trattamenti prolungati. Dopo un breve periodo di trattamento senza risultati apprezzabili, consulti il medico. Bambini e adolescenti okitask non deve essere assunto da bambini e adolescenti di età inferiore ai 15 anni (si veda il sottoparagrafo “Non prenda okitask”). Altri medicinali e okitask Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro medicinale. Faccia particolare attenzione se sta assumendo i seguenti medicinali: - Difenilidantoina (medicinale per il trattamento dell’epilessia) o sulfamidici (medicinali antibatterici): poiché il legame proteico del ketoprofene è elevato, può essere necessario ridurre il dosaggio di difenilidantoina o sulfamidici se dovessero essere somministrati contemporaneamente. - Litio (medicinale usato per il trattamento della psicosi maniaco-depressiva): la contemporanea somministrazione di FANS provoca aumento dei livelli del litio nel sangue. - Probenecid (medicinale usato per il trattamento della gotta): può aumentare le concentrazioni di ketoprofene nel sangue. - Corticosteroidi (medicinali usati per il trattamento degli stati infiammatori): potrebbe verificarsi un aumento del rischio di ulcerazione gastrointestinale o sanguinamento (si veda il sottoparagrafo “Avvertenze e Precauzioni”). - Pentossifillina (medicinale usato per migliorare la circolazione del sangue negli arti), trombolitici (medicinali che facilitano la dissoluzione dei coaguli di sangue), medicinali antiaggreganti (come l’aspirina, la ticlopidina o il clopidogrel) e altri FANS (compresi gli inibitori selettivi della ciclo ossigenasi 2): possono aumentare il rischio di sanguinamento. - Inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRIs - medicinali antidepressivi): possono aumentare il rischio di emorragia gastrointestinale (si veda il sottoparagrafo “Avvertenze e precauzioni”). - Medicinali anticoagulanti (che fluidificano il sangue) come warfarin o eparina: i FANS possono amplificare gli effetti dei medicinali anticoagulanti (si veda il sottoparagrafo “Avvertenze e precauzioni”). - Diuretici (medicinali utilizzati per aumentare la produzione di urina): se lei sta assumendo diuretici ed è particolarmente disidratato, è maggiormente a rischio di sviluppare insufficienza renale (ridotta funzionalità dei reni). Lei deve essere reidratato prima dell’inizio della terapia concomitante ed è necessario monitorare strettamente la funzionalità dei reni dopo l’inizio del trattamento (si veda il sottoparagrafo “Avvertenze e precauzioni”). I FANS possono ridurre l’effetto dei diuretici. - Altri FANS (compresi gli inibitori selettivi della ciclossigenasi 2) e alte dosi di salicilati: la somministrazione contemporanea di diversi FANS può aumentare il rischio di ulcere gastrointestinali. - Medicinali antipertensivi (usati per il trattamento della pressione sanguigna alta): i FANS possono ridurre l’effetto dei medicinali antipertensivi. - ACE-inibitori e antagonisti dell’angiotensina II: se soffre di compromissione della funzionalità renale (in particolare se è disidratato ed è anziano), la cosomministrazione di un ACE-inibitore o di un antagonista dell’angiotensina II e di FANS può comportare per lei un ulteriore deterioramento della funzionalità dei reni, che comprende una possibile insufficienza renale acuta (riduzione brusca della funzionalità dei reni). La combinazione deve essere somministrata con cautela, specialmente se lei è anziano. Lei deve essere adeguatamente idratato e deve essere preso in considerazione il monitoraggio della funzione renale dopo l’inizio della terapia concomitante.- metotrexato (medicinale indicato nella cura di alcune malattie autoimmuni e di alcuni tumori) usato in dosi superiori a 15 mg/settimana: può esserci un aumento del rischio di tossicità ematologica da metotrexato. - medicinali antinfiammatori: tenga presente eventuali interazioni di okitask con questi medicinali. Gravidanza, allattamento e fertilità Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere questo medicinale. Gravidanza Non usi okitask durante la gravidanza o nel caso sospettasse uno stato di gravidanza. Alcuni studi scientifici suggeriscono un aumentato rischio di aborto e malformazioni cardiache e gastriche nelle prime fasi della gravidanza dopo l’uso di medicinali inibitori della sintesi delle prostaglandine. Non usi okitask durante il primo e secondo trimestre di gravidanza se non in casi strettamente necessari. Se okitask è usato in donne che desiderano una gravidanza o durante il primo e secondo trimestre di gravidanza, il dosaggio deve essere mantenuto il più basso possibile per la durata di trattamento più breve possibile. Non usi okitask durante il terzo trimestre di gravidanza. Durante il terzo trimestre di gravidanza, tutti i medicinali della classe di okitask possono esporre il feto a: - tossicità cardiopolmonare (con chiusura prematura del dotto arterioso e ipertensione polmonare, cioè l’aumento della pressione nel circolo polmonare); - disfunzione renale, che può progredire in insufficienza renale con oligo-idroamnios (quantità di liquido amniotico inferiore al normale); la madre e il neonato, alla fine della gravidanza, a: - possibile prolungamento del tempo di sanguinamento, ed effetto antiaggregante che può verificarsi anche a dosi molto basse; - inibizione delle contrazioni uterine risultanti in ritardo o prolungamento del travaglio. Allattamento Non usi okitask durante l’allattamento. Fertilità Non usi okitask se intende iniziare una gravidanza. Sospenda la somministrazione di okitask se ha problemi di fertilità o se è sottoposta a indagini sulla fertilità. Guida di veicoli e utilizzo di macchinari Se in seguito alla somministrazione di okitask dovessero insorgere sonnolenza, senso di vertigini o convulsioni, eviti di guidare, usare macchinari o di svolgere attività che richiedano particolare vigilanza (si veda il paragrafo 4 “Possibili effetti indesiderati”). 3. Come prendere okitask Prenda questo medicinale seguendo sempre esattamente quanto riportato in questo foglio o le istruzioni del farmacista. Se ha dubbi consulti il farmacista. Le dosi raccomandate sono:Adulti e adolescenti sopra i 15 anni: 1 compressa per somministrazione; eventualmente la somministrazione può essere ripetuta 2-3 volte al giorno, nelle forme dolorose di maggiore intensità. Assuma il medicinale preferibilmente a stomaco pieno, dopo i pasti. Uso nei pazienti con asma, storia di ulcera peptica, malattie del cuore, del fegato o dei reni: la dose deve essere attentamente stabilita dal medico che dovrà valutare un'eventuale riduzione dei dosaggi sopraindicati (vedere “Avvertenze e precauzioni”). Non usi per periodi di tempo prolungati senza il consiglio del medico e non superi le dosi consigliate: in particolare i pazienti anziani dovrebbero attenersi ai dosaggi minimi sopraindicati. Limiti la durata della terapia al superamento dell'episodio doloroso. Consulti il medico se il disturbo si presenta ripetutamente o se ha notato un qualsiasi cambiamento recente delle sue caratteristiche. Se prende più okitask di quanto deve Sono stati riportati casi di sovradosaggio con dosi fino a 2,5 g di ketoprofene. Nella maggior parte dei casi, sono stati osservati sintomi benigni e limitati a letargia, sonnolenza, mal di testa, vertigini, confusione e perdita di coscienza, dolore, nausea, vomito e dolore epigastrico (nella parte superiore dell’addome). Si possono verificare anche emorragia gastrointestinale, ipotensione (abbassamento della pressione del sangue), depressione respiratoria e cianosi (colorazione bluastra della pelle e delle mucose). Non esistono antidoti specifici in caso di sovradosaggio di ketoprofene. In caso di sospetto sovradosaggo massivo si raccomanda una lavanda gastrica e di istituire un trattamento sintomatico e di supporto. In caso di insufficienza renale, l’emodialisi (la dialisi del sangue) può essere utile per rimuovere il medicinale in circolo. In caso di ingestione/assunzione accidentale di una dose eccessiva di okitask avverta immediatamente il medico o si rivolga al più vicino ospedale. Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista. 4. Possibili effetti indesiderati Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino. Gli eventi avversi più comunemente osservati sono di natura gastrointestinale. Possono verificarsi ulcere peptiche, perforazioni o emorragie gastrointestinali, a volte fatali, in particolare negli anziani (si veda il sottoparagrafo “Avvertenze e precauzioni”). La frequenza e l'entità di questi effetti risultano sensibilmente ridotte assumendo il medicinale a stomaco pieno. In casi eccezionali, le manifestazioni di ipersensibilità possono assumere il carattere di reazioni severe dell’organismo: edema (gonfiore) della laringe, edema (gonfiore) della glottide, dispnea (respiro difficoltoso), palpitazione, sino allo shock anafilattico. In questi casi si rende necessaria un’assistenza medica immediata. Le seguenti reazioni avverse sono state osservate con l’uso di ketoprofene negli adulti: Comuni (possono interessare fino a 1 su 10 persone) - dispepsia (cattiva digestione), nausea, dolore addominale, vomito.Non comuni (possono interessare fino a 1 su 100 persone) - mal di testa, vertigini, sonnolenza; - stipsi (stitichezza), diarrea, flatulenza (presenza di gas nell’intestino), gastrite; - rash (eruzione cutanea), prurito; - edema (accumulo di liquidi che causa gonfiore), affaticamento. Rari (possono interessare fino a 1 su 1.000 persone): - anemia emorragica (causata da sanguinamenti); - parestesie (sensazione anomala sulla pelle, formicolio); - visione offuscata (si veda il sottoparagrafo “Avvertenze e precauzioni”); - tinnito (suono nell’orecchio); - asma; - stomatite (infiammazione della mucosa della bocca), ulcera peptica (ulcera gastrica o duodenale); - epatite, aumento delle transaminasi (enzimi epatici), livelli di bilirubina sierica elevati dovuti a disturbi del fegato; - peso aumentato. Frequenza non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili) - trombocitopenia (riduzione del numero di piastrine nel sangue), agranulocitosi (grave riduzione del numero di globuli bianchi nel sangue), insufficienza midollare (riduzione della produzione delle cellule del sangue); - reazioni anafilattiche (compreso lo shock), ipersensibilità (allergia); - alterazioni dell'umore; - convulsioni, disgeusia (alterazione del gusto); - insufficienza cardiaca (cuore debole); - ipertensione (aumento della pressione del sangue), vasodilatazione (dilatazione dei vasi sanguigni); - broncospasmo (restringimento dei bronchi, causando difficoltà a respirare), soprattutto nei pazienti con ipersensibilità accertata all’acido acetilsalicilico e ad altri FANS; rinite, dispnea (respiro difficoltoso), edema (gonfiore) della laringe, edema (gonfiore) della glottide; - esacerbazione di colite e morbo di Crohn, emorragia e perforazione gastrointestinale, stomatite ulcerativa (ulcere nella bocca), melena (emissione nelle feci di sangue digerito), ematemesi (vomitare sangue), ulcera e perforazione duodenale; - reazioni da fotosensibilità (reazione da esposizione alla luce solare o lampade UV), alopecia (perdita di peli e capelli), orticaria, angioedema (gonfiore del volto e delle mucose), eruzioni bollose tra cui sindrome di Stevens-Johnson e necrolisi epidermica tossica (gravi reazioni cutanee), edema (gonfiore), esantema (eruzione cutanea); - insufficienza renale acuta, malattie renali tra cui nefrite tubulo interstiziale, sindrome nefritica, test della funzione renale alterati. Studi clinici e dati epidemiologici suggeriscono che l'uso di alcuni FANS (specialmente ad alti dosaggi e per trattamenti di lunga durata) può essere associato ad un modesto aumento del rischio di eventi trombotici arteriosi (per esempio infarto del miocardio o ictus) (vedere sottoparagrafo “Avvertenze e precauzioni”). Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l'uso della più bassa dose efficace per la più breve durata possibile di trattamento che occorre per controllare i sintomi (si veda il sottoparagrafo “Avvertenze e precauzioni”). Il rispetto delle istruzioni contenute nel foglio illustrativo riduce il rischio di effetti indesiderati.Segnalazione degli effetti indesiderati Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale. 5. Come conservare okitask Tenere questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini. Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla confezione. La data di scadenza si riferisce all’ultimo giorno di quel mese. La data di scadenza si riferisce al prodotto in confezionamento integro, correttamente conservato. Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente. 6. Contenuto della confezione e altre informazioni Cosa contiene okitask - Il principio attivo è ketoprofene sale di lisina. Una compressa contiene 40 mg di ketoprofene sale di lisina, corrispondente a 25 mg di ketoprofene. - Gli altri componenti sono: Nucleo: crospovidone, silice colloidale anidra, sodio dodecil solfato, mannitolo (E421), sodio stearil fumarato Rivestimento: (Opadry II 85 F blu 320 U) alcool polivinilico, macrogol 3350, titanio diossido (E171), talco, blu brillante lacca di alluminio (E133), giallo chinolina lacca di alluminio (E104). Descrizione dell’aspetto di okitask e contenuto della confezione Compresse rivestite con film, per uso orale - confezione da 10 o 20 compresse. Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio e produttore Dompé farmaceutici S.p.A. Via San Martino 12 - 20122 Milano Produttore Abiogen Pharma spa - via Meucci 36 - 56014 Ospedaletto (PI)

ZERINOL 300 MG + 2 MG PARACETAMOLO 20 COMPRESSE RIVESTITE -20%

SANOFI SPA

ZERINOL 300 MG + 2 MG PARACETAMOLO 20 COMPRESSE RIVESTITE

€ 9,10 € 7,30

​​​​​​​ ​​​​​​​​​​​​​​Foglio illustrativo: informazioni per l’utilizzatore Zerinol 300 mg + 2 mg compresse rivestite paracetamolo + clorfenamina maleato Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene importanti informazioni per lei. Prenda questo medicinale sempre come esattamente descritto in questo foglio o come il medico o il farmacista le ha detto di fare. - Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo. - Se desidera maggiori informazioni o consigli, si rivolga al farmacista. - Se si manifesta uno qualsiasi degli effetti indesiderati, tra cui effetti non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4. - Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo 3 giorni. Contenuto di questo foglio: 1. Che cos’è Zerinol e a cosa serve 2. Cosa deve sapere prima di prendere Zerinol 3. Come prendere Zerinol 4. Possibili effetti indesiderati 5. Come conservare Zerinol 6. Contenuto della confezione e altre informazioni 1. Che cos’è Zerinol e a cosa serve Zerinol è un analgesico (allevia il dolore) ed un antipiretico (riduce la febbre) che contiene i principi attivi paracetamolo e clorfenamina maleato. Zerinol si usa per il trattamento dei sintomi dell'influenza e del raffreddore negli adulti. Si rivolga al medico se non si sente meglio o se si sente peggio dopo 3 giorni. 2. Cosa deve sapere prima di prendere Zerinol Non prenda Zerinol - se è allergico al paracetamolo o alla clorfenamina maleato o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6) o verso altri antistaminici (sostanze simili alla clorfenamina, cioè farmaci utilizzati nel trattamento delle allergie); - in gravidanza e allattamento; - se è affetto da grave anemia emolitica (malattia dovuta alla distruzione dei globuli rossi del sangue); - se ha una carenza di un determinato enzima chiamato glucosio-6-fosfato deidrogenasi, la cui mancanza può causare anemia emolitica; - se è affetto da grave insufficienza epatocellulare (malattia associata ad alterazione della funzionalità del fegato); - se è affetto da glaucoma (malattia oculare spesso associata ad un aumento della pressione del liquido all’interno dell’occhio); - in caso di ipertrofia prostatica (malattia caratterizzata da un aumento di volume della prostata); - in caso di ostruzione del collo vescicale (ostruzione della vescica urinaria); - in caso di stenosi piloriche, duodenali e di altri tratti dell’apparato gastrointestinale (malattie gastrointestinali caratterizzate da restringimento di specifiche parti dell’apparato digerente); - in caso di stenosi urogenitale (restringimento a livello degli organi urinari e riproduttivi);- se è o è stato in trattamento nelle due settimane precedenti con inibitori delle monoaminossidasi (IMAO) (vedere paragrafo “Altri medicinali e Zerinol”). Avvertenze e precauzioni Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere Zerinol. Non deve assumere questo medicinale per oltre 3 giorni consecutivi senza consultare il medico. Dopo breve periodo di trattamento senza risultati apprezzabili consulti il medico. Se ha la febbre per più di tre giorni, oppure se i sintomi non migliorano o ne compaiono altri entro tre giorni, oppure sono accompagnati da febbre elevata, esantema (eruzioni cutanee accompagnate da arrossamento della pelle), eccessiva quantità di muco e tosse persistente, consulti il medico che stabilirà la corretta diagnosi. Paracetamolo Durante il trattamento con paracetamolo, prima di assumere qualsiasi altro farmaco, deve controllare che questo non contenga paracetamolo, poiché se il paracetamolo è assunto in dosi elevate, si possono verificare gravi effetti indesiderati (vedere anche il paragrafo “Se prende più Zerinol di quanto deve”). Inoltre, prima di associare qualsiasi altro farmaco, contatti il medico (vedere anche il paragrafo “Altri medicinali e Zerinol”). Prima di iniziare la terapia con Zerinol non assuma farmaci il cui uso associato è sconsigliato (vedere paragrafo “Altri medicinali e Zerinol”). Dosi elevate o prolungate del prodotto possono provocare un'epatopatia (malattia del fegato) ad alto rischio per lei (vedere anche il paragrafo “Se prende più Zerinol di quanto deve”) ed alterazioni a carico del rene e del sangue anche gravi. Poiché sono state osservate reazioni allergiche gravi al paracetamolo (ad esempio shock anafilattico, vedere anche il paragrafo “Possibili effetti indesiderati”), ai primi segni di reazione allergica conseguente all’uso di Zerinol, interrompa il trattamento e consulti il medico. Clorfenamina maleato Zerinol contiene un antistaminico (la clorfenamina). Alle dosi normalmente assunte gli antistaminici presentano effetti indesiderati assai variabili da soggetto a soggetto e da farmaco a farmaco. L'effetto indesiderato più frequente è la sedazione (rilassamento fisico e mentale) che può manifestarsi con sonnolenza (vedere anche i paragrafi “Guida di veicoli e utilizzo di macchinari” e “Effetti indesiderati”). Pazienti con insufficienza renale o epatica (del fegato): se ha un’insufficienza renale o epatica, utilizzi con cautela questo medicinale. Anziani: per la loro maggiore sensibilità verso il farmaco, gli anziani devono attenersi ai dosaggi indicati. Nei pazienti anziani in trattamento con antistaminici si possono verificare con maggiore probabilità effetti quali vertigini, sedazione, confusione e ipotensione. I pazienti anziani sono particolarmente sensibili agli effetti secondari anticolinergici degli antistaminici quali secchezza della bocca e ritenzione urinaria (specialmente negli uomini). Altri medicinali e Zerinol Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro medicinale. Informi il medico se lei è in trattamento con: - rifampicina (un farmaco antibiotico); - cimetidina (un farmaco utilizzato nel trattamento dell’ulcera gastrica); - farmaci antiepilettici (farmaci usati per il trattamento dell’epilessia come glutetimmide, fenobarbital, carbamazepina). Dosi normalmente innocue di paracetamolo possono causare danni al fegato se assunte insieme a questi farmaci. Lo stesso vale per sostanze potenzialmente epatotossiche e in caso di abuso di alcol; - probenecid (farmaco utilizzato per il trattamento della gotta);- anticoagulanti orali (farmaci utilizzati per ridurre o bloccare la formazione di coaguli nel sangue); - cloramfenicolo (un antibiotico); - zidovudina (medicinale usato per il trattamento dei pazienti affetti da HIV); - altre sostanze ad azione anticolinergica (farmaci che bloccano gli effetti dell’acetilcolina, sostanza coinvolta nella trasmissione degli impulsi nervosi); - fenitoina (farmaco usato nel trattamento delle convulsioni). L’efficacia di Zerinol può diminuire in caso di uso abituale di: - farmaci anticonvulsivanti (farmaci usati nel trattamento delle convulsioni, come per esempio nell’epilessia); - contraccettivi orali (pillola); - colestiramina (medicinale impiegato nel trattamento del colesterolo alto); - medicinali che rallentano lo svuotamento gastrico, come per esempio la propantelina, poiché riducono la velocità di assorbimento del paracetamolo e ne ritardano l'insorgenza dell'effetto. Non assuma Zerinol se è in trattamento con: - antidepressivi triciclici (farmaci utilizzati nel trattamento della depressione); - inibitori delle monoaminossidasi (un’altra classe di farmaci antidepressivi come isocarbossazide, fenelzina e tranilcipromina) o nelle due settimane successive a tale trattamento; - neurolettici (farmaci utilizzati per il trattamento di disturbi mentali come le psicosi) - altri farmaci ad azione depressiva sul sistema nervoso centrale (farmaci che hanno un effetto sedativo sul sistema nervoso centrale come barbiturici, sedativi, tranquillanti, ipnotici); - metoclopramide (farmaco che blocca il vomito). È sconsigliabile l'uso del prodotto se lei è in trattamento con antiinfiammatori. Come tutti i preparati contenenti antistaminici, Zerinol può mascherare i primi segni di ototossicità (effetti dannosi a carico dell’orecchio) di certi antibiotici. Interferenza con esami di laboratorio Se deve effettuare esami del sangue, tenga conto che la somministrazione di paracetamolo può interferire con la determinazione della quantità di acido urico (uricemia) e della quantità di zucchero (glicemia) nel sangue. Zerinol con cibi, bevande e alcol Il prodotto può interagire con gli alcolici, pertanto non deve assumere Zerinol contemporaneamente al consumo di alcolici. Gravidanza, allattamento e fertilità Gravidanza e allattamento Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o sta allattando con latte materno non deve usare Zerinol. Fertilità Non sono stati condotti studi con Zerinol per valutare gli effetti sulla fertilità nell’uomo. Guida di veicoli e utilizzo di macchinari Zerinol può dare sonnolenza; di ciò deve essere consapevole se si pone alla guida di veicoli o se pensa di svolgere operazioni che richiedono attenzione e vigilanza. Zerinol compresse rivestite contiene saccarosio Se il medico le ha diagnosticato una intolleranza ad alcuni zuccheri, lo contatti prima di prendere questo medicinale. 3. Come prendere ZerinolPrenda questo medicinale seguendo sempre esattamente quanto riportato in questo foglio o le istruzioni del medico o del farmacista. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista. La dose raccomandata è la seguente: Adulti: 1 compressa 2 volte al giorno. Uso orale. Zerinol compresse rivestite deve essere preso con acqua dopo i pasti. La compressa deve essere inghiottita integra. Attenzione: - non superi le dosi indicate senza il consiglio del medico; - usi questo medicinale solo per brevi periodi di trattamento. Se la febbre persiste o i sintomi non migliorano dopo 3 giorni di trattamento, consulti il medico; - consulti il medico se il disturbo si presenta ripetutamente. Anziani: in particolare gli anziani devono attenersi ai dosaggi indicati. Bambini e adolescenti: la sicurezza e l’efficacia di Zerinol in pazienti di età inferiore a 18 anni non è stata stabilita. Se prende più Zerinol di quanto deve In caso di assunzione di una dose eccessiva di medicinale, potrebbe manifestare sonnolenza, letargia (stato di sonno profondo con ridotta risposta ai normali stimoli), depressione respiratoria (riduzione dell’attività respiratoria). In caso di assunzione di una dose eccessiva di medicinale, il paracetamolo contenuto nello Zerinol può provocare citolisi epatica (distruzione delle cellule del fegato) che potrebbe portare a necrosi massiva (morte delle cellule del fegato). L’N-acetilcisteina (sostanza che depura il fegato), somministrata nelle ore subito seguenti l’assunzione di una dose eccessiva di paracetamolo, è efficace nel limitare il danno al fegato. In caso di ingestione di una dose eccessiva di compresse, si consiglia di provocare il vomito od eventualmente sottoporsi a lavanda gastrica (da effettuare in ospedale da personale specializzato); inoltre, lei dovrà essere tenuto sotto osservazione e praticare una terapia di supporto, secondo quanto stabilito dal medico. In caso di ingestione accidentale di una dose eccessiva di Zerinol avverta immediatamente il medico o si rivolga al più vicino ospedale. Se dimentica di prendere Zerinol Non prenda una dose doppia per compensare la dimenticanza della dose. Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista. 4. Possibili effetti indesiderati Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino. Per i seguenti effetti indesiderati la frequenza non può essere stabilita sulla base dei dati disponibili. Se manifesta uno dei seguenti sintomi, INTERROMPA immediatamente l’uso di Zerinol e si rivolga al medico o al più vicino ospedale dove la sottoporranno ad un appropriato e specifico trattamento: - gravi reazioni cutanee che si manifestano con eruzione della pelle, alcune delle quali fatali (inclusa la sindrome di Stevens-Johnson e necrolisi tossica epidermica, pustolosi esantematica acuta generalizzata); - reazioni allergiche quali: - angioedema (gonfiore improvviso della pelle o delle mucose); - edema alla laringe (rigonfiamento della laringe); - shock anafilattico (grave reazione allergica).Effetti indesiderati a carico del sangue: - trombocitopenia (riduzione del numero di piastrine nel sangue); - leucopenia (riduzione del numero di globuli bianchi nel sangue); - anemia (diminuzione della quantità di emoglobina e dei globuli rossi); - agranulocitosi (riduzione del numero di granulociti nel sangue); - pancitopenia (riduzione del numero di tutte le cellule presenti nel sangue). Disturbi del sistema nervoso quali: - sonnolenza; - astenia (debolezza); - vertigini (capogiri); - cefalea (mal di testa); - incapacità di concentrarsi. Con l’uso di paracetamolo sono state segnalate reazioni della pelle di vario tipo e gravità che includono casi di: - orticaria (comparsa di macchie rosse sulla pelle); - eritema multiforme (infiammazione della pelle); - fotosensibilizzazione (reazione allergica della pelle in seguito ad esposizione alla luce). Altri effetti indesiderati possono essere: - visione offuscata; - ispessimento delle secrezioni bronchiali (muco più denso); - disturbi gastrointestinali quali secchezza della bocca e nausea; - alterazioni della funzionalità del fegato ed epatiti (infiammazioni del fegato); - alterazioni a carico del rene: insufficienza renale acuta (riduzione della funzionalità renale), nefrite interstiziale (infiammazione dei reni), ematuria (presenza di sangue nelle urine), anuria (assenza di urine), ritenzione urinaria. Segnalazione degli effetti indesiderati Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale. 5. Come conservare Zerinol Non è richiesta alcuna condizione particolare di conservazione. Conservi questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini. Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla scatola dopo Scad. La data di scadenza si riferisce all’ultimo giorno di quel mese. Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente. 6. Contenuto della confezione e altre informazioni Cosa contiene Zerinol compresse rivestite - i principi attivi sono: paracetamolo 300 mg; clorfenamina maleato 2 mg pari a clorfenamina 1,41 mg;- gli altri componenti sono: amido di mais, cellulosa microcristallina, povidone, magnesio stearato, carmellosa sodica, talco, saccarosio, gelatina, macrogol 6000, calcio carbonato, clorofilla idrosolubile, gomma arabica, cera carnauba. Descrizione dell’aspetto di Zerinol e contenuto della confezione Zerinol si presenta in forma di compresse rivestite. Il contenuto della confezione è di 20 compresse rivestite, confezionate in 2 blister. Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio Sanofi S.p.A. Viale L. Bodio, 37/B 20158 Milano (Italia) Produttore Istituto De Angeli S.r.l. – Loc. Prulli n. 103/c – 50066 Reggello (FI)

NOSTIP COMPRESSE - PER FAVORIRE IL TRANSITO INTESTINALE -10%

FARMA-DERMA SRL

NOSTIP COMPRESSE - PER FAVORIRE IL TRANSITO INTESTINALE

€ 9,50 € 8,55

Integratore alimentare di Rabarbaro, Frangula, Malva, Cannella, che contribuiscono a regolare il transito intestinale. Il Rabarbaro, la Malva, la Frangula regolano il transito intestinale. La Cannella ha funzione digestiva e regola l'eliminazione dei gas intestinali. I Chiodi di garofano regolano la motilità gastrointestinale e l'eliminazione dei gas. Ingredienti: Agente di carica: cellulosa microcristallina; Senna (Senna Alexandrina Mill.) bacello estratto secco titolato al 18%-22% sennosidi, Malva (Malva Sylvestris L.) foglie polvere, Senna (Senna Alexandrina Mill.) foglie polvere titolato al 2,5% sennosidi, Frangula (Rhamnus Frangula L.) corteccia polvere titolato al 6% glucotranguline, rabarbaro (Rheum Palmatum L.) radice estratto secco titolato al 5% reina, Chiodi di garofano (Syzygium Aromaticum L.) Merr.et L.M. Perry) bocci fiorali polvere, cannella (Cinnamomum Zeylanicum Nees) corteccia in polvere, antiagglomeranti: sodio carbossimetilcellulosa reticolata, magnesio stearato vegetale, biossido di silicio.   per compressa Senna estratto secco 50 mg Senna polvere 40 mg Frangula polvere 34 mg Rabarbaro estratto secco 20 mg Apporto totale derivati idrossiantracenici 14 mg Malva polvere 50 mg Garofano chiodi polvere 10 mg Cannella polvere 10 mg Modalità d'uso: 1-2 compresse con acqua, preferibilmente la sera dopo cena. Avvertenze: Non superare la dose giornaliera consigliata. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano. Tenere fuori dalla portata dei bambini di età inferiore ai 3 anni. Non somministrare al di sotto dei 10 anni. Se ne sconsiglia l'utilizzo in gravidanza ed allattamento. Conservazione: Conservare in un luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce. La data di scadenza si riferisce al prodotto correttamente conservato in confezione integra. Formato: 24 compresse da 400 mg

NUROFEN COMPRESSE RIVESTITE A BASE DI IBUPROFENE 200MG -20%

RECKITT BENCKISER SPA

NUROFEN COMPRESSE RIVESTITE A BASE DI IBUPROFENE 200MG

€ 4,75 € 3,80

​​​​​​​ ​​​​​​​Foglio illustrativo: informazioni per il paziente NUROFEN 200 mg compresse rivestite NUROFEN 400 mg compresse rivestite Ibuprofene Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene importanti informazioni per lei. Prenda questo medicinale sempre come esattamente descritto in questo foglio o come il medico o il farmacista le ha detto di fare. - Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo. - Se desidera maggiori informazioni o consigli, si rivolga al farmacista. - Se si manifesta uno qualsiasi degli effetti indesiderati, tra cui effetti non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4. - Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo:  3 giorni negli adolescenti al di sopra dei 12 anni  un breve periodo di trattamento negli adulti. Contenuto di questo foglio: 1 Che cos’è Nurofen e a cosa serve 2 Cosa deve sapere prima di prendere Nurofen 3 Come prendere Nurofen 4 Possibili effetti indesiderati 5 Come conservare Nurofen 6 Contenuto della confezione e altre informazioni 1 Che cos’è Nurofen e a cosa serve Nurofen contiene ibuprofene che appartiene ad un gruppo di medicinali chiamati farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) la cui azione permette di ridurre il dolore e il gonfiore provocati dall’infiammazione e la febbre. Nurofen è indicato negli adulti e negli adolescenti al di sopra dei 12 anni per il trattamento di dolori di varia natura: mal di testa, mal di denti, nevralgie, dolori a muscoli, ossa e articolazioni, dolori mestruali. Nurofen è indicato anche come coadiuvante per il trattamento sintomatico degli stati febbrili ed influenzali. 2 Cosa deve sapere prima di prendere Nurofen Non prenda Nurofen se: • è allergico all’ibuprofene o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6); • ha manifestato in passato reazioni allergiche quali difficoltà respiratorie (broncospasmo, asma), rinite (naso che cola), gonfiore di viso, labbra e gola (angioedema) o orticaria dopo aver assunto ibuprofene, acido acetilsalicilico o altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS); • soffre di grave malattia dei reni o del fegato (insufficienza renale o epatica); • soffre di una grave malattia del cuore (insufficienza cardiaca grave); • ha sofferto di sanguinamento o perforazione dello stomaco in seguito a precedenti trattamenti a base di FANS; • soffre o ha sofferto di ulcere gastriche/duodenali (ulcere peptiche) o emorragie in atto o ricorrenti(almeno due episodi distinti di dimostrata ulcerazione o sanguinamento); • è nell’ultimo trimestre di gravidanza.Non somministri Nurofen nei bambini al di sotto di 12 anni di età Avvertenze e precauzioni Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere Nurofen se: • sta assumendo altri farmaci utilizzati per il trattamento del dolore, per abbassare la febbre e/o per curare l’infiammazione (antiinfiammatori non-steroidei, FANS compresi inibitori della COX-2) (vedere paragrafo “Altri medicinali e Nurofen”); • è anziano e/o ha sofferto di disturbi allo stomaco e all’intestino (storia di ulcera), soprattutto se complicati da sanguinamento o perforazione in quanto si può verificare un aumento di emorragie e perforazioni gastrointestinali. In questi casi, il medico le consiglierà di iniziare il trattamento con la più bassa dose disponibile ed eventualmente l’uso concomitante di medicinali che proteggono lo stomaco (misoprostolo o inibitori di pompa protonica). Questo deve essere considerato anche se si assumono basse dosi di aspirina o altri farmaci che possono aumentare il rischio di malattie di stomaco e intestino (vedere paragrafo “Altri medicinali e Nurofen”). Durante il trattamento con tutti i FANS, in qualsiasi momento, con o senza sintomi di preavviso o precedente storia di gravi eventi gastrointestinali, possono verificarsi sanguinamento, ulcerazione e perforazione dello stomaco o dell’intestino, che possono essere fatali. Pertanto informi il medico di qualsiasi sintomo gastrointestinale non comune (soprattutto sanguinamento gastrointestinale) in particolare nelle fasi iniziali del trattamento. Se si verifica sanguinamento o ulcerazione gastrointestinale, sospenda il trattamento con Nurofen e contatti il medico; • soffre o ha sofferto di una malattia infiammatoria dell’intestino (colite ulcerosa, morbo di Crohn); • sta assumendo medicinali che potrebbero aumentare il rischio di ulcerazione o sanguinamento, come medicinali utilizzati per trattare l’infiammazione e alcune malattie del sistema immunitario (corticosteroidi orali ), anticoagulanti come il warfarin, medicinali che possono avere un effetto antiaggregante come l’aspirina, medicinali per trattare la depressione (inibitori selettivi del reuptake della serotonina) (vedere paragrafo “Altri medicinali e Nurofen”); • soffre di pressione alta e/o grave malattia del cuore (insufficienza cardiaca) poiché, in associazione alla terapia con FANS, sono state riportate ritenzione idrica, pressione alta e gonfiore; • soffre di ridotta funzionalità del fegato e/odei reni , in quanto l’uso abituale di medicinali analgesici come Nurofen può portare a gravi problemi renali permanenti (con possibile insorgenza di insufficienza renale). Il medico le consiglierà di eseguire delle analisi periodiche durante il trattamento; • manifesta reazioni cutanee (dermatite esfoliativa, sindrome di Stevens–Johnson e necrolisi tossica epidermica). Interrompa il trattamento con Nurofen e contatti il medico alla prima comparsa di eruzioni cutanee, lesioni della mucosa o qualsiasi altro segno di ipersensibilità (vedere paragrafo “Possibili effetti indesiderati”). • soffre o ha sofferto di asma (difficoltà a respirare) o reazioni allergiche in quanto potrebbe avere mancanza di respiro; • soffre di problemi di coagulazione; • soffre di malattia cronica di tipo autoimmune che causa disturbi in varie parti del corpo, in particolare della pelle (lupus eritematoso sistemico) o da malattia mista del connettivo, in quanto aumenta il rischio di meningite asettica. I farmaci antinfiammatori/antidolorifici come ibuprofene possono essere associati a un modesto aumento del rischio di attacco cardiaco o ictus, specialmente se somministrati in dosi elevate. Non superare la dose raccomandata o la durata del trattamento. Deve discutere la terapia con il medico o farmacista prima di prendere Nurofen se ha: - problemi cardiaci inclusi attacco cardiaco, angina (dolore al petto) o se ha precedenti di attacco cardiaco, intervento di bypass coronarico, malattia arteriosa periferica (scarsa circolazione alle gambe o ai piedi dovuta a restringimento oppure ostruzione delle arterie) oppure qualunque tipo di ictus (incluso ‘mini-ictus’ o "TIA", attacco ischemico transitorio);- pressione alta, diabete, colesterolo alto, storia familiare di malattia cardiaca o ictus, oppure se è un fumatore. Bambini e adolescenti Non dia questo medicinale ai bambini di età inferiore ai 12 anni. E’ richiesta cautela negli adolescenti (12-18 anni) disidratati poiché esiste il rischio di alterazione della funzionalità renale. Altri medicinali e Nurofen Informi il medico o il farmacista se sta usando, ha recentemente usato o potrebbe usare qualsiasi altro medicinale. Nurofen può influenzare o essere influenzato da altri medicinali, in particolare informi il medico se sta assumendo: • altri medicinali utilizzati per il trattamento del dolore, per abbassare la febbre, e/o per curare l’infiammazione (antiinfiammatori non-steroidei, FANS compresi inibitori della COX-2 o acido acetilsalicilico), poiché aumentano il rischio di possibili effetti indesiderati. • medicinali utilizzati per trattare l’infiammazione e alcune malattie del sistema immunitario (corticosteroidi); • medicinali utilizzati per trattare le infezioni causate da batteri (antibiotici chinolonici); • medicinali che hanno un effetto anticoagulante (vale a dire sostanze che fluidificano il sangue impedendo la formazione di coaguli, es. aspirina/acido acetilsalicilico, warfarin, ticlopidina) • medicinali utilizzati per il trattamento della depressione come gli inibitori selettivi del reuptake della serotonina; • un medicinale per trattare l’AIDS (zidovudina); • medicinali che modulano la risposta immunitaria (tacrolimus e ciclosporina); • un medicinale utilizzato nella cura del cancro e dei reumatismi (metotressato); • un medicinale usato per malattie mentali (litio); • un medicinale per l’interruzione della gravidanza (mifepristone): non assuma FANS negli 8-12 giorni successivi all’assunzione di mifepristone; • medicinali che riducono la pressione alta (ACE-inibitori come captopril, betabloccanti come atenololo, antagonisti dell’angiotensina II come losartan) e diuretici; • medicinali utilizzati per trattare malattie del cuore (glicosidi cardiaci). Anche alcuni altri medicinali possono influenzare o essere influenzati dal trattamento con Nurofen. Pertanto consulti sempre il medico o il farmacista prima di usare Nurofen con altri medicinali. Nurofen con cibi e bevande Se soffre di disturbi di stomaco, prenda Nurofen preferibilmente a stomaco pieno. Gravidanza, allattamento e fertilità Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere questo medicinale. Gravidanza Non assuma questo medicinale durante gli ultimi 3 mesi di gravidanza perché può causare problemi al suo bambino e durante il parto. Eviti l’uso di questo medicinale durante i primi 6 mesi di gravidanza se non strettamente necessario. In tal caso, usi la dose più bassa e per il più breve tempo possibile. Allattamento Questo medicinale passa in piccole quantità nel latte materno. Può essere usato durante l’allattamento se assunto alle dosi consigliate e per brevi periodi di tempo. Fertilità Eviti l’assunzione del medicinale se sta cercando una gravidanza poiché può avere un effetto sull’ovulazione. Questo effetto scompare con l’interruzione del trattamento.Guida di veicoli e utilizzo di macchinari Nurofen non altera o altera in modo trascurabile la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari, se preso per brevi periodi di trattamento. Nurofen 200 mg compresse rivestite contiene: • saccarosio: se il medico le ha diagnosticato un’intolleranza ad alcuni zuccheri, lo contattati prima di prendere questo medicinale. • sodio: Questo medicinale contiene meno di 1 mmol (23 mg) di sodio per compressa, cioè è praticamente ‘senza sodio’ Nurofen 400 mg compresse rivestite contiene: • saccarosio: se il medico le ha diagnosticato un’intolleranza ad alcuni zuccheri, lo contattati prima di prendere questo medicinale. • sodio: Questo medicinale contiene 25,1 mg di sodio per compressaDa tenere in considerazione in persone con ridotta funzionalità renale o che seguono una dieta a basso contenuto di sodio. 3 Come prendere Nurofen Prenda questo medicinale seguendo sempre esattamente quanto riportato in questo foglio o le istruzioni del medico, o del farmacista. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista. La dose raccomandata è: Nurofen 200 mg compresse rivestite Età Adolescenti sopra i 12 anni e adulti; DOSE singola 1 – 2 compresse; Dose totale giornaliera 1-2 compresse, 2-3 volte al giorno. L’intervallo tra le dosi non deve essere inferiore alle 4 ore. Non superi la dose di 1200 mg (6 compresse) nelle 24 ore. Nurofen 400 mg compresse rivestite Età Adolescenti sopra i 12 anni e adulti; Dose singola 1 compressa; Dose totale giornaliera 1 compressa, 2-3 volte al giorno. L’intervallo tra le dosi non deve essere inferiore alle 4 ore. Non superi la dose di 1200 mg (3 compresse) nelle 24 ore. ​​​​​​​Uso nei bambini e negli adolescenti: Nurofen non deve essere assunto da bambini di età inferiore a 12 anni. Uso negli anziani: Non sono richieste modifiche della dose Se soffre di disturbi di stomaco, prenda Nurofen preferibilmente a stomaco pieno. Nurofen deve essere assunto per trattamenti di breve durata.Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l’uso della dose minima efficace per la durata di trattamento più breve possibile necessaria per controllare i sintomi. Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo:  3 giorni negli adolescenti al di sopra dei 12 anni  un breve periodo di trattamento negli adulti. Se usa più Nurofen di quanto deve Se assume un dosaggio eccessivo (sovradosaggio) di ibuprofene può presentare più comunemente i seguenti sintomi: nausea, vomito, mal di pancia, stato di sonno profondo con ridotta risposta ai normali stimoli (letargia), sonnolenza, mal di testa, vertigini, ronzio nelle orecchie (tinnito), movimenti incontrollati del corpo (convulsioni) e perdita di coscienza. I sintomi di un sovradosaggio possono manifestarsi entro 4 – 6 ore dall’assunzione di ibuprofene. Raramente può presentare: movimenti incontrollati degli occhi (nistagmo), aumento degli acidi nel sangue (acidosi metabolica), abbassamento della temperatura del corpo (ipotermia), effetti a carico del rene, sanguinamento dello stomaco e dell’intestino, profonda perdita di coscienza (coma), interruzione momentanea del respiro (apnea), diarrea, riduzione dell’attività del sistema nervoso (depressione del Sistema Nervoso Centrale) e dell’attività respiratoria (depressione del sistema respiratorio). Inoltre, può manifestare anche: disorientamento, stato di eccitazione, svenimento, abbassamento della pressione del sangue (ipotensione), diminuzione o aumento dei battiti del cuore (bradicardia o tachicardia). Se assume dosi significativamente elevate di ibuprofene può manifestare gravi danni a carico dei reni e del fegato. In caso di ingestione/assunzione accidentale di una dose eccessiva di Nurofen avverta immediatamente il medico o si rivolga al più vicino ospedale. Se dimentica di prendere Nurofen Non prenda una dose doppia per compensare la dimenticanza della compressa. Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista. 4 Possibili effetti indesiderati Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino. Se manifesta uno dei seguenti effetti indesiderati INTERROMPA il trattamento e si rivolga al medico: • gravi alterazioni della pelle e delle mucose caratterizzate da eruzioni, arrossamento, prurito e bolle (dermatiti bollose ed esfoliative che includono eritema multiforme, sindrome di StevensJohnson e necrolisi tossica epidermica) • reazioni allergiche, anche gravi, che possono comprendere: orticaria, prurito, porpora, gonfiore di viso, bocca e gola (angioedema), difficoltà a respirare (broncospasmo o dispnea), alterati battiti del cuore (tachicardia), bassa pressione del sangue (ipotensione), anafilassi, shock e peggioramento dell’asma. Gli ulteriori effetti indesiderati comprendono: Non Comune (possono interessare fino a 1 persona su 100): • disturbi allo stomaco, come bruciore, dolore di stomaco e nausea • mal di testa • vertigini • eruzioni cutaneeRaro (possono interessare fino a 1 persona su 1.000): • diarrea, vomito, flatulenza, stitichezza Molto raro (possono interessare fino a 1 persona su 10000): • ulcere peptiche, perforazione e sanguinamento dello stomaco e dell’intestino, feci nere e vomito di sangue • lesioni con sanguinamento della bocca, bruciore di stomaco (gastrite) • grave malattia del cuore (insufficienza cardiaca), edema e pressione del sangue alta (ipertensione) • gravi malattie dei reni (insufficienza renale, necrosi papillare) particolarmente a seguito di trattamenti a lungo termine, associati ad un aumento della concentrazione di urea nel sangue (i primi segni sono: urinare in quantità inferiore al normale, malessere generale). • danni al fegato specialmente a seguito di trattamenti a lungo termine • riduzione del numero delle cellule del sangue (anemia, leucopenia, piastrinopenia, pancitopenia, agranulocitosi) – i primi segni sono: febbre, mal di gola, ulcere superficiali della bocca, sintomi simil-influenzali, grave stanchezza, sanguinamento di naso e pelle, lividi sulla pelle (ematomi) • meningite asettica con sintomi come torcicollo, mal di testa, nausea, vomito, febbre o disorientamento (più frequente se è affetto da lupus eritematoso sistemico o malattia mista del connettivo) • diminuzione dei livelli di emoglobina nel sangue • disturbi visivi Non noto (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili): • disturbi del tratto respiratorio che comprendono asma, peggioramento dell’asma, respiro affannoso (broncospasmo) e difficoltà a respirare (dispnea) • peggioramento di malattie infiammatorie dell’intestino (colite e morbo di Chron) L’uso di ibuprofene, specialmente ad alte dosi (2400 mg/die) può essere associato a un modesto aumento del rischio di attacco cardiaco (infarto del miocardio) o ictus. Segnalazione degli effetti indesiderati Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo: www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale. 5 Come conservare Nurofen Conservi questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini. Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza riportata sulla confezione dopo Scad.. La data di scadenza si riferisce all’ultimo giorno di quel mese. Nurofen 200 mg compresse rivestite: nessuna particolare condizione di conservazione. Nurofen 400 mg compresse rivestite: conservi ad una temperatura non superiore ai 30°C. Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente. 6 Contenuto della confezione e altre informazioni Cosa contiene Nurofen 200 mg compresse rivestite- Il principio attivo è l’ibuprofene. Ogni compressa contiene 200 mg di ibuprofene. - Gli altri componenti sono: saccarosio, croscarmellosa sodica, sodio laurilsolfato, sodio citrato, carmellosa sodica, acido stearico, silice colloidale anidra, talco, gomma arabica nebulizzato essiccato, titanio biossido, macrogol 6000, inchiostro (gomma lacca, ossido di ferro nero E172, glicole propilenico E1520). Cosa contiene Nurofen 400 mg compresse rivestite - Il principio attivo è l’ibuprofene. Ogni compressa contiene 400 mg di ibuprofene. - Gli altri componenti sono: saccarosio, croscarmellosa sodica, sodio laurilsolfato, sodio citrato, carmellosa sodica, acido stearico, silice colloidale anidra, talco, gomma arabica nebulizzato essiccato, titanio biossido, macrogol 6000, inchiostro (gomma lacca, ossido di ferro rosso (E 172), glicole propilenico (E1520), ammonio idrossido (E527), simeticone). Descrizione dell’aspetto di Nurofen e contenuto della confezione Nurofen si presenta in forma di compresse rivestite. Il contenuto della confezione è di 12 o 24 compresse. È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate. Titolare dell’Autorizzazione all’Immissione in Commercio e produttore Reckitt Benckiser Healthcare International Ltd – 103-105 Bath Road, Slough SL1 3UH, Berkshire (UK) Rappresentante per l'Italia: Reckitt Benckiser Healthcare (Italia) S.p.A. – via G. Spadolini 7 – 20141 Milano Produttore Reckitt Benckiser Healthcare International Ltd – Nottingham Site, Thane Road, Nottingham NG90 2DB (UK)

NUROFENTEEN 12 COMPRESSE OROSOLUBILI GUSTO LIMONE 200 MG -20%

RECKITT BENCKISER SPA

NUROFENTEEN 12 COMPRESSE OROSOLUBILI GUSTO LIMONE 200 MG

€ 7,90 € 6,30

​​​​​​​Foglio illustrativo: informazioni per l’utilizzatore NUROFENTEEN 200 mg compresse orodispersibili limone Ibuprofene Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale poiché contiene importanti informazioni per lei. Prenda questo medicinale sempre come esattamente descritto in questo foglio o come il medico o farmacista le ha detto di fare. - Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo. - Se desidera maggiori informazioni o consigli, si rivolga al farmacista. - Se si manifesta uno qualsiasi degli effetti indesiderati, tra cui effetti non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4. - Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi_ o Dopo 3 giorni negli adolescenti o Dopo 3 giorni se soffre di febbre o dopo 4 giorni se soffre di dolore negli adulti. In questo foglio illustrativo 1 Che cos’è NUROFENTEEN e a che cosa serve 2 Cosa deve sapere prima di prendere NUROFENTEEN 3 Come prendere NUROFENTEEN 4 Possibili effetti indesiderati 5 Come conservare NUROFENTEEN 6 Ulteriori informazioni 1 Che cos’è NUROFENTEEN e a che cosa serve NUROFENTEEN contiene 200 mg di ibuprofene. L’ibuprofene appartiene ad un gruppo di medicine chiamato Farmaci Antinfiammatori Non Steroidei (FANS). Questi medicinali agiscono cambiando la risposta corporea a dolore, gonfiore e alta temperatura. NUROFENTEEN è usato per • alleviare i sintomi del dolore da lieve a moderato come mal di testa, mal di denti e dolori mestruali • ridurre la febbre 2. Cosa deve sapere prima di prendere NUROFENTEEN Non prenda NUROFENTEEN se: • E’ allergico (ipersensibile) all’ibuprofene o ad uno qualsiasi degli altri componenti di NUROFENTEEN (elencati al paragrafo 6) • ha sofferto di difficoltà respiratoria, asma, rinite, gonfiore di volto e/o mani o orticaria dopo aver assunto ibuprofene, acido acetilsalicilico o altri analgesici simili (FANS)• soffre di grave insufficienza epatica, grave insufficienza renale o grave insufficienza cardiaca • ha (o ha avuto) due o più episodi di ulcera allo stomaco o di sanguinamento dello stomaco • ha avuto sanguinamento o perforazione gastrointestinale in seguito a precedenti trattamenti con FANS • ha emorragia cerebrovascolare o altri tipi di sanguinamento in fase attiva • soffre di disturbi non chiariti della formazione del sangue • soffre di grave disidratazione (causata da vomito, diarrea o insufficiente assunzione di liquidi) • è negli ultimi 3 mesi di gravidanza (vedere sotto). Avvertenze e precauzioni Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere NUROFENTEEN • se soffre di alcune malattie della pelle (lupus eritematoso sistemico (LES) o malattia mista del connettivo), • se soffre di gravi reazioni cutanee come dermatite esfoliativa, sindrome di Stevens-Johnson e necrolisi epidermica tossica. L’uso di NUROFENTEEN deve essere immediatamente sospeso ai primi segnali di reazioni cutanee, lesioni alle mucose o qualsiasi altro segnale di reazione allergica. • se soffre di una patologia ereditaria della formazione del sangue (Porfiria acuta intermittente) • se ha problemi di coagulazione del sangue • se soffre o ha sofferto di disturbi del tratto gastrointestinale (colite ulcerativa o morbo di Crohn). • se soffre di ridotta funzionalità renale. • se soffre di disordini epatici. • se sta pianificando una gravidanza. • Se soffre o ha sofferto di asma o di malattie allergiche, in quanto potrebbe avere mancanza di respiro. • Se soffre di febbre da fieno, polipi nasali o patologie respiratorie ostruttive croniche, in quanto esiste un aumentato rischio di sviluppare reazioni allergiche. Le reazioni allergiche si possono manifestare sotto forma di attacchi d’asma (cosiddetta asma da analgesici), gonfiore della pelle (edema di Quincke) od orticaria. • Si consiglia di evitare di prendere NUROFENTEEN se ha la varicella. • Se si assume NUROFENTEEN per lunghi periodi di tempo, è necessario effettuare regolarmente gli esami per valutare la funzionalità epatica e la funzionalità renale, ed effettuare la conta delle cellule del sangue. • gli effetti indesiderati possono essere minimizzati usando la dose minima efficace per il minor tempo possibile • gli anziani hanno maggior rischio di sviluppare reazioni avverse.• In generale, l’uso abituale di (diversi tipi di) analgesici può portare a gravi problemi renali permanenti. Questo rischio può aumentare in caso di sforzo fisico associato a perdita di sali e disidratazione. Pertanto deve essere evitato. • L’uso prolungato di qualsiasi tipo di analgesico per il mal di testa può peggiorarne i sintomi. Se ciò si verifica o si sospetta questa situazione deve interrompere l’assunzione di NUROFENTEEN e consultare il medico. La diagnosi di mal di testa da abuso di medicinali (MOH) deve essere sospettata in pazienti che hanno mal di testa frequenti o giornalieri nonostante (o a causa di) l’uso regolare di medicinali analgesici • L’assunzione in associazione con altri FANS, inclusi gli inibitori selettivi della ciclossigenasi 2, può aumentare il rischio di effetti indesiderati e deve essere evitato (vedere paragrafo “Assunzione di altri medicinali”) • Negli adolescenti disidratati esiste il rischio di compromissione renale. • Particolare attenzione è richiesta se ha recentemente subito un intervento di chirurgia maggiore • I FANS possono mascherare i sintomi di infezioni e febbre. • I farmaci antinfiammatori/antidolorifici come ibuprofene possono essere associati a un modesto aumento del rischio di attacco cardiaco o ictus, specialmente se somministrati in dosi elevate. Non superare la dose o la durata del trattamento raccomandata. Deve discutere la terapia con il medico o farmacista prima di prendere NUROFENTEEN se ha: - problemi cardiaci inclusi attacco cardiaco, angina (dolore al petto) o se ha precedenti di attacco cardiaco, intervento di bypass coronarico, malattia arteriosa periferica (scarsa circolazione alle gambe o ai piedi dovuta a restringimento oppure ostruzione delle arterie) oppure qualunque tipo di ictus (incluso ‘mini-ictus’ o "TIA", attacco ischemico transitorio); - pressione alta, diabete, colesterolo alto, storia familiare di malattia cardiaca o ictus, oppure se è un fumatore. Assunzione di altri medicinali Informi il medico o il farmacista se sta usando, ha recentemente usato o potrebbe usare qualsiasi altro medicinale. NUROFENTEEN può influenzare o essere influenzato da altri medicinali. Ad esempio:- medicinali che hanno un effetto anticoagulante (vale a dire sostanze che fluidificano il sangue impedendo la formazione di coaguli, es. aspirina/acido acetilsalicilico, warfarin, ticlopidina) - medicinali che riducono la pressione alta (ACE-inibitori come captopril, betabloccanti come atenololo, antagonisti dei recettori dell'angiotensina II come losartan) Anche alcuni altri medicinali possono influenzare o essere influenzati dal trattamento con NUROFENTEEN. Informi il medico o il farmacista se sta assumendo o ha recentemente assunto qualsiasi altro medicinale, compresi quelli senza obbligo di prescrizione medica. In particolare informi il medico o il farmacista se sta assumendo: Digossina (per insufficienza cardiaca). L’effetto della digossina può essere potenziato; Glucocorticoidi (medicinali contenenti cortisone o sostanze simili al cortisone) Possono aumentare il rischio di ulcere e sanguinamenti gastrointestinali; Agenti antiaggreganti gastrointestinali Agenti antiaggreganti Possono aumentare il rischio di sanguinamenti;  Fenitoina (per l’epilessia) L’effetto della fenitoina può essere potenziato;  Inibitori selettivi del reuptake della serotonina (medicinali per la depressione) Possono aumentare il rischio di sanguinamento gastrointestinale; Litio (un medicinale usato per malattie maniaco-depressive e depressione) L’effetto del litio può essere potenziato; Probenecid e sulfinpirazoni (medicinali per la gotta) Possono ritardare l’eliminazione dell’ibuprofene da parte del corpo; Diuretici risparmiatori di potassio Possono portare a elevati livelli di potassio nel sangue (iperkaliemia); Metotrexato (un medicinale per il cancro o i reumatismi) L’effetto del metotrexato può essere potenziato; Tacrolimus e ciclosporina (medicinali immunosoppressori) Si può verificare danno renale; Zidovudina (un medicinale per iltrattamento dell’HIV/Aids) L’uso di NUROFENTEEN puòportare ad un aumento del rischio di sanguinamento nelle articolazioni o ad un sanguinamento che provoca gonfiore in pazienti emofilici sieropositivi per l’HIV; Sulfoniluree (medicinali antidiabetici) Sono possibili interazioni ; Antibiotici chinolonici Possono aumentare il rischio di convulsioni (crisi); Inibitori del CYP2C9 La somministrazione concomitante di ibuprofene e inibitori del CYP2C9 può aumentare l’esposizione all’ibuprofene (substrato del CYP2C9). In uno studio con voriconazolo e fluconazolo (inibitori del CYP2C9), si è osservata una aumentata esposizione al S(+)–ibuprofene da approssimativamente l’80% al 100%. Si deve prendere in considerazione la riduzione della dose di ibuprofene quando si somministrano concomitantemente forti inibitori del CYP2C9, in particolar modo quando dosi elevate di ibuprofene vengono somministrate con voriconazolo o fluconazolo.; Altri FANS che includono gli inibitori selettivi della ciclossigenasi 2 Possono aumentare il rischio di ulcere e sanguinamenti gastrointestinali; Acido acetilsalicilico (a basso dosaggio) L’effetto fluidificante del sangue può essere compromesso; Medicinali per fluidificare il sangue (come warfarin) L’ibuprofene può potenziare gli effetti di questi medicinali; Medicinali per la pressione sanguigna alta e diuretici L’ibuprofene può ridurre l’effetto di questi medicinali e potrebbe aumentare il rischio per i reni. Assunzione di NUROFENTEEN con cibo e bevande Si raccomanda l’assunzione di NUROFENTEEN a stomaco pieno nei soggetti con ipersensibilità gastrica. Gravidanza, allattamento e fertilità Gravidanza Non assuma questo medicinale durante gli ultimi 3 mesi di gravidanza. Eviti l’uso di questo medicinale durante i primi 6 mesi di gravidanza se non prescritto dal medico. Allattamento Questo medicinale passa nel latte materno, ma può essere usato durante l’allattamento se assunto alle dosi raccomandate e per brevi periodi di tempo. Chiedere consiglio al medico o al farmacista prima di assumere qualunque medicinale. Fertilità Eviti l’assunzione del medicinale se sta pianificando una gravidanza. Guida di veicoli e utilizzo di macchinari Per brevi periodi di trattamento, questo medicinale non altera o altera in modo trascurabile la capacità di guidare e usare macchinari. Importanti informazioni su alcuni componenti di NUROFENTEEN Questo medicinale contiene aspartame, una fonte di fenilalanina che può essere pericoloso per chi soffre di fenilchetonuria. 3. Come prendere NUROFENTEEN NUROFENTEEN non dovrebbe essere assunto da bambini di età inferiore a 12 anni. Negli adolescenti: Nel caso l’uso del medicinale sia necessario per più di 3 giorni negli adolescenti, o nel caso di peggioramento della sintomatologia, deve essere consultato il medico. Negli adulti: Deve consultare il medico se i sintomi peggiorano o non migliorano dopo 3 giorni di trattamento in caso di febbre o dopo 4 giorni in caso di dolore. Prenda NUROFENTEEN seguendo sempre espressamente indicato quanto riportato in questo foglio. Sa ha dubbi consulti il medico o il farmacista. Se non diversamente prescritto dal medico, la dose standard è: Età Adolescent i sopra i 12 anni e adulti; Dose singola (compres se orodisper sibili) 1 – 2 ; Dose totale giornaliera (compresse orodispersibili) Dose iniziale 1-2 compresse orodispersibili (da 200 mg a 400mg di ibuprofene) quindi, se necessario 1 o 2 compresse orodispersibili (200 mg o 400 mg di ibuprofene) ogni 4-6 ore. Non assuma più di 6 compresse orodispersibili (1200 mg di ibuprofene) nelle 24 ore. ​​​​​​​Lasciare dissolvere le compresse orodispersibili sulla lingua e ingoiare la massa disciolta delle compresse. L’assunzione di liquidi non è necessaria. Si rivolga al medico o al farmacista se gli effetti di questo medicinale sono superiori o inferiori a quelli attesi. Se prende più NUROFENTEEN di quanto deve Consulti un medico immediatamente. Possono verificarsi i seguenti sintomi: nausea, vomito, dolore di stomaco o più raramente diarrea. In aggiunta mal di testa, emorragia gastrointestinale, vertigini, capogiri, sonnolenza, nistagmo, visione offuscata, tintinnii nelle orecchie, pressione sanguigna bassa, eccitazione, disorientamento, coma, convulsioni, perdita di coscienza, iperkaliemia, acidosi metabolica, aumento del tempo di protrombina/INR, insufficienza renale acuta, danno epatico, depressione respiratoria, cianosi e peggioramento dell’asma in soggetti asmatici. Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista. 4. Possibili effetti indesiderati Come tutti i medicinali, NUROFENTEEN può causare effetti indesiderati, sebbene non tutte le persone li manifestino. Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati usando la dose minima efficace per il minor tempo possibile per il sollievo dai sintomi. Potrebbe manifestare uno degli effetti indesiderati noti dei FANS (vedere sotto). Se ciò accade, o se ha preoccupazioni in merito, interrompa l’assunzione di questo medicinale e informi il medico il prima possibile. Gli anziani che prendono questo medicinale sono maggiormente a rischio di sviluppare problemi associati con gli effetti indesiderati. Smetta di prendere questo medicinale e consulti immediatamente il medico se presenta: • segni di sanguinamento intestinale come: grave dolore addominale, feci scure, vomito con sangue o particelle scure simili a grani di caffè; • segni di reazioni allergiche molto rare ma gravi come peggioramento dell’asma, inspiegabile sibilo o mancanza di respiro, gonfiore del volto, della lingua o della gola, difficoltà respiratoria, battito accelerato, caduta della pressione sanguigna che provochi shock. Questi sintomi si possono verificare anche al primo utilizzo di questo medicinale • gravi reazioni cutanee come eruzioni cutanee sull’intero corpo, desquamazione, formazione di vesciche o sfaldamento della pelle.Consulti il medico se manifesta una delle seguenti reazioni avverse Comune (può colpire fino ad un utilizzatore su 10) • problemi gastrointestinali, come bruciore di stomaco, dolori addominali e nausea, indigestione, diarrea, vomito, flatulenza (aria) e stitichezza e lievi perdite di sangue nello stomaco e/o nell’intestino che in casi eccezionali possono causare anemia. Non comune (può colpire fino ad un utilizzatore su 100) • Ulcere gastrointestinali, sanguinamento e perforazione, infiammazione della mucosa orale con ulcerazione, peggioramento di disturbi intestinali esistenti (colite ulcerativa o morbo di Crohn), gastrite. • Disturbi del sistema nervoso centrale come mal di testa, capogiro, insonnia, agitazione, irritabilità o stanchezza. • Disturbi della vista. • Eruzioni cutanee varie • Reazioni di ipersensibilità con orticaria e prurito Raro (può colpire fino ad un utilizzatore su 1000) • Tinnito (scampanellio nelle orecchie). • Aumentate concentrazioni di acido urico nel sangue, dolore ai fianchi e/o all’addome, sangue nelle urine e febbre possono essere segni di danni renali (necrosi papillare). • Diminuzione dei livelli di emoglobina Molto raro (può colpire fino ad un utilizzatore su 10.000) • esofagite, pancreatite, formazione di restringimenti membranosi nell’intestino (restringimenti intestinali simil-diaframmatici). • insufficienza cardiaca, infarto e gonfiore di volto e mani (edema) • Riduzione della quantità di urine e gonfiore (specialmente in pazienti con elevata pressione sanguigna o ridotta funzionalità renale); gonfiore (edema) e urine torbide (sindrome nefrosica); malattia infiammatoria del rene (nefrite interstiziale) che può portare ad insufficienza renale acuta. Se si presenta uno qualunque dei suddetti sintomi o se ha una sensazione generale di malessere smetta di prendere NUROFENTEEN e consulti immediatamente il medico in quanto potrebbero essere i primi segni di danno renale o insufficienza renale. • Reazioni psicotiche e depressione • Pressione sanguigna alta e vasculite • Palpitazioni • Disfunzione epatica, danno al fegato (primo segno potrebbe essere alterazione del colore della cute), specialmente per lunghi periodi di trattamento, insufficienza epatica, infiammazione acuta del fegato (epatite). • problemi nella produzione delle cellule del sangue – primi segni sono: febbre, mal di gola, ulcere superficiali della bocca, sintomi similinfluenzali, grave spossatezza, sanguinamento di naso e pelle eematomi inspiegati. In questi casi deve smettere di prendere NUROFENTEEN e consulti immediatamente il medico. Non deve essere effettuato alcun trattamento di automedicazione con analgesici e farmaci per ridurre la febbre (medicinali antipiretici) • Gravi infezioni cutanee e complicazioni ai tessuti molli sono state riscontrate durante un’infezione da varicella. • E’ stato descritto il peggioramento di infiammazioni correlate ad infezioni (ad esempio fascite necrotizzante) associato all’uso di alcuni analgesici (FANS). Se si manifestano o peggiorano i segni di un’infezione, si rivolga immediatamente al medico per valutare se è necessaria una terapia anti-infettiva/antibiotica. • Sintomi di meningite asettica con rigidità del collo, mal di testa, nausea, vomito, febbre o disorientamento sono stati osservati durante l’uso di ibuprofene. I pazienti con patologie autoimmuni (SLE, malattia mista del connettivo) possono esserne più facilmente soggetti. Contatti il medico immediatamente se questi sintomi si manifestano. • Gravi forme di reazioni cutanee come esantemi della cute con rossore e formazione di vesciche (ad esempio sindrome di StevensJohnson, necrolisi tossica epidermica/ sindrome di Lyell), perdita di capelli (alopecia). Non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili): • Reattività del tratto respiratorio che comprende asma, broncospasmo e dispnea. Medicinali come NUROFENTEEN possono essere associati a un lieve incremento del rischio di attacco cardiaco (Infarto del miocardio) o ictus. Segnalazione degli effetti indesiderati Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale. 5. Come conservare NUROFENTEEN Tenere il medicinale fuori dalla portata e dalla vista dei bambini. Non usai NUROFENTEEN dopo la data di scadenza indicata sulla confezione e sul blister. La data di scadenza si riferisce all’ultimo giorno del mese indicato. Non conservare al di sopra di 25°C. Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Queste aiuterà a proteggere l’ambiente.6. Ulteriori informazioni Cosa contiene NUROFENTEEN Il principio attivo è l’ibuprofene. Ogni compressa orodispersibile contiene 200 mg di ibuprofene. Gli altri ingredienti sono: etilcellulosa, biossido di silicio precipitato, ipromellosa, mannitolo, aspartame (E951), croscaramellosa sodica, magnesio stearato, aroma (limone – contiene sorbitolo). Come appare NUROFENTEEN e contenuto della confezione Le compresse orodispersibili sono bianche – biancastre, rotonde e con caratteristico odore di menta. Le compresse orodispersibili sono disponibili in confezioni di 4, 6, 10, 12, 18, 20, 24, 30, 36, 40 e 48 compresse orodispersibili. Non tutte le confezioni sono commercializzate. Titolare dell’Autorizzazione all’Immissione in Commercio e Produttore Titolare dell’Autorizzazione all’Immissione in Commercio: Reckitt Benckiser Healthcare International Ltd – 103-105 Bath Road, Slough SL1 3UH, Berkshire (UK) Rappresentante per l'Italia: Reckitt Benckiser Healthcare (Italia) S.p.A. – via G. Spadolini 7 – 20141 Milano Produttore: Ethypharm Industries - Z.I. De Saint Arnoult, 28170 Chateauneuf-en Thymerais (Francia) Reckitt Benckiser Healthcare International Ltd, Thane Road, Nottingham NG90 6BH (UK) Questo prodotto medicinale è autorizzato negli Stati Membri della Comunità Economica Europea con le seguenti denominazioni: Austria: Nurofen 200 mg Schmelztabletten Lemon Belgium: Nurofen Smelttabletten, orodispergeerbare tabletten France: Nurofen 200mg, Comprimé orodispersible Greece: Nurofen Lemon Orodispersible Tablet 200mg Italy: NUROFENTEEN 200mg Compresse Orodispersibili Limone Luxembourg: Nurofen Comprimés Fondants, comprimés orodispersible Netherlands: Nurofen 200 Lemon Smelttablet

NUROFEN 12 COMPRESSE RIVESTITE 400 MG ANTINFIAMMATORIO -20%

RECKITT BENCKISER SPA

NUROFEN 12 COMPRESSE RIVESTITE 400 MG ANTINFIAMMATORIO

€ 8,90 € 7,10

​​​​​​​Foglio illustrativo: informazioni per il paziente NUROFEN 200 mg compresse rivestite NUROFEN 400 mg compresse rivestite Ibuprofene Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene importanti informazioni per lei. Prenda questo medicinale sempre come esattamente descritto in questo foglio o come il medico o il farmacista le ha detto di fare. - Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo. - Se desidera maggiori informazioni o consigli, si rivolga al farmacista. - Se si manifesta uno qualsiasi degli effetti indesiderati, tra cui effetti non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4. - Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo:  3 giorni negli adolescenti al di sopra dei 12 anni  un breve periodo di trattamento negli adulti. Contenuto di questo foglio: 1 Che cos’è Nurofen e a cosa serve 2 Cosa deve sapere prima di prendere Nurofen 3 Come prendere Nurofen 4 Possibili effetti indesiderati 5 Come conservare Nurofen 6 Contenuto della confezione e altre informazioni 1 Che cos’è Nurofen e a cosa serve Nurofen contiene ibuprofene che appartiene ad un gruppo di medicinali chiamati farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) la cui azione permette di ridurre il dolore e il gonfiore provocati dall’infiammazione e la febbre. Nurofen è indicato negli adulti e negli adolescenti al di sopra dei 12 anni per il trattamento di dolori di varia natura: mal di testa, mal di denti, nevralgie, dolori a muscoli, ossa e articolazioni, dolori mestruali. Nurofen è indicato anche come coadiuvante per il trattamento sintomatico degli stati febbrili ed influenzali. 2 Cosa deve sapere prima di prendere Nurofen Non prenda Nurofen se: • è allergico all’ibuprofene o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6); • ha manifestato in passato reazioni allergiche quali difficoltà respiratorie (broncospasmo, asma), rinite (naso che cola), gonfiore di viso, labbra e gola (angioedema) o orticaria dopo aver assunto ibuprofene, acido acetilsalicilico o altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS); • soffre di grave malattia dei reni o del fegato (insufficienza renale o epatica); • soffre di una grave malattia del cuore (insufficienza cardiaca grave); • ha sofferto di sanguinamento o perforazione dello stomaco in seguito a precedenti trattamenti a base di FANS; • soffre o ha sofferto di ulcere gastriche/duodenali (ulcere peptiche) o emorragie in atto o ricorrenti(almeno due episodi distinti di dimostrata ulcerazione o sanguinamento); • è nell’ultimo trimestre di gravidanza.Non somministri Nurofen nei bambini al di sotto di 12 anni di età Avvertenze e precauzioni Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere Nurofen se: • sta assumendo altri farmaci utilizzati per il trattamento del dolore, per abbassare la febbre e/o per curare l’infiammazione (antiinfiammatori non-steroidei, FANS compresi inibitori della COX-2) (vedere paragrafo “Altri medicinali e Nurofen”); • è anziano e/o ha sofferto di disturbi allo stomaco e all’intestino (storia di ulcera), soprattutto se complicati da sanguinamento o perforazione in quanto si può verificare un aumento di emorragie e perforazioni gastrointestinali. In questi casi, il medico le consiglierà di iniziare il trattamento con la più bassa dose disponibile ed eventualmente l’uso concomitante di medicinali che proteggono lo stomaco (misoprostolo o inibitori di pompa protonica). Questo deve essere considerato anche se si assumono basse dosi di aspirina o altri farmaci che possono aumentare il rischio di malattie di stomaco e intestino (vedere paragrafo “Altri medicinali e Nurofen”). Durante il trattamento con tutti i FANS, in qualsiasi momento, con o senza sintomi di preavviso o precedente storia di gravi eventi gastrointestinali, possono verificarsi sanguinamento, ulcerazione e perforazione dello stomaco o dell’intestino, che possono essere fatali. Pertanto informi il medico di qualsiasi sintomo gastrointestinale non comune (soprattutto sanguinamento gastrointestinale) in particolare nelle fasi iniziali del trattamento. Se si verifica sanguinamento o ulcerazione gastrointestinale, sospenda il trattamento con Nurofen e contatti il medico; • soffre o ha sofferto di una malattia infiammatoria dell’intestino (colite ulcerosa, morbo di Crohn); • sta assumendo medicinali che potrebbero aumentare il rischio di ulcerazione o sanguinamento, come medicinali utilizzati per trattare l’infiammazione e alcune malattie del sistema immunitario (corticosteroidi orali ), anticoagulanti come il warfarin, medicinali che possono avere un effetto antiaggregante come l’aspirina, medicinali per trattare la depressione (inibitori selettivi del reuptake della serotonina) (vedere paragrafo “Altri medicinali e Nurofen”); • soffre di pressione alta e/o grave malattia del cuore (insufficienza cardiaca) poiché, in associazione alla terapia con FANS, sono state riportate ritenzione idrica, pressione alta e gonfiore; • soffre di ridotta funzionalità del fegato e/odei reni , in quanto l’uso abituale di medicinali analgesici come Nurofen può portare a gravi problemi renali permanenti (con possibile insorgenza di insufficienza renale). Il medico le consiglierà di eseguire delle analisi periodiche durante il trattamento; • manifesta reazioni cutanee (dermatite esfoliativa, sindrome di Stevens–Johnson e necrolisi tossica epidermica). Interrompa il trattamento con Nurofen e contatti il medico alla prima comparsa di eruzioni cutanee, lesioni della mucosa o qualsiasi altro segno di ipersensibilità (vedere paragrafo “Possibili effetti indesiderati”). • soffre o ha sofferto di asma (difficoltà a respirare) o reazioni allergiche in quanto potrebbe avere mancanza di respiro; • soffre di problemi di coagulazione; • soffre di malattia cronica di tipo autoimmune che causa disturbi in varie parti del corpo, in particolare della pelle (lupus eritematoso sistemico) o da malattia mista del connettivo, in quanto aumenta il rischio di meningite asettica. I farmaci antinfiammatori/antidolorifici come ibuprofene possono essere associati a un modesto aumento del rischio di attacco cardiaco o ictus, specialmente se somministrati in dosi elevate. Non superare la dose raccomandata o la durata del trattamento. Deve discutere la terapia con il medico o farmacista prima di prendere Nurofen se ha: - problemi cardiaci inclusi attacco cardiaco, angina (dolore al petto) o se ha precedenti di attacco cardiaco, intervento di bypass coronarico, malattia arteriosa periferica (scarsa circolazione alle gambe o ai piedi dovuta a restringimento oppure ostruzione delle arterie) oppure qualunque tipo di ictus (incluso ‘mini-ictus’ o "TIA", attacco ischemico transitorio);- pressione alta, diabete, colesterolo alto, storia familiare di malattia cardiaca o ictus, oppure se è un fumatore. Bambini e adolescenti Non dia questo medicinale ai bambini di età inferiore ai 12 anni. E’ richiesta cautela negli adolescenti (12-18 anni) disidratati poiché esiste il rischio di alterazione della funzionalità renale. Altri medicinali e Nurofen Informi il medico o il farmacista se sta usando, ha recentemente usato o potrebbe usare qualsiasi altro medicinale. Nurofen può influenzare o essere influenzato da altri medicinali, in particolare informi il medico se sta assumendo: • altri medicinali utilizzati per il trattamento del dolore, per abbassare la febbre, e/o per curare l’infiammazione (antiinfiammatori non-steroidei, FANS compresi inibitori della COX-2 o acido acetilsalicilico), poiché aumentano il rischio di possibili effetti indesiderati. • medicinali utilizzati per trattare l’infiammazione e alcune malattie del sistema immunitario (corticosteroidi); • medicinali utilizzati per trattare le infezioni causate da batteri (antibiotici chinolonici); • medicinali che hanno un effetto anticoagulante (vale a dire sostanze che fluidificano il sangue impedendo la formazione di coaguli, es. aspirina/acido acetilsalicilico, warfarin, ticlopidina) • medicinali utilizzati per il trattamento della depressione come gli inibitori selettivi del reuptake della serotonina; • un medicinale per trattare l’AIDS (zidovudina); • medicinali che modulano la risposta immunitaria (tacrolimus e ciclosporina); • un medicinale utilizzato nella cura del cancro e dei reumatismi (metotressato); • un medicinale usato per malattie mentali (litio); • un medicinale per l’interruzione della gravidanza (mifepristone): non assuma FANS negli 8-12 giorni successivi all’assunzione di mifepristone; • medicinali che riducono la pressione alta (ACE-inibitori come captopril, betabloccanti come atenololo, antagonisti dell’angiotensina II come losartan) e diuretici; • medicinali utilizzati per trattare malattie del cuore (glicosidi cardiaci). Anche alcuni altri medicinali possono influenzare o essere influenzati dal trattamento con Nurofen. Pertanto consulti sempre il medico o il farmacista prima di usare Nurofen con altri medicinali. Nurofen con cibi e bevande Se soffre di disturbi di stomaco, prenda Nurofen preferibilmente a stomaco pieno. Gravidanza, allattamento e fertilità Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere questo medicinale. Gravidanza Non assuma questo medicinale durante gli ultimi 3 mesi di gravidanza perché può causare problemi al suo bambino e durante il parto. Eviti l’uso di questo medicinale durante i primi 6 mesi di gravidanza se non strettamente necessario. In tal caso, usi la dose più bassa e per il più breve tempo possibile. Allattamento Questo medicinale passa in piccole quantità nel latte materno. Può essere usato durante l’allattamento se assunto alle dosi consigliate e per brevi periodi di tempo. Fertilità Eviti l’assunzione del medicinale se sta cercando una gravidanza poiché può avere un effetto sull’ovulazione. Questo effetto scompare con l’interruzione del trattamento.Guida di veicoli e utilizzo di macchinari Nurofen non altera o altera in modo trascurabile la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari, se preso per brevi periodi di trattamento. Nurofen 200 mg compresse rivestite contiene: • saccarosio: se il medico le ha diagnosticato un’intolleranza ad alcuni zuccheri, lo contattati prima di prendere questo medicinale. • sodio: Questo medicinale contiene meno di 1 mmol (23 mg) di sodio per compressa, cioè è praticamente ‘senza sodio’ Nurofen 400 mg compresse rivestite contiene: • saccarosio: se il medico le ha diagnosticato un’intolleranza ad alcuni zuccheri, lo contattati prima di prendere questo medicinale. • sodio: Questo medicinale contiene 25,1 mg di sodio per compressaDa tenere in considerazione in persone con ridotta funzionalità renale o che seguono una dieta a basso contenuto di sodio. 3 Come prendere Nurofen Prenda questo medicinale seguendo sempre esattamente quanto riportato in questo foglio o le istruzioni del medico, o del farmacista. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista. La dose raccomandata è: Nurofen 200 mg compresse rivestite Età Adolescenti sopra i 12 anni e adulti; DOSE singola 1 – 2 compresse; Dose totale giornaliera 1-2 compresse, 2-3 volte al giorno. L’intervallo tra le dosi non deve essere inferiore alle 4 ore. Non superi la dose di 1200 mg (6 compresse) nelle 24 ore. Nurofen 400 mg compresse rivestite Età Adolescenti sopra i 12 anni e adulti; Dose singola 1 compressa; Dose totale giornaliera 1 compressa, 2-3 volte al giorno. L’intervallo tra le dosi non deve essere inferiore alle 4 ore. Non superi la dose di 1200 mg (3 compresse) nelle 24 ore. ​​​​​​​Uso nei bambini e negli adolescenti: Nurofen non deve essere assunto da bambini di età inferiore a 12 anni. Uso negli anziani: Non sono richieste modifiche della dose Se soffre di disturbi di stomaco, prenda Nurofen preferibilmente a stomaco pieno. Nurofen deve essere assunto per trattamenti di breve durata.Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l’uso della dose minima efficace per la durata di trattamento più breve possibile necessaria per controllare i sintomi. Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo:  3 giorni negli adolescenti al di sopra dei 12 anni  un breve periodo di trattamento negli adulti. Se usa più Nurofen di quanto deve Se assume un dosaggio eccessivo (sovradosaggio) di ibuprofene può presentare più comunemente i seguenti sintomi: nausea, vomito, mal di pancia, stato di sonno profondo con ridotta risposta ai normali stimoli (letargia), sonnolenza, mal di testa, vertigini, ronzio nelle orecchie (tinnito), movimenti incontrollati del corpo (convulsioni) e perdita di coscienza. I sintomi di un sovradosaggio possono manifestarsi entro 4 – 6 ore dall’assunzione di ibuprofene. Raramente può presentare: movimenti incontrollati degli occhi (nistagmo), aumento degli acidi nel sangue (acidosi metabolica), abbassamento della temperatura del corpo (ipotermia), effetti a carico del rene, sanguinamento dello stomaco e dell’intestino, profonda perdita di coscienza (coma), interruzione momentanea del respiro (apnea), diarrea, riduzione dell’attività del sistema nervoso (depressione del Sistema Nervoso Centrale) e dell’attività respiratoria (depressione del sistema respiratorio). Inoltre, può manifestare anche: disorientamento, stato di eccitazione, svenimento, abbassamento della pressione del sangue (ipotensione), diminuzione o aumento dei battiti del cuore (bradicardia o tachicardia). Se assume dosi significativamente elevate di ibuprofene può manifestare gravi danni a carico dei reni e del fegato. In caso di ingestione/assunzione accidentale di una dose eccessiva di Nurofen avverta immediatamente il medico o si rivolga al più vicino ospedale. Se dimentica di prendere Nurofen Non prenda una dose doppia per compensare la dimenticanza della compressa. Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista. 4 Possibili effetti indesiderati Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino. Se manifesta uno dei seguenti effetti indesiderati INTERROMPA il trattamento e si rivolga al medico: • gravi alterazioni della pelle e delle mucose caratterizzate da eruzioni, arrossamento, prurito e bolle (dermatiti bollose ed esfoliative che includono eritema multiforme, sindrome di StevensJohnson e necrolisi tossica epidermica) • reazioni allergiche, anche gravi, che possono comprendere: orticaria, prurito, porpora, gonfiore di viso, bocca e gola (angioedema), difficoltà a respirare (broncospasmo o dispnea), alterati battiti del cuore (tachicardia), bassa pressione del sangue (ipotensione), anafilassi, shock e peggioramento dell’asma. Gli ulteriori effetti indesiderati comprendono: Non Comune (possono interessare fino a 1 persona su 100): • disturbi allo stomaco, come bruciore, dolore di stomaco e nausea • mal di testa • vertigini • eruzioni cutaneeRaro (possono interessare fino a 1 persona su 1.000): • diarrea, vomito, flatulenza, stitichezza Molto raro (possono interessare fino a 1 persona su 10000): • ulcere peptiche, perforazione e sanguinamento dello stomaco e dell’intestino, feci nere e vomito di sangue • lesioni con sanguinamento della bocca, bruciore di stomaco (gastrite) • grave malattia del cuore (insufficienza cardiaca), edema e pressione del sangue alta (ipertensione) • gravi malattie dei reni (insufficienza renale, necrosi papillare) particolarmente a seguito di trattamenti a lungo termine, associati ad un aumento della concentrazione di urea nel sangue (i primi segni sono: urinare in quantità inferiore al normale, malessere generale). • danni al fegato specialmente a seguito di trattamenti a lungo termine • riduzione del numero delle cellule del sangue (anemia, leucopenia, piastrinopenia, pancitopenia, agranulocitosi) – i primi segni sono: febbre, mal di gola, ulcere superficiali della bocca, sintomi simil-influenzali, grave stanchezza, sanguinamento di naso e pelle, lividi sulla pelle (ematomi) • meningite asettica con sintomi come torcicollo, mal di testa, nausea, vomito, febbre o disorientamento (più frequente se è affetto da lupus eritematoso sistemico o malattia mista del connettivo) • diminuzione dei livelli di emoglobina nel sangue • disturbi visivi Non noto (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili): • disturbi del tratto respiratorio che comprendono asma, peggioramento dell’asma, respiro affannoso (broncospasmo) e difficoltà a respirare (dispnea) • peggioramento di malattie infiammatorie dell’intestino (colite e morbo di Chron) L’uso di ibuprofene, specialmente ad alte dosi (2400 mg/die) può essere associato a un modesto aumento del rischio di attacco cardiaco (infarto del miocardio) o ictus. Segnalazione degli effetti indesiderati Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo: www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale. 5 Come conservare Nurofen Conservi questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini. Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza riportata sulla confezione dopo Scad.. La data di scadenza si riferisce all’ultimo giorno di quel mese. Nurofen 200 mg compresse rivestite: nessuna particolare condizione di conservazione. Nurofen 400 mg compresse rivestite: conservi ad una temperatura non superiore ai 30°C. Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente. 6 Contenuto della confezione e altre informazioni Cosa contiene Nurofen 200 mg compresse rivestite- Il principio attivo è l’ibuprofene. Ogni compressa contiene 200 mg di ibuprofene. - Gli altri componenti sono: saccarosio, croscarmellosa sodica, sodio laurilsolfato, sodio citrato, carmellosa sodica, acido stearico, silice colloidale anidra, talco, gomma arabica nebulizzato essiccato, titanio biossido, macrogol 6000, inchiostro (gomma lacca, ossido di ferro nero E172, glicole propilenico E1520). Cosa contiene Nurofen 400 mg compresse rivestite - Il principio attivo è l’ibuprofene. Ogni compressa contiene 400 mg di ibuprofene. - Gli altri componenti sono: saccarosio, croscarmellosa sodica, sodio laurilsolfato, sodio citrato, carmellosa sodica, acido stearico, silice colloidale anidra, talco, gomma arabica nebulizzato essiccato, titanio biossido, macrogol 6000, inchiostro (gomma lacca, ossido di ferro rosso (E 172), glicole propilenico (E1520), ammonio idrossido (E527), simeticone). Descrizione dell’aspetto di Nurofen e contenuto della confezione Nurofen si presenta in forma di compresse rivestite. Il contenuto della confezione è di 12 o 24 compresse. È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate. Titolare dell’Autorizzazione all’Immissione in Commercio e produttore Reckitt Benckiser Healthcare International Ltd – 103-105 Bath Road, Slough SL1 3UH, Berkshire (UK) Rappresentante per l'Italia: Reckitt Benckiser Healthcare (Italia) S.p.A. – via G. Spadolini 7 – 20141 Milano Produttore Reckitt Benckiser Healthcare International Ltd – Nottingham Site, Thane Road, Nottingham NG90 2DB (UK)

GAVISCON16 COMPRESSE MASTICABILI FRAGOLA 250 + 133,5 MG -15%

RECKITT BENCKISER SPA

GAVISCON16 COMPRESSE MASTICABILI FRAGOLA 250 + 133,5 MG

€ 6,69 € 5,70

​​​​​​​FOGLIO ILLUSTRATIVO GAVISCON 250 mg + 133,5 mg compresse masticabili gusto menta GAVISCON 250 mg + 133,5 mg compresse masticabili gusto fragola Sodio alginato + sodio bicarbonato Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale poiché contiene importanti informazioni per lei. Prenda questo medicinale sempre come esattamente descritto in questo foglio o come il medico o il farmacista le ha detto di fare. - Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo. - Se desidera maggiori informazioni o consigli, si rivolga al farmacista. - Se si manifesta uno qualsiasi degli effetti indesiderati, tra cui effetti non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4. - Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo 7 giorni. Contenuto di questo foglio 1. Che cos’è Gaviscon e a che cosa serve 2. Cosa deve sapere prima di prendere Gaviscon 3. Come prendere Gaviscon 4. Possibili effetti indesiderati 5. Come conservare Gaviscon 6. Contenuto della confezione e altre informazioni 1. CHE COS’E’ GAVISCON E A COSA SERVE Gaviscon è un medicinale che appartiene alla classe dei farmaci per il trattamento dell’ulcera peptica e della malattia da reflusso gastroesofageo. Gaviscon si usa per il trattamento sintomatico del bruciore dello stomaco occasionale. 2. COSA DEVE SAPERE PRIMA DI PRENDERE GAVISCON Non usi Gaviscon Se è allergico al sodio alginato o al sodio bicarbonato o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6). Avvertenze e precauzioni Non usi il medicinale per trattamenti protratti. Se i sintomi persistono dopo 7 giorni, consulti il medico. Negli adolescenti (12-18 anni) usare solo in caso di effettiva necessità e sotto stretto controllo del medico. In caso di insufficienza renale, il medicinale deve essere utilizzato con precauzione poiché il supplemento salino esogeno fornito dagli antiacidi può condizionare squilibri elettrolitici potenzialmente severi. E’ opportuno consultare il medico anche nei casi in cui tali disturbi si fossero manifestati in passato. Altri medicinali e Gaviscon Informi il medico o il farmacista se sta assumendo o ha recentemente assunto qualsiasi altro medicinale, compresi quelli senza prescrizione medica. E’ consigliabile interporre un intervallo di almeno due ore tra l’assunzione di Gaviscon e quella di altri farmaci specialmente tetracicline, fluorochinoloni, sali di ferro, ormoni tiroidei, clorochina, bifosfonati ed estramustina. Gravidanza e allattamento Chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere qualsiasi medicinale. In gravidanza e allattamento Gaviscon può essere usato dopo aver consultato il medico e aver valutato con lui il rapporto rischio/beneficio. Consultare il medico nel caso si sospetti uno stato di gravidanza o si desideri pianificare una maternità. Guida di veicoli e utilizzo di macchinari Gaviscon non altera la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari. Gaviscon contiene sodio, calcio carbonato e aspartame Sodio Questo medicinale contiene 2.65 mmol (o 61.5 mg) di sodio per compressa. Da tenere in considerazione in persone con ridotta funzionalità renale o che seguono una dieta a basso contenuto di sodio. Calcio carbonatoOgni compressa contiene 80 mg (0,8 mmol) di calcio carbonato. Si deve prestare attenzione nel trattare pazienti affetti da ipercalcemia, nefrocalcinosi e calcoli renali recidivi contenenti calcio. Aspartame Questo medicinale contiene una fonte di fenilalanina. Può esserle dannoso se è affetto da fenilchetonuria. 3. COME PRENDERE GAVISCON Quanto Adulti e adolescenti (12-18 anni): 2-4 compresse dopo i pasti e al momento di coricarsi. Attenzione: non superare le dosi indicate. Popolazioni speciali Anziani: non è necessario modificare le dosi per questa fascia d’età. Pazienti con insufficienza renale: la ridotta capacità di eliminare con l’urina il supplemento salino esogeno fornito dagli antiacidi può condizionare squilibri elettrolitici potenzialmente severi (vedere Avvertenze e precauzioni). Quando e per quanto tempo Usi Gaviscon solo per brevi periodi di trattamento. Consulti il medico se i sintomi peggiorano o non migliorano dopo sette giorni di trattamento, se il disturbo si presenta ripetutamente o se nota un qualsiasi cambiamento recente delle sue caratteristiche. Come Per somministrazione orale. Le compresse devono essere ben masticate (possono essere spezzate e masticate un po’ alla volta). Successivamente si può bere un po’ d’acqua. Se prende più Gaviscon di quanto deve Una possibile conseguenza del sovradosaggio è la distensione addominale: in tal caso ricorrere al trattamento sintomatico adottando misure di supporto generiche. In caso di ingestione/assunzione accidentale di una dose eccessiva di Gaviscon avverta immediatamente il medico o si rivolga al più vicino ospedale. Se dimentica di prendere Gaviscon Non prenda una dose doppia per compensare la dimenticanza della dose. Se interrompe il trattamento con Gaviscon Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista. 4. POSSIBILI EFFETTI INDESIDERATI Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati, sebbene non tutte le persone li manifestino. Molto raro (possono interessare fino a 1 persona su 10000): reazioni anafilattiche o anafilattoidi reazioni di ipersensibilità come orticaria sintomi respiratori come broncospasmo flatulenza, nausea edema Il rispetto delle istruzioni contenute nel foglio illustrativo riduce il rischio di effetti indesiderati. Segnalazione di effetti indesiderati Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio si rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale. 5. COME CONSERVARE GAVISCON TENERE GAVISCON FUORI DALLA VISTA E DALLA PORTATA DEI BAMBINI. Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla confezione dopo “Scadenza”. Norme di conservazione GAVISCON 250 mg + 133,5 mg compresse masticabili gusto menta: conservare nella confezione originale; non conservare a temperatura superiore ai 30°C.GAVISCON 250 mg + 133,5 mg compresse masticabili gusto fragola: conservare nella confezione originale; non conservare a temperatura superiore ai 25°C. Compresse masticabili gusto fragola in contenitore con tappo a scatto: dopo la prima apertura del contenitore il medicinale deve essere consumato entro 6 mesi; trascorso tale periodo il medicinale residuo deve essere eliminato. Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente. E’ importante avere sempre a disposizione le informazioni sul medicinale, pertanto conservare sia la scatola che il foglio illustrativo. 6. CONTENUTO DELLA CONFEZIONE E ALTRE INFORMAZIONI Cosa contiene Gaviscon GAVISCON 250 mg + 133,5 mg compresse masticabili gusto menta - I principi attivi sono: sodio alginato 250 mg, sodio bicarbonato 133,5 mg - gli altri componenti sono: mannitolo (E421), magnesio stearato, copovidone, acesulfame potassico, macrogol 20.000, aroma menta, calcio carbonato, aspartame (E951) (vedere paragrafo 2 “Gaviscon contiene sodio, calcio carbonato e aspartame”). GAVISCON 250 mg + 133,5 mg compresse masticabili gusto fragola - I principi attivi sono: sodio alginato 250 mg, sodio bicarbonato 133,5 mg - gli altri componenti sono: xylitolo, mannitolo (E421), macrogol 20.000, aroma fragola, magnesio stearato, ferro ossido rosso (E172) calcio carbonato, aspartame (E951) (vedere paragrafo 2 “Gaviscon contiene sodio, calcio carbonato e aspartame”). Descrizione dell’aspetto di Gaviscon e contenuto della confezione Compresse masticabili gusto menta: compresse dal sapore di menta, confezionate in blister. Il contenuto della confezione è di 16, 24, 32 o 48 compresse. Compresse masticabili gusto fragola: compresse dal sapore di fragola, confezionate in contenitore per compresse o in blister. Il contenuto della confezione è di: - contenitore per compresse: 16 e 20 compresse; - blister: 16, 24, 32 e 48 compresse. È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate. TITOLARE DELL’AUTORIZZAZIONE ALL’IMMISSIONE IN COMMERCIO E PRODUTTORE Reckitt Benckiser Healthcare (UK) Limited, Dansom Lane, Hull, HU8 7DS, East Yorkshire, (Regno Unito) Rappresentante per l’Italia: Reckitt Benckiser Healthcare (Italia) S.p.A., via G. Spadolini 7, 20141 Milano

GAVISCON 24 COMPRESSE MASTICABILI 250 + 133,5 MG -15%

RECKITT BENCKISER SPA

GAVISCON 24 COMPRESSE MASTICABILI 250 + 133,5 MG

€ 6,99 € 5,95

​​​​​​​FOGLIO ILLUSTRATIVO GAVISCON 250 mg + 133,5 mg compresse masticabili gusto menta GAVISCON 250 mg + 133,5 mg compresse masticabili gusto fragola Sodio alginato + sodio bicarbonato Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale poiché contiene importanti informazioni per lei. Prenda questo medicinale sempre come esattamente descritto in questo foglio o come il medico o il farmacista le ha detto di fare. - Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo. - Se desidera maggiori informazioni o consigli, si rivolga al farmacista. - Se si manifesta uno qualsiasi degli effetti indesiderati, tra cui effetti non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4. - Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo 7 giorni. Contenuto di questo foglio 1. Che cos’è Gaviscon e a che cosa serve 2. Cosa deve sapere prima di prendere Gaviscon 3. Come prendere Gaviscon 4. Possibili effetti indesiderati 5. Come conservare Gaviscon 6. Contenuto della confezione e altre informazioni 1. CHE COS’E’ GAVISCON E A COSA SERVE Gaviscon è un medicinale che appartiene alla classe dei farmaci per il trattamento dell’ulcera peptica e della malattia da reflusso gastroesofageo. Gaviscon si usa per il trattamento sintomatico del bruciore dello stomaco occasionale. 2. COSA DEVE SAPERE PRIMA DI PRENDERE GAVISCON Non usi Gaviscon Se è allergico al sodio alginato o al sodio bicarbonato o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6). Avvertenze e precauzioni Non usi il medicinale per trattamenti protratti. Se i sintomi persistono dopo 7 giorni, consulti il medico. Negli adolescenti (12-18 anni) usare solo in caso di effettiva necessità e sotto stretto controllo del medico. In caso di insufficienza renale, il medicinale deve essere utilizzato con precauzione poiché il supplemento salino esogeno fornito dagli antiacidi può condizionare squilibri elettrolitici potenzialmente severi. E’ opportuno consultare il medico anche nei casi in cui tali disturbi si fossero manifestati in passato. Altri medicinali e Gaviscon Informi il medico o il farmacista se sta assumendo o ha recentemente assunto qualsiasi altro medicinale, compresi quelli senza prescrizione medica. E’ consigliabile interporre un intervallo di almeno due ore tra l’assunzione di Gaviscon e quella di altri farmaci specialmente tetracicline, fluorochinoloni, sali di ferro, ormoni tiroidei, clorochina, bifosfonati ed estramustina. Gravidanza e allattamento Chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere qualsiasi medicinale. In gravidanza e allattamento Gaviscon può essere usato dopo aver consultato il medico e aver valutato con lui il rapporto rischio/beneficio. Consultare il medico nel caso si sospetti uno stato di gravidanza o si desideri pianificare una maternità. Guida di veicoli e utilizzo di macchinari Gaviscon non altera la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari. Gaviscon contiene sodio, calcio carbonato e aspartame Sodio Questo medicinale contiene 2.65 mmol (o 61.5 mg) di sodio per compressa. Da tenere in considerazione in persone con ridotta funzionalità renale o che seguono una dieta a basso contenuto di sodio. Calcio carbonatoOgni compressa contiene 80 mg (0,8 mmol) di calcio carbonato. Si deve prestare attenzione nel trattare pazienti affetti da ipercalcemia, nefrocalcinosi e calcoli renali recidivi contenenti calcio. Aspartame Questo medicinale contiene una fonte di fenilalanina. Può esserle dannoso se è affetto da fenilchetonuria. 3. COME PRENDERE GAVISCON Quanto Adulti e adolescenti (12-18 anni): 2-4 compresse dopo i pasti e al momento di coricarsi. Attenzione: non superare le dosi indicate. Popolazioni speciali Anziani: non è necessario modificare le dosi per questa fascia d’età. Pazienti con insufficienza renale: la ridotta capacità di eliminare con l’urina il supplemento salino esogeno fornito dagli antiacidi può condizionare squilibri elettrolitici potenzialmente severi (vedere Avvertenze e precauzioni). Quando e per quanto tempo Usi Gaviscon solo per brevi periodi di trattamento. Consulti il medico se i sintomi peggiorano o non migliorano dopo sette giorni di trattamento, se il disturbo si presenta ripetutamente o se nota un qualsiasi cambiamento recente delle sue caratteristiche. Come Per somministrazione orale. Le compresse devono essere ben masticate (possono essere spezzate e masticate un po’ alla volta). Successivamente si può bere un po’ d’acqua. Se prende più Gaviscon di quanto deve Una possibile conseguenza del sovradosaggio è la distensione addominale: in tal caso ricorrere al trattamento sintomatico adottando misure di supporto generiche. In caso di ingestione/assunzione accidentale di una dose eccessiva di Gaviscon avverta immediatamente il medico o si rivolga al più vicino ospedale. Se dimentica di prendere Gaviscon Non prenda una dose doppia per compensare la dimenticanza della dose. Se interrompe il trattamento con Gaviscon Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista. 4. POSSIBILI EFFETTI INDESIDERATI Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati, sebbene non tutte le persone li manifestino. Molto raro (possono interessare fino a 1 persona su 10000): reazioni anafilattiche o anafilattoidi reazioni di ipersensibilità come orticaria sintomi respiratori come broncospasmo flatulenza, nausea edema Il rispetto delle istruzioni contenute nel foglio illustrativo riduce il rischio di effetti indesiderati. Segnalazione di effetti indesiderati Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio si rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale. 5. COME CONSERVARE GAVISCON TENERE GAVISCON FUORI DALLA VISTA E DALLA PORTATA DEI BAMBINI. Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla confezione dopo “Scadenza”. Norme di conservazione GAVISCON 250 mg + 133,5 mg compresse masticabili gusto menta: conservare nella confezione originale; non conservare a temperatura superiore ai 30°C.GAVISCON 250 mg + 133,5 mg compresse masticabili gusto fragola: conservare nella confezione originale; non conservare a temperatura superiore ai 25°C. Compresse masticabili gusto fragola in contenitore con tappo a scatto: dopo la prima apertura del contenitore il medicinale deve essere consumato entro 6 mesi; trascorso tale periodo il medicinale residuo deve essere eliminato. Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente. E’ importante avere sempre a disposizione le informazioni sul medicinale, pertanto conservare sia la scatola che il foglio illustrativo. 6. CONTENUTO DELLA CONFEZIONE E ALTRE INFORMAZIONI Cosa contiene Gaviscon GAVISCON 250 mg + 133,5 mg compresse masticabili gusto menta - I principi attivi sono: sodio alginato 250 mg, sodio bicarbonato 133,5 mg - gli altri componenti sono: mannitolo (E421), magnesio stearato, copovidone, acesulfame potassico, macrogol 20.000, aroma menta, calcio carbonato, aspartame (E951) (vedere paragrafo 2 “Gaviscon contiene sodio, calcio carbonato e aspartame”). GAVISCON 250 mg + 133,5 mg compresse masticabili gusto fragola - I principi attivi sono: sodio alginato 250 mg, sodio bicarbonato 133,5 mg - gli altri componenti sono: xylitolo, mannitolo (E421), macrogol 20.000, aroma fragola, magnesio stearato, ferro ossido rosso (E172) calcio carbonato, aspartame (E951) (vedere paragrafo 2 “Gaviscon contiene sodio, calcio carbonato e aspartame”). Descrizione dell’aspetto di Gaviscon e contenuto della confezione Compresse masticabili gusto menta: compresse dal sapore di menta, confezionate in blister. Il contenuto della confezione è di 16, 24, 32 o 48 compresse. Compresse masticabili gusto fragola: compresse dal sapore di fragola, confezionate in contenitore per compresse o in blister. Il contenuto della confezione è di: - contenitore per compresse: 16 e 20 compresse; - blister: 16, 24, 32 e 48 compresse. È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate. TITOLARE DELL’AUTORIZZAZIONE ALL’IMMISSIONE IN COMMERCIO E PRODUTTORE Reckitt Benckiser Healthcare (UK) Limited, Dansom Lane, Hull, HU8 7DS, East Yorkshire, (Regno Unito) Rappresentante per l’Italia: Reckitt Benckiser Healthcare (Italia) S.p.A., via G. Spadolini 7, 20141 Milano

FLAVOFORT 1500  - INTEGRATORE UTILE PER LA FUNZIONALITA' DEL MICROCIRCOLO -20%

MERQURIO PHARMA SRL

FLAVOFORT 1500 - INTEGRATORE UTILE PER LA FUNZIONALITA' DEL MICROCIRCOLO

€ 17,40 € 13,90

Integratore alimentare a base di Flavonoidi micronizzati (diosmina, rutina, quercetina, esperidina), Estratti Vegetali di Centella, Mirtillo, Vite rossa e Vitamina C. Utile in caso di ridotto apporto o aumentato fabbisogno di tali nutrienti. Mirtillo nero, Centella e Vite rossa risultano utili per la funzionalità del microcircolo, riducendo la sensazione di pesantezza delle gambe. La Vitamina C contribuisce alla normale formazione del collagene per la normale funzione dei vasi sanguigni e alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo. Modalità d'uso: Si consiglia l'assunzione da 1 a 2 compresse al giorno, con un bicchiere di acqua. Ingredienti: Diosmina micronizzata, Estratto Secco di foglie di Centella (Centella asiatica L.) titolata al 20% in triterpeni totali, Esperidina micronizzata, Agenti di carica: Cellulosa microcristallina, Maltodestrina; Estratto Secco di Semi di Vite rossa (Vitis Vinifera L.) titolata al 95% in proantocianidine; Stabilizzante: Polivinilpirrolidone; Vitamina C (Acido L-Ascorbico), Estratto Secco di frutti di Mirtillo nero (Vaccinium Myrtillus L.) titolato al 1% in antocianine, Quercetina micronizzata, Rutina micronizzata, Agenti antiagglomeranti: Magnesio stearato, Biossido di Silicio. Ingrediente Dose massima giornaliera (2 compresse) %VNR* Diosmina micrononizzata 450 mg   Centella Estratto Secco da cui triterpeni totali 300 mg 60 mg   Esperidina micronizzata 270 mg   Vite rossa Estratto Secco da cui proantocianidine 200 mg 190 mg   Vitamina C 160 mg 200% Mirtillo nero Estratto Secco da cui antocianidine 160 mg 1,6 mg   Quercetina micronizzata 140 mg   Rutina micronizzata 130 mg   *Valore Nutritivo di Riferimento gionaliero. Avvertenze: Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituti di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita. Non superare la dosa giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Non assumere in caso di ipersensibilità o di allergie verso uno o più componenti. Non assumere in gravidanza. Conservazione: Conservare a temperatura non superiore a 25-30°C, lontano da luce e/o fonti di calore. Il termine minimo di conservazione si riferisce al prodotto correttamente conservato in confezione integra. Formato: Scatola da 30 compresse.

VERUM FORTELAX  80 COMPRESSE - PLANTA MEDICA -20%

Planta Medica

VERUM FORTELAX 80 COMPRESSE - PLANTA MEDICA

€ 10,00 € 8,00

VERUM ForteLax INTEGRATORE ALIMENTARE Indicazioni Favorisce una fisiologica funzionalità intestinale. Posologia e Modalità d'uso Si consiglia l’assunzione di 1 o 2 compresse, preferibilmente la sera. Caratteristiche e Proprietà Efficacia di Senna foglie e di Aloe succo che, per le loro specifiche proprietà, risultano di valido aiuto nei casi di rallentato transito intestinale. L’azione svolta dai fitocomplessi di Senna e Aloe, titolati e standardizzati, è coadiuvata ed equilibrata dall’attività carminativo-digestiva di piante quali Finocchio, Carvi e Menta in sinergia a quella del Boldo, che favorisce la fisiologica funzionalità del fegato. Controindicazioni: Non utilizzare il prodotto nei bambini, nelle donne in gravidanza e in allattamento e per lunghi periodi. Avvertenze: Non superare le dosi consigliate. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni di età. Componenti: Per dose giornaliera (1 compressa): senna (cassia angustifolia) foglie polvere 130 mg titolato in eterosidi idrossiantracenici calcolati come sennoside B 2%; aloe ferox succo 98 mg titolato in aloina A+B 18% 17,6 mg; boldo (peumus boldus) foglie polvere 108 mg; inulina da cicoria (cichorium intybus) radice 78 mg; menta piperita (mentha piperita) foglie polvere 37 mg; carvi (carum carvi) frutti polvere 20 mg; finocchio (foeniculum vulgare) frutti polvere 20 mg; maltodestrine; antiagglomerante: talco, cellulosa microcristallina, magnesio stearato. Formato Flacone da 80 compresse.  

PHYSIC LEVEL 8 COMPRESSE-ZIONE TONICA ED ENERGIZZANTE

BIOGROUP SRL

PHYSIC LEVEL 8 COMPRESSE-ZIONE TONICA ED ENERGIZZANTE

€ 22,00

Physic Level     8 Integratore alimentare utile per svolgere una fisiologica azione tonica ed energizzante. Ingredienti Astragalo (astragalus membranaceus bung) radice estratto secco titolato 70% polisaccaridi; cardamomo (elettaria cardamomum white et mason) semi polvere; rodiola (rhodiola rosea l.) radice estratto secco titolato 1% salidroside; ginseng (panax ginseng c.a.meyer) radice estratto secco titolato 5% gin; giuggiolo (ziziphus jujuba miller) semi estratto secco titolato 2% saponine triterpeniche; asparago (asparagus officinalis l.) radice estratto secco; biancospino (crataegus oxyacantha medicus) fiori e foglie estratto secco titolato 1% vitexina; mandarino (citrus nobilis lour.) pericarpo polvere. Modalità d'uso Una compressa tre volte al giorno da deglutire con abbondante acqua. Avvertenze Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni di età. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata. Non superare la dose giornaliera raccomandata. Conservazione Conservare in luogo fresco e asciutto lontano da fonti di calore. Caratteristiche nutrizionali    per 3 compresse Astragalo e.s. apporto di polisaccaridi 450 mg 210 mg Cardamomo bastardo polvere 210 mg Rhodiola e.s. apporto di salidroside 210 mg 2,1 mg Ginseng e.s. apporto di ginsenosidi 210 mg 15,5 mg Giuggiolo e.s. apporto di saponine triterpeniche 210 mg 4,2 mg Asparago e.s. 90 mg Biancospino e.s. apporto di vitexina 90 mg 0,9 mg Mandarino polvere 90 mg Formato 30 compresse da 800 mg.    

FALQUI LINEA - COMPRESSE PER RIDURRE L'ASSORBIMENTO DI GRASSI E CARBOIDRATI -25%

FALQUI PRODOTTI FARMAC. SRL

FALQUI LINEA - COMPRESSE PER RIDURRE L'ASSORBIMENTO DI GRASSI E CARBOIDRATI

€ 29,90 € 22,40

Dispositivo medico utile a ridurre l'assorbimento dei grassi e dei carboidrati complessi assunti con la dieta. È utile, inoltre, per la prevenzione e il trattamento del sovrappeso e dell'obesità. Falqui Linea è una compressa multistrato a rilascio differenziato. I due strati esterni contengono Kaptufat 600, un complesso arricchito da una particolare fibra solubile capace, quando arriva nello stomaco, di legare la componente lipidica assunta con il cibo. Crea così un complesso costituito da grassi e fibre che viene fisiologicamente eliminato con le feci. Lo strato interno di Falqui Linea contiene un complesso naturale, Captocarb, un adiuvante nella perdita di peso che è capace di bloccare in maniera meccanica i processi di degradazione dei carboidrati complessi (pane, pasta, riso, patate). I carboidrati non degradati sono espulsi con le feci. Una conseguenza indiretta della riduzione dell'assorbimento dei carboidrati è la diminuzione dei picchi di glucosio post-prandiali. Modalità d'uso: Assumere 2-4 compresse prima dei due pasti principali con 2 bicchieri di acqua (circa 400 ml). La compressa non deve essere masticata o spezzata prima di essere deglutita. Avvertenze: Non assumere il prodotto al di sotto dei 12 anni. Dai 12 ai 18 anni, utilizzare solo sotto controllo medico. Non assumere Falqui Linea in gravidanza ed allattamento. Formato: Astuccio da 60 compresse multistrato.

NEVRIDOL COMPRESSE AD AZIONE ANTIOSSIDANTE PER IL TROFISMO DELLE CELLULE NERVOSE -15%

SHEDIR PHARMA SRL

NEVRIDOL COMPRESSE AD AZIONE ANTIOSSIDANTE PER IL TROFISMO DELLE CELLULE NERVOSE

€ 23,80 € 20,20

Integratore alimentare ad azione antiossidante, utile per il trofismo delle cellule nervose.       Acido alfa lipoico (ALA) L'acido alfa lipoico è una molecola piuttosto piccola formata da 8 atomi di carbonio e 2 atomi di zolfo, viene pertanto rapidamente assorbito e trasportato attraverso la membrana cellulare dove svolge le sue attività sia a livello lipidico (membrana cellulare), che nei comparti acquosi (citoplasma cellulare). L'azione antiossidante dell'ALA viene esplicata sia nella forma ridotta (ALA) che nella forma ossidata (Acido diidrossi lipidico), costituendo così uno scudo antiossidante di largo spettro verso molte specie di radicali liberi. Pertanto in presenza di vitamina C ossidata non più attiva (acido diedro ascorbico), l'acido diedro lipoico, tramite la donazione di un suo elettrone all'acido diedro ascorbico rigenera la forma attiva dell'acido ascorbico (vitamina C). L'azione rigenerante vale per tutti gli antiossidanti non più attivi che tramite L'ALA tornano alla forma attiva. L'ALA può incrementare l'efficacia dell'insulina a favorire il transito del glucosio nei mitocondri delle cellule. La maggior utilizzazione del glucosio nei processi energetici diminuisce la concentrazione dello stesso glucosio nel circolo ematico con la conseguente riduzione della glicemia e maggior efficacia dell'insulina. il miglioramento del controllo del glucosio può essere utile nella neuropatia diabetica, nella resistenza insulinica, intolleranza al glucosio, diabete, sovrappeso, ipertensione arteriosa, trigliceridemia e ipercolesterolemia. L'azione antiossidante dell'ALA sui nervi costituisce una protezione della struttura nervosa da degenerazione e contemporaneamente aumenta la velocità di trasmissione nervosa con il risultato di un ottimizzazione funzionale. L'azione normalizzante dell'ALA verso il metabolismo e la funzionalità neuronale può indurre un miglioramento nei casi di neuropatia diabetica e sensibilità nervosa con riduzione del dolore e del torpore sensoriale. Nei casi di neuriti da compressione (sciatalgia, ernie discali, cervicobrachialgia, tunnel carpale e tarsale) sembra che l'ALA possa aumentare nei nervi la presenza di neuropeptidi (Y) ad azione neurotropica. Ciò migliorerebbe sensibilmente la funzione nervosa e diminuirebbe il dolore.       Olio di borragine L'olio derivato dai semi di borragine contiene circa il 24 % di acido gamma linoleico (G.L.A.), acido grasso polinsaturo (Omega6). Il G.L.A. è stato impiegato per migliorare la neuropatia diabetica.       Vitamina C(acido ascorbico) E' una vitamina idrosolubile vanta una spiccata azione antiossidante. La vitamina C insieme all'acido alfa lipoico potenzia l'azione antiossidante, in particolare coadiuva a mantenere la concentrazione intracellulare di glutatione ridotto.       Artiglio del diavolo I tuberi della radice di questa pianta dell'Sud Africa contengono irridoidi, arpagoside e procumboside che possiedono proprietà antinfiammatorie con effetto analgesico.       Zinco Dall'attività immunostimolante impiegato in caso di raffreddore, indebolimento della vista, ecc. meno conosciuta è la sua attività come catalizzatore di oltre 300 enzimi in particolare nella trasmissione delle informazioni genetiche e nella funzionalità delle membrane cellulari.       Vitamina B1 Promuove e favorisce il trofismo di numerosi tessuti in particolare di quello nervoso sia a livello centrale che periferico (nervi sensitivi e motori).       Vitamina B6 Agisce sul metabolismo proteico dei vari tessuti organici ed in modo particolare in quelli nervosi.       Vitamina B12 Coenzima implicato nella reazioni pro-energetiche e nel metabolismo dei tessuti nervosi. Ingredienti e caratteristiche nutrizionali   per 2 compresse %RDA* per 100 g Acido alfa lipoico 600 mg   42,8 g Olio di borragine 100 mg   7,1 g Vitamina C 80 mg 100% 5,7 g Artiglio del diavolo radice estratto secco 1,5 % arpagoside di cui Arpagofito     30 mg       2,1 g Zinco 10 mg 100% 900 mg Vitamina B6 1,4 mg 100% 100 mg Vitamina B1 1,1 mg 100% 78 mg Vitamina B12 2,5 µg **100% 0,17 mg Altri ingredienti: calcio fosfato; antiagglomeranti: croscarmellose sodium; silice amorfa; olio di ricino idrogenato; antiagglomerante: magnesio stearato vegetale; zinco ossido. * RDA= percentuale del valore del fabbisogno giornaliero. ** LARN= Livelli di Assunzione Giornaliera Raccomandati. Modalità d'uso 1 o 2 compresse al giorno durante o dopo i pasti. Avvertenze Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni di età. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata. Non superare la dose giornaliera raccomandata. Per donne in gravidanza o in allattamento e bambini si raccomanda di sentire il parere del medico. Conservazione Conservare in luogo fresco e asciutto, lontano da fonti di calore, luce e umidità. Formato Confezione da 40 compresse da 700 mg in blister.  

LABO CADU-CREX INTEGRATORE CAPELLI ANTICADUTA ALPHA 8 COMPRESSE -43%

LABO INTERNATIONAL

LABO CADU-CREX INTEGRATORE CAPELLI ANTICADUTA ALPHA 8 COMPRESSE

€ 35,00 € 20,00

Cadu-Crex Integratore Alpha-8 è un complemento ad uso orale in compresse studiato per completare tutti i trattamenti in fiale per la caduta di Labo. La formulazione dell’integratore Cadu-Crex Alpha-8 contiene una base di aminoacidi (Metionina, Cistina, Taurina, Idrossiprolina e Acido Aspartico), di vitamine (E, B5, B6, H) e minerali (Zinco, Rame e Selenio) che coadiuvano la salute dei capelli e del cuoio capelluto. Contiene inoltre Acetil Cisteina, NADH, 5 Nucleotidi (veri e propri sostituti delle molecole piastriniche ma ad uso orale), Astaxantina da Haematococcus Pluvialis e con Serenoa Repens nella formulazione uomo. Nella formulazione specifica per la Donna sono presenti il Ferro, la Glutammina, l’estratto da foglie di Vitis Vinifera e Epigallocatechina gallato da Camelia sinensis. Non contiene glutine Avvertenze: gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed uno stile di vita sano. Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni di età. Conservare in luogo fresco ed asciutto, al riparo dalla luce solare e da fonti di calore diretto. Non disperdere il contenitore nell'ambiente. Non utilizzare in gravidanza o nei bambini o comunque per periodi prolungati senza sentire il parere del medico. Modalità d'uso: assumere 1 compressa al giorno, prima del pasto principale, da deglutire con acqua. Formato: ​​​​​​​Formule specifiche per Uomo e per Donna, confezioni da 30 e 60 compresse

COLESTEROL ACT PLUS - INTEGRATORE ALIMENTARE A BASE DI MONACOLINA K -48%

FF SRL

COLESTEROL ACT PLUS - INTEGRATORE ALIMENTARE A BASE DI MONACOLINA K

€ 19,90 € 10,32

Integratore alimentare a base di Monacolina K del riso rosso che contribuisce al mantenimento di livelli normali di colesterolo nel sangue. Gli estratti di Coleus e Caigua favoriscono la regolarità della pressione arteriosa. Ingredienti   per dose giornaliera (1 compressa) % RDA Riso rosso fermentato (Monascus purpureus estratto secco) titolato al 5% in Monacolina 200 mg   10 mg     Guggul (Commiphora Mukul) resina 10 mg   Coleus Forskohlii radice 10 mg   Caigua (Cyclantera Pedata) frutti 10 mg   Acido folico 200 µg 100% Octacosanolo 10 mg   Beta sitosterolo 50 mg   Altri ingredienti: agente di carica: cellulosa microcristallina; antiagglomerante: magnesio stearato vegetale; agenti di rivestimento: hydroxypropyl methylcellulose, acido stearico, cellulosa microcristallina. Modalità d'uso Assumere 1 compressa con un po’ d’acqua, la sera dopo i pasti. Avvertenze Il prodotto non sostituisce una dieta variata. Deve essere impiegato nell’ambito di una dieta ipocalorica adeguata seguendo uno stile di vita sano ed equilibrato, con un buon livello di attività fisica. Se la dieta viene seguita per periodi prolungati, superiori alle tre settimane, si consiglia di sentire il parere del medico. Per l’uso del prodotto si consiglia di sentire il parere del medico. Non usare in gravidanza, durante l’allattamento e in caso di terapia con farmaci ipolipidemizzanti. L’effetto benefico si ottiene con l’assunzione giornaliera di 10 mg di monacolina K da preparazioni di riso rosso fermentato. Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Conservazione Conservare in luogo fresco ed asciutto. La data di scadenza si riferisce al prodotto in confezione integra, correttamente conservato. Formato Flacone da 30 e 60 compresse da 400 mg

SUPRADYN RICARICA COMPRESSE RIVESTITE - INTEGRATORE A BASE DI VITAMINE E MINERALI -25%

BAYER SPA

SUPRADYN RICARICA COMPRESSE RIVESTITE - INTEGRATORE A BASE DI VITAMINE E MINERALI

€ 14,80 € 11,10

Formulato per assicurare un adeguato apporto giornaliero di micronutrienti nei casi di aumentato fabbisogno fisiologico o di ridotto apporto con la normale dieta. Contiene Vitamina B1, Vitamina B2, Vitamina B5 e Niacina ad alto dosaggio. In quantità pari al 300% del valore nutritivo di riferimento. Le compresse hanno un basso contenuto di zuccheri e di sale. Principali nutrienti e le loro proprietà: • Vitamine del gruppo B, Rame, Ferro, Iodio contribuiscono al normale metabolismo energetico. • Vitamina A, Vitamina C e Vitamina D contribuiscono alla normale funzione del sistema immunitario. • Vitamina E, Vitamina C, Selenio e Zinco contribuiscono alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo.   Valori per 1 compressa %VNR*  Vitamine  Vitamina A 800 µg 100%  Vitamina D 5 µg 100%  Vitamina E 12 mg  100%  Vitamina K 25 µg 33%  Vitamina C 180 mg  225%  Vitamina B1/Tiamina 3,3 mg 300%  Vitamina B2/Riboflavina 4,2 mg 300%  Vitamina B2/Riboflavina 4,2 mg 300%  Niacina 48 mg  300%  Vitamina B6 2 mg  143%  Acido folico 200 µg 100%  Vitamina B12 3 µg 120%  Biotina 50 µg 100%  Acido Pantotenico  18 mg 300%  Minerali  Calcio 120 mg 15%  Magnesio 80 mg  21%  Ferro 14 mg 100%  Rame 1 mg  100%  Manganese 2 mg 100%  Selenio 50 µg  91%  Molibdeno 50 µg 100%  Iodio 150 µg 100%  Zinco 10 mg  100%  Altri componenti  Coenzima Q10 4,5 mg -  *Valori Nutritivi di Riferimento Modalità d'uso: Si consiglia l'assunzione di 1 compressa effervescente per adulti e bambini dai 12 anni in su, da deglutire con un sorso d'acqua. Avvertenze: Tenere fuori dalla portata dei bambini di età inferiore a 3 anni. Non superare la dose giornaliera consigliata. Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata e di un corretto stile di vita. Contiene una fonte di fenilalanina. Un consumo eccessivo può avere effetti lassativi. Conservazione: Tenere il contenitore ben chiuso. Conservare a temperatura inferiore a 25°C. Consumare entro la data indicata sulla confezione. Formato: Confezione da 35 o 60 compresse rivestite. Peso netto: 80,6 g 

SUSTENIUM BIORITMO UOMO - MULTIVITAMINICO E MULTIMINERALE 30 COMPRESSE -25%

A. MENARINI IND. FARM. RIUN. SRL

SUSTENIUM BIORITMO UOMO - MULTIVITAMINICO E MULTIMINERALE 30 COMPRESSE

€ 15,90 € 11,90

Descrizione: Integratore alimentare multivitaminico e multiminerale indicato in caso di carenze o di aumentati fabbisogni organici dei micronutrienti contenuti.  La tecnologia trifase a rilascio differenziato garantisce la cessione delle vitamine e dei minerali nelle varie fasi della giornata per venire incontro alle esigenze vitaminiche dell’organismo. Dopo 5 minuti vengono rilasciate le vitamine del gruppo B e il magnesio, che contribuiscono al normale metabolismo energetico; dopo un'ora entrano in gioco il coenzima Q10, il rame, il selenio, il cromo, lo iodio, il calcio, il ferro e lo zinco: il calcio contribuisce al buon funzionamento muscolare; infine, dopo 8 ore, vengono assunte le vitamine D, A e C, che contribuiscono al buon funzionamento del sistema immunitario.  Ingredienti: Sali di calcio dell'acido ortofosforico; agenti di carica: cellulosa, idrossi-propil-metilcellulosa, carbossimetilcellulosa sodica reticolata; ossido di magnesio, vitamina C (acido L-ascorbico), vitamina E (acetato di DL-alfa tocoferile); agenti antiagglomeranti: sali di magnesio degli acidi grassi, biossido di silicio; colorante: ossidi e idrossidi di ferro; coenzima Q10, vitamina A (acetato di retinile), ossido di zinco, acido pantotenico (D-pantotenato, calcio – Vitamina B5), vitamina B12 (cianocobalamina), citrato di rame, vitamina D (colecalciferolo), vitamina B6 (cloridrato di piridossina), vitamina B2 (riboflavina), vitamina B1 (cloridrato di tiamina), picolinato di cromo, acido folico (acido pteroil-monoglutammico), ioduro di potassio, selenito di sodio, biotina (D-biotina).  Caratteristiche nutrizionali: Apporti medi  per dose  %NRV*   Calcio  160 mg  20   Magnesio  131 mg  35   Vitamina C  40 mg  50   Vitamina E  8 mg  67   Coenzima Q10  10 mg  -   Zinco  7 mg  70   Acido pantotenico  6 mg  100   Ferro  4,2 mg  30   Riboflavina  1,4 mg  100   Vitamina B6  1,4 mg  100   Tiamina  1,1 mg  100   Rame  1 mg  100   Vitamina A  720 mcg  90   Acido folico  200 mcg  100   Iodio  105 mcg  70   Biotina  50 mcg  100   Selenio  55 mcg  100   Cromo  40 mcg  100   Vitamina D  5 mcg  100   Vitamina B12  2,5 mcg  100   *Valore nutritivo di riferimento giornaliero (adulti) ai sensi del Reg. UE 1169/2011  Modalità d'uso: 1 compressa al giorno da deglutire con un bicchiere d'acqua.  Avvertenze: Tenere fuori dalla portata dei bambini sotto i 3 anni. Non superare la dose giornaliera consigliata. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata e di un sano stile di vita.  Conservazione: Conservare in un luogo fresco (<25°C) e asciutto, lontano da fonti di calore e dai raggi solari.  Validità a confezione integra: 24 mesi.  Formato: Confezione da 30 compresse da 1,450 g.  

COLESOLV - INTEGRATORE PER IL CORRETTO METABOLISMO DEL COLESTEROLO -15%

Forza vitale Italia srl

COLESOLV - INTEGRATORE PER IL CORRETTO METABOLISMO DEL COLESTEROLO

€ 23,90 € 20,30

Integratore alimentare utile per favorire il corretto metabolismo del colesterolo.   Ingredienti   per dose giornaliera (1,5 ml) Riso rosso fermentato (Monascus purpureus) estratto secco titolato al 1,5% in monacolina 200 mg Berberis (Berberis aristata) corteccia estratto secco titolato 98% berberina 150 mg Té verde (Camellia sinensis) foglie estratto secco titolato 50% in polifenoli 100 mg Carciofo (Cynara scolymus) foglie estratto secco titolato 2,5% in acidi caffeilchinici 65 mg Acido alfa lipoico 50 mg Pepe nero (Piper nigrum) frutti estratto secco titolato 95% piperina 20 mg Canna da zucchero (Saccharum officinarum) estratto secco titolato 60% octocosanolo    di cui Octocosanoli   10 mg Coenzima Q10 5 mg Altri ingredienti: metolose; chitosano; magnesio stearato vegetale; biossido di silicio; agenti di rivestimento: etilcellulosa, sodio carbossimetilcellulosa; idrossipropilmetilcellulosa; talco; polidestrosio; ammonio idrossido; trigliceridi a media catena; acido oleico; coloranti naturali (riboflavina, carmine); cellulosa microcristallina. Modalità d'uso 1 compressa al giorno. Avvertenze: Da non usare in gravidanza, durante l'allattamento e in caso di terapia con farmaci ipolipidemizzanti. Non superare la dose giornaliera raccomandata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni di età. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata. Formato: Confezione da 30 compresse.

ACUTIL ADVANCE COMPRESSE A BASE DI FOSFOSERINA IN CASO DI STANCHEZZA -25%

ANGELINI

ACUTIL ADVANCE COMPRESSE A BASE DI FOSFOSERINA IN CASO DI STANCHEZZA

€ 15,90 € 11,90

Descrizione Integratore alimentare psicostimolante in compresse a base di fosfoserina, glutamina, asparagina e vitamina B6 che contribuisce alla normale funzione psicologica ed alla riduzione di stanchezza e affaticamento. Ingredienti Agenti di carica: calcio carbonato, cellulosa microcristallina; L-asparagina, L-glutamina, fosfoserina; agenti antiagglomeranti: mono e digliceridi degli acidi grassi, carbossimetilcellulosa sodica reticolata, sali di magnesio degli acidi grassi, biossido di silicio (nano); vitamina B6 (cloridrato di piridossina). Senza glutine. Naturalmente privo di lattosio. Caratteristiche nutrizionali Contenuti medi per 1 compressa %VNR* per 1 compressa per 4 compresse %VNR* per 4 compresse L-asparagina 25 mg   100 mg   N-acetil L-glutamina 25 mg   100 mg   Fosfoserina 25 mg   100 mg   Vitamina B6 0,75 mg 53,5% 3 mg 214% VNR=valore nutritivo di riferimento giornaliero (adulti) ai sensi del Reg.(UE) n.1169/2011 Modalità d'uso Si consiglia l'assunzione di 2 compresse due volte al giorno da deglutire con un po' di acqua. Avvertenze Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Non superare la dose giornaliera consigliata. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di un sano stile di vita. Conservazione Conservare a temperatura ambiente (15°-25°C), evitare l'esposizione a fonti di calore localizzate, ai raggi solari e il contatto con l'acqua. La data di scadenza si riferisce al prodotto correttamente conservato, in confezione integra. Formato Confezione da 50 compresse.

LICHTENA DERMO SOLARI INTEGRASOL AK 30 COMPRESSE -40%

GIULIANI

LICHTENA DERMO SOLARI INTEGRASOL AK 30 COMPRESSE

€ 29,00 € 17,40

Lichtena® DERMOSOLARI IntegraSol AK è l’integratore alimentare specificatamente formulato dalla Ricerca Dermatologica Giuliani per fornire alla pelle nutrienti importanti per il suo benessere (Biotina) e la sua bellezza, promuovendo la sintesi dell’acido ialuronico (NAG – N-acetil-glucosammina). Contiene l’esclusivo Complesso OXODEFEND, Brevetto Giuliani con estratto di bacche di Goji, superfood dalle proprietà antiossidanti che aiuta a proteggere la pelle dallo stress ossidativo e dai danni indotti dai raggi UV.   L’assunzione di Lichtena® DERMOSOLARI IntegraSol AK è consigliata prima e durante l’esposizione ai raggi UV. Si raccomanda di non superare le dosi consigliate per l’assunzione giornaliera. ​​​​​​​ Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata, equilibrata e di uno stile di vita sano. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Non assumere in gravidanza. Non somministrare ai bambini al di sotto dei 3 anni di età. Non sostituisce la protezione solare. Conservare il prodotto in un luogo fresco e asciutto, al riparo dalla luce, dall’umidità e da fonti dirette di calore. L’innovativa formula di Lichtena® DERMOSOLARI IntegraSol AK contiene: Un pool di ingredienti antiossidanti – estratto dalle bacche di Goji, Vitamina E, Rame e Selenio – che aiutano a proteggere le cellule dallo stress ossidativo indotto dai raggi UV. Selenio che contribuisce al regolare funzionamento del sistema immunitario. Rame che favorisce la normale pigmentazione della pelle e contribuisce al regolare funzionamento del sistema immunitario. Biotina che aiuta a mantenere il benessere della pelle. NAG che promuove la sintesi dell’acido ialuronico.  La formulazione è arricchita con Zeaxantina (carotenoide), N-acetil cisteina e un estratto ottenuto dai semi di Moringa oleifera, fitocomplesso ricco in vitamine e minerali. Lichtena® DERMOSOLARI IntegraSol AK è senza glutine e senza lattosio. Modo d'uso : Assumere una compressa al giorno di Lichtena® DERMOSOLARI IntegraSol AK, intera con un sorso d’acqua, preferibilmente a stomaco pieno con la colazione del mattino o al pasto principale. Si consiglia di iniziare l’assunzione delle compresse di Lichtena® DERMOSOLARI IntegraSol AK un mese prima dell’esposizione solare e di prolungarne l’utilizzo fino a un mese dopo. Formato : 30 compresse